Microsoft non ti impedirà di installare Windows 11 sui vecchi PC

Microsoft ha annunciato oggi che non impedirà alle persone di installare Windows 11 sulla maggior parte dei PC più vecchi. Sebbene il produttore del software abbia raccomandato i requisiti hardware per Windows 11 – a cui si attiene in gran parte – una restrizione per l’installazione del sistema operativo verrà applicata solo quando si tenta di eseguire l’aggiornamento da Windows 10 a Windows 11 tramite Windows Update. Ciò significa che chiunque disponga di un PC con una CPU precedente che non supera ufficialmente il test di aggiornamento può comunque procedere e scaricare un file ISO di Windows 11 e installare manualmente il sistema operativo.

Microsoft ha annunciato i requisiti hardware minimi di Windows 11 a giugno e ha chiarito che solo le CPU Intel di ottava generazione e successive erano ufficialmente supportate. Microsoft ora ci dice che questa soluzione alternativa all’installazione è progettata principalmente per le aziende per valutare Windows 11 e che le persone possono eseguire l’aggiornamento a proprio rischio poiché l’azienda non può garantire la compatibilità dei driver e l’affidabilità complessiva del sistema. Microsoft non consiglierà o pubblicizzerà questo metodo di installazione di Windows 11 per i consumatori. Infatti, dopo aver pubblicato questo post, Microsoft ci ha contattato per parlarci di un problema potenzialmente gigantesco che non ha menzionato durante il nostro briefing: i sistemi aggiornati in questo modo potrebbero non avere diritto a ricevere gli aggiornamenti di Windows, anche quelli di sicurezza. Chiediamo chiarimenti a Microsoft.

Nel complesso, è un grande cambiamento che significa che milioni di PC potrebbero non essere lasciati indietro, tecnicamente. I consumatori dovranno comunque impegnarsi per scaricare un file ISO e installare manualmente Windows 11, cosa che la stragrande maggioranza probabilmente non farà. Ma per chi è felice di installare Windows manualmente, le specifiche minime effettive di Windows 11 significano che le generazioni di CPU non contano, purché si disponga di un processore a 64 bit da 1 GHz con due o più core, 4 GB di RAM e 64 GB di spazio di archiviazione.

Windows 11 ora verrà eseguito su CPU meno recenti.

Oltre alla soluzione alternativa per installare Windows 11, Microsoft sta anche modificando i suoi requisiti minimi di sistema per includere più processori. Le serie Intel Core X e Xeon W saranno ora ufficialmente supportate per gli aggiornamenti di Windows 11, insieme al chip Intel Core 7820HQ che si trova all’interno di Surface Studio 2.

Microsoft ha testato questi processori con Intel, ma il 7820HQ è supportato solo sui dispositivi forniti con App dichiarative, componibili, di supporto hardware (DCH). Potresti aver sentito parlare di DCH nei driver GPU ed è un design del driver più pulito e sicuro che Microsoft ha incoraggiato gli OEM e i produttori di hardware ad adottare negli ultimi anni. Le app come i pannelli di controllo GPU sono separate dall’installazione del driver con DCH, consentendo agli OEM di fornirle separatamente senza dover rilasciare nuovi aggiornamenti del driver.

Microsoft non supporterà ufficialmente alcuna CPU Zen 1, nonostante le abbia testate di recente. “Dopo aver analizzato attentamente la prima generazione di processori AMD Zen in collaborazione con AMD, abbiamo concluso insieme che non ci sono aggiunte all’elenco delle CPU supportate”, afferma il team Windows di Microsoft in un post sul blog di oggi.

Ovviamente esiste una soluzione alternativa per installare Windows 11 su questi vecchi sistemi AMD, ma Microsoft afferma che i dispositivi che non soddisfano i requisiti hardware minimi “hanno avuto il 52% in più di arresti anomali della modalità kernel”. I dispositivi che soddisfano le specifiche minime ufficiali “hanno avuto un’esperienza senza arresti anomali del 99,8%”, afferma Microsoft.

L’app PC Health Check aggiornata.
Immagine: Microsoft

Microsoft sta ora pianificando di aggiornare la sua app PC Health Check (un’anteprima è disponibile qui) per includere le nuove CPU Intel e fornire maggiore chiarezza sul motivo per cui il tuo PC potrebbe non essere in grado di eseguire l’aggiornamento ufficiale. La nuova app PC Checker consentirà agli utenti Windows di sapere se devono semplicemente abilitare Secure Boot o TPM 2.0 per l’aggiornamento, il che è molto meglio del vago messaggio non supportato che ha accolto molti a giugno.

Microsoft spiega anche come è arrivata a questi requisiti minimi di sistema per Windows 11. Microsoft vuole spingere Windows verso i moderni driver DCH e la sicurezza moderna con il supporto Trusted Platform Module (TPM) e la sicurezza basata sulla virtualizzazione (VBS). Non è mai un buon momento per provare a modificare i requisiti hardware, ma con una soluzione alternativa in atto attutisce il colpo di ciò che Microsoft sta cercando di ottenere per migliorare gli aspetti di sicurezza, compatibilità e affidabilità di Windows 11.

Aggiornamento, 23:59 ET: Aggiunto che gli aggiornamenti di Windows 11 potrebbero essere a rischio se si utilizza il metodo di installazione ISO con un PC che non soddisfa i requisiti di sistema dell’azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *