Primo ministro malese in quarantena dopo il contatto con un paziente COVID-19 | Notizie sulla pandemia di coronavirus


L’ufficio di Ismail Sabri Yaakob non ha detto per quanto tempo il premier sarebbe rimasto in quarantena.

Il primo ministro malese Ismail Sabri Yaakob è in quarantena a seguito dello stretto contatto con un paziente COVID-19.

Il suo ufficio ha detto in una dichiarazione lunedì che non era chiaro per quanto tempo sarebbe stato in quarantena e non ha indicato alcun risultato per un test del coronavirus.

Ismail Sabri ha iniziato l’autoisolamento e parteciperà virtualmente alle celebrazioni ufficiali della Giornata Nazionale di martedì, ha affermato, notando che lunedì ha perso la cerimonia di giuramento del suo nuovo governo.

Ismail Sabri ha prestato giuramento come primo ministro all’inizio di questo mese, succedendo a Muhyiddin Yassin che si è dimesso dopo non essere riuscito a mantenere una stretta maggioranza in Parlamento.

Prende il comando tra la rabbia pubblica per la gestione della pandemia, con un recente aumento dei casi di COVID-19 che ha registrato massimi e previsioni di crescita declassate dopo che l’economia è stata colpita da blocchi estesi.

Un totale di 31 ministri e 38 viceministri hanno prestato giuramento a palazzo lunedì. Ismail Sabri non ha nominato un deputato, ma ha mantenuto quattro alti incarichi ministeriali creati da Muhyiddin per mantenere felici le fazioni nel suo governo a maggioranza malese.

Molte persone hanno applaudito la nomina del popolare ex ministro della Scienza Khairy Jamaluddin – che era responsabile del programma di vaccinazione – come nuovo ministro della salute.

Il paese del sud-est asiatico è riuscito a vaccinare un’ampia percentuale della sua popolazione adulta, con il 62% completamente inoculato.

Ma almeno sei dei 13 stati della Malesia hanno vaccinato completamente solo meno del 50% dei residenti finora, secondo il quotidiano Straits Times.

Ha citato Ismail Sabri dicendo che questi stati sono destinati a inoculare completamente il 50 percento della loro popolazione adulta entro la fine di settembre al “più tardi”.

I casi giornalieri di COVID-19 sono saliti a oltre 20.000 dal 5 agosto.

La Malesia ha finora riportato circa 1,7 milioni di infezioni da coronavirus e oltre 16.000 morti, secondo i dati pubblicati dalla Johns Hopkins University negli Stati Uniti.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *