LinkedIn rinuncia alle storie

LinkedIn sta chiudendo il suo prodotto effimero Stories, la società ha annunciato martedì. La società prevede di “rimuovere l’attuale esperienza di Stories entro la fine di settembre”, secondo Liz Li, senior director of product. Le storie video in stile Snapchat sono state lanciate per la prima volta nel febbraio 2020 in test interni.

Parte del motivo dell’arresto è che LinkedIn ha appreso che gli utenti non volevano che i video scomparissero. “Nello sviluppo di Storie, abbiamo pensato che le persone non avrebbero voluto video informali allegati al proprio profilo e che l’effimero avrebbe ridotto le barriere che le persone sentono riguardo alla pubblicazione”, ha detto Li. “Si scopre che vuoi creare video duraturi che raccontino la tua storia professionale in un modo più personale e che mostrino sia la tua personalità che le tue competenze”.

La mossa di LinkedIn segue la chiusura di Fleets da parte di Twitter, il suo prodotto simile a Stories, a luglio. Come LinkedIn, Twitter ha osservato che gli utenti non hanno risposto ai video effimeri nel modo desiderato. “Speravamo che Fleets aiutasse più persone a sentirsi a proprio agio nell’unirsi alla conversazione su Twitter”, Ilya Brown, vicepresidente del prodotto di Twitter, detto sul blog di Twitter. “Ma, da quando abbiamo presentato Fleets a tutti, non abbiamo visto un aumento del numero di nuove persone che si uniscono alla conversazione con Fleets come speravamo.”

Le due chiusure potrebbero segnalare un ritiro più ampio dai prodotti video effimeri tra le società di social media. Tuttavia, sembra improbabile che Snapchat o Instagram rinuncino ai loro prodotti Stories in qualunque momento presto.

Ora non ci resta che aspettare e vedere quali società di social media faranno un passo indietro rispetto ai loro cloni Clubhouse. Se ti stavi chiedendo, sì, LinkedIn sta lavorando su uno di questi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *