GM interrompe temporaneamente la produzione della Chevy Bolt dopo l’ultimo richiamo

General Motors sta interrompendo la produzione della Chevy Bolt EV dopo che una serie di incendi della batteria ha provocato un massiccio ritiro che è già costato all’azienda quasi $ 2 miliardi. La casa automobilistica non riprenderà a produrre Bolt and Bolt EUV 2022 almeno fino a metà settembre. Inizialmente aveva interrotto la produzione la scorsa settimana a causa della carenza globale di chip.

Anche il processo di riparazione del richiamo è sospeso, poiché GM è ancora in attesa di ottenere nuovi moduli batteria dal suo fornitore, il conglomerato sudcoreano LG, che è sicuro che siano privi di difetti. “Non riprenderemo le riparazioni o riavvieremo la produzione fino a quando non saremo sicuri che LG produrrà per noi prodotti privi di difetti”, ha dichiarato il portavoce di GM Daniel Flores in una nota. Il Verge.

È l’ultimo colpo a uno dei veicoli elettrici più capaci e dal prezzo competitivo sul mercato, e arriva mentre GM si prepara ad aumentare drasticamente il numero di veicoli elettrici nella sua gamma. Quei nuovi veicoli elettrici saranno anche alimentati da batterie LG, che rende le celle che GM ha identificato come la causa degli incendi nel Bolt. L’amministratore delegato di GM Mary Barra ha detto Bloomberg alla fine della scorsa settimana, però, che il il richiamo non influirà sul piano delle aziende di continuare a collaborare sulle batterie dei veicoli elettrici – nonostante GM abbia detto che intende far pagare a LG il richiamo.

GM ha richiamato per la prima volta le Chevy Bolts 2017-2019 nel novembre 2020 dopo che erano stati segnalati una manciata di incendi. Ma non è stato fino a maggio 2021 che la società ha spiegato che avrebbe tentato di prevenire futuri incendi installando nuovo software su quei vecchi Bolt e su tutti i nuovi modelli realizzati. Quella correzione non ha funzionato, tuttavia, poiché almeno altri due Bolt hanno preso fuoco entro luglio che avevano il nuovo software. GM ha emesso un secondo richiamo e alla fine ha anche iniziato a condividere che riteneva che alcuni difetti nelle celle stessero causando gli incendi.

Quindi, il 20 agosto, pochi giorni dopo che un Bolt del 2020 ha preso fuoco, GM ha emesso un terzo richiamo per tutti i veicoli elettrici Bolt mai realizzati – circa 140.000 – comprese le due nuove versioni 2022 lanciate quest’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *