Combattimento per combattimento, Jake Paul colpisce per la credibilità


Jake Paul non ha avuto un momento tranquillo per pensare.

Tra un viaggio a Miami per vedere suo fratello maggiore, Logan, combattere Floyd Mayweather Jr. a giugno, allenarsi a Porto Rico per un combattimento domenica e suscitare polemiche sui social media, Paul si è tenuto occupato. Non ha avuto il tempo di valutare la sua presa sugli sport da combattimento da quando è passato alla boxe nel 2018 o come ha cambiato il panorama da allora.

“Penso che a volte quando rifletti, va bene, ma a volte è male”, ha detto Paul in un’intervista. “Quindi in questo momento, sono solo a testa bassa. Il treno si muove a 100 miglia all’ora e io non sto rallentando per nessuno”.

In soli tre incontri, Paul, 24 anni, si è trasformato da principiante in un pareggio principale, anche se controverso. I fan più accaniti disprezzano la sua ascesa, alcuni affermano che il suo grande seguito e la celebrità sui social media – piuttosto che anni di duro lavoro tradizionale – gli hanno regalato un percorso verso il ring.

Ha anche nemici nella comunità delle arti marziali miste: Dana White, il presidente di Ultimate Fighting Championship, e la sua star Conor McGregor e altri combattenti di spicco lo hanno insultato. Paul ha detto che gli è piaciuto il suo ruolo contraddittorio, ed è uno che cerca di continuare.

Domenica, affronterà Tyron Woodley, l’ex campione dei pesi welter UFC, al Rocket Mortgage FieldHouse nella città natale di Paul, Cleveland. È il primo contratto multifight di Paul con Showtime, che venderà l’incontro in pay-per-view per $ 59,99. L’incontro di boxe di otto round in programma sarà disputato con un catchweight di 190 libbre.

Woodley, 39 anni, offre a Paul la sua sfida più dura come combattente. Ma se Paul vince, ha detto che sarà la prova che può competere con talenti di alto livello.

“Dimostrerò che anche i più alti livelli non hanno le mani”, ha detto Paul, riferendosi alle loro abilità di combattimento. “Continuerò ad esporlo. L’ho fatto una volta e lo rifarò”.

Paul e suo fratello guidano una nuova tendenza tra gli sport da combattimento che offusca i confini tra competizione, intrattenimento e spettacolo. A giugno, Logan, 26 anni, ha combattuto Mayweather in un incontro di boxe di esibizione di otto round non sanzionato all’Hard Rock Stadium di Miami. I particolari all’inizio sembravano oltraggiosi: l’anziano Paul aveva combattuto solo una volta prima a livello professionale, mentre Mayweather, considerato uno dei più grandi pugili di sempre, vantava un record di 50-0 senza macchia.

Ma Logan è sopravvissuto fino alla campana finale contro la maggior parte delle previsioni, senza nemmeno cadere sulla tela.

Alcuni fan sui social media hanno espresso il loro disappunto, sostenendo che la lotta era truccata. Mayweather storicamente ha combattuto con uno stile difensivo e sfuggente piuttosto che cercare knockout, ma pochi si aspettavano che Paul, anche con un vantaggio di quasi 35 libbre, potesse resistere a otto round con lui.

Tuttavia, il relativo acume per la boxe di Paul era probabilmente fuori luogo. La lotta ha registrato oltre un milione di acquisti in pay-per-view, travolgendo i server di Showtime in modo così drastico che si sono bloccati, costringendo l’azienda a offrire un rimborso ai clienti.

“Questo è un nuovo tempo, una nuova era, un nuovo capitolo nel pugilato”, ha detto Paul. “C’è un nuovo modo di affrontare le cose. Ci sono nuovi ragazzi nel quartiere”.

Paul e suo fratello hanno accumulato la loro fama attraverso i social media, a partire da Vine, l’app di condivisione video ormai defunta, per poi passare a Instagram e YouTube. Jake ora ha quasi 17 milioni di follower su Instagram. Dopo aver vinto il suo primo incontro professionale nel gennaio 2020, le sue azioni sono aumentate rapidamente dopo aver fatto esplodere il giocatore NBA in pensione Nate Robinson e il combattente di arti marziali miste in pensione Ben Askren, entrambi per KO. Ben presto firmò un contratto con Showtime e nominò Woodley, un amico di Askren, come suo prossimo avversario.

“Mette su eventi entusiasmanti”, ha detto in un’intervista Stephen Espinoza, presidente di Showtime Sports. “Richiama molta attenzione, guida i grandi affari e la gente lo trova divertente, sia dentro che fuori dal ring. Questa è una ricetta per il tipo di programmazione che vogliamo offrire”.

Espinoza ha detto in un primo momento di essere scettico, ma presto si è affezionato all’idea di ingaggiare Paul dopo alcune discussioni. Ha detto che poteva vedere la dedizione di Paul alla boxe, come le sue sessioni di allenamento a Porto Rico e il suo potere da knockout. Il suo livello di competizione aumentava ad ogni combattimento, con Woodley che rappresentava una minaccia legittima.

Woodley ha combattuto per la prima volta l’UFC nel 2013 ed è diventato il campione di 170 libbre tre anni dopo. Ha difeso la cintura quattro volte ma ha avuto quattro sconfitte consecutive. Ha lasciato la promozione questa primavera dopo la scadenza del suo contratto e ha detto che voleva tentare un cambio di carriera nel pugilato. Dopo l’incontro con Askren, il match con Paul aveva senso, ha detto Woodley. Ha iniziato ad allenarsi con Mayweather e ha detto che era entusiasta di concentrarsi solo sul colpo piuttosto che su tutte le altre discipline di combattimento di arti marziali miste, come il jiu-jitsu.

“Non fumo con l’UFC”, ha detto Woodley in un’intervista. “Ho avuto la fortuna di andare laggiù e fare una fortuna e far sapere al mondo chi sono. Ora è il momento di far funzionare la macchina”.

Le tensioni tra Woodley e Paul sono aumentate dopo che hanno annunciato il combattimento, raggiungendo livelli massimi questa settimana quando un membro dell’entourage di Paul ha insultato la madre di Woodley poco dopo una conferenza stampa.

Tutto alimenta l’intrigo di domenica sera. Espinoza ha detto che indipendentemente dal risultato, si aspettava che Paul continuasse a combattere nemici di qualità. Paolo acconsentì. Su Instagram, ha pubblicato un elenco di potenziali avversari che includevano il pugile Canelo Alvarez, McGregor e Kamaru Usman, l’attuale campione dei pesi welter UFC. Paul ha detto che non gli importa chi sarà il prossimo.

“Vedremo chi è pronto a firmare sulla linea tratteggiata”, ha detto Paul. “Il più velocemente possibile per concludere questi affari è il più veloce possibile per ottenere questi combattimenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *