La bolla gonfiabile “Free Guy” proteggerebbe una persona reale?

Ma è difficile dirlo con certezza, dal momento che i dati della NASA si basano su prove sperimentali. E per di più, ogni essere umano è diverso, con tolleranze diverse. Anche l’orientamento del corpo durante l’accelerazione è importante. Gli umani sono più tolleranti a un’accelerazione in un orientamento chiamato “bulbi oculari”. Questa sarebbe la posizione di un astronauta che decolla in un razzo, sdraiato all’indietro e guardando in alto, in modo tale che l’accelerazione spinga i bulbi oculari nel cranio. Se, tuttavia, Guy atterra sul lato delle costole, probabilmente potrebbe resistere solo a circa 10-15 g.

Ora cerchiamo di capire come proteggeresti un umano che cade nella vita reale. Supponiamo che qualcuno cada da un edificio e abbia la stessa velocità verso il basso di Guy subito prima dell’impatto (circa 17,5 m/s). Se vuoi che quella persona finisca a terra con una velocità zero, ci sono due cose che potresti cambiare che farebbero una differenza significativa. (Ricorda, l’obiettivo è avere un’accelerazione con una magnitudine abbastanza piccola da non far male alla persona. Forse è di circa 10 g invece di 25, anche se sarebbe comunque approssimativo.)

Per prima cosa, potresti sistemarlo in modo che la persona colpisca qualcosa di morbido e si fermi invece di rimbalzare. L’accelerazione dipende dalla variazione di velocità (vettore). Ciò significa che passando da una velocità di 17,5 m/s fuori uso a uno di 10 m/s su è un cambiamento di 27,5 m/s, poiché la direzione è importante. Tuttavia, se la persona si fermasse e non rimbalzasse, sarebbe solo un cambiamento di velocità di 17,5 m/s. Con una variazione minore di velocità, avresti un’accelerazione minore, il che significa una forza g inferiore. Ciò renderebbe la collisione più sopravvissuta.

La seconda cosa da cambiare è il tempo. Se aumenti il ​​tempo durante il quale l’umano si ferma, diminuisci la loro accelerazione. Sono sicuro che sei stato in un’auto che si muoveva a una velocità di 17,5 m/s, ovvero 39 mph. Quando ti sei fermato, molto probabilmente non ti ha causato lesioni. Questo perché un’auto frena fino a fermarsi in un intervallo di tempo di circa 10 secondi, quindi l’accelerazione è piuttosto piccola anche se avresti lo stesso cambiamento di velocità di Guy.

Nella vita reale, puoi aumentare il tempo di arresto con qualcosa come un airbag acrobatico. Si tratta di grandi strutture gonfiabili che collassano all’impatto e vengono utilizzate durante le riprese di scene d’azione nei film. L’airbag della tua auto si basa sullo stesso principio per tenerti al sicuro, oppure più sicuro—in un incidente. Fermando un corpo in movimento su una distanza maggiore, gli airbag aumentano il tempo di impatto. che diminuisce l’accelerazione. Entrambi i tipi di airbag si sgonfiano all’impatto per impedire alla persona di rimbalzare all’indietro. (Il che, come ho spiegato nell’esempio precedente, è negativo.) Naturalmente, un airbag non funzionerebbe per la scena in ragazzo libero– avresti dovuto installarlo prima dell’autunno e sapere dove sarebbe atterrato Guy.

Quindi, in conclusione: l’anello del cuscino gonfiabile intorno a Guy sembra bello e crea una divertente scena di rimbalzo. Ma data la sua accelerazione di 25 g, quell’atterraggio farà ancora male.

A meno che Guy non sia nemmeno reale. In tal caso, sta bene.


Altre grandi storie WIRED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *