Il ministro afghano che è diventato un corriere in bicicletta in Germania | Notizie dall’Asia


La storia di Sayed Sadaat ha acquisito particolare risalto con il caos che si sta svolgendo in casa.

Sayed Sadaat era ministro delle comunicazioni nel governo afghano prima di trasferirsi in Germania lo scorso dicembre nella speranza di un futuro migliore.

Ora è un fattorino nella città orientale di Lipsia.

Ha detto che alcuni a casa lo hanno criticato per aver accettato un lavoro del genere dopo aver servito nel governo per due anni, lasciando l’incarico nel 2018. Ma per lui ora, un lavoro è un lavoro.

“Non ho nulla di cui sentirmi in colpa”, ha detto il 49enne con doppia cittadinanza britannico-afghana, in piedi nella sua uniforme arancione accanto alla sua bicicletta.

Aveva lasciato il governo afghano a causa di disaccordi con i membri della cerchia del presidente, ha detto.

“Spero che anche altri politici seguano lo stesso percorso, lavorando con il pubblico piuttosto che nascondersi”.

La sua storia ha guadagnato particolare risalto con il caos che si è sviluppato in casa dopo la presa del potere da parte dei talebani.

Anche la sua famiglia e i suoi amici vogliono partire, sperando di unirsi alle migliaia di altri sui voli di evacuazione o cercando di trovare altre rotte.

Con il ritiro delle truppe statunitensi all’orizzonte, il numero di richiedenti asilo afgani in Germania è aumentato dall’inizio dell’anno, balzando di oltre il 130 per cento, secondo i dati dell’Ufficio federale per la migrazione e i rifugiati.

Anche se la sua doppia cittadinanza significava che avrebbe potuto scegliere di trasferirsi nel Regno Unito, dove aveva trascorso gran parte della sua vita, si è trasferito in Germania alla fine del 2020, cogliendo l’ultima opportunità per farlo prima che quel percorso fosse chiuso dalla Gran Bretagna uscita dall’Unione Europea.

Ha scelto la Germania perché si aspettava che avrebbe avuto un futuro economico migliore e un ruolo di primo piano nei settori delle telecomunicazioni e dell’informatica a lungo termine.

Ma anche con il suo passato, Sadaat ha faticato a trovare un lavoro in Germania che corrispondesse alla sua esperienza.

Con una laurea in informatica e telecomunicazioni, Sadaat sperava di trovare lavoro in un campo correlato. Ma senza il tedesco, le sue possibilità erano scarse.

“La lingua è la parte più importante”, ha detto Sadaat.

Ogni giorno fa quattro ore di tedesco in una scuola di lingue prima di iniziare un turno serale di sei ore consegnando i pasti per Lieferando, dove ha iniziato quest’estate.

“I primi giorni sono stati entusiasmanti ma difficili”, ha detto, descrivendo la sfida di imparare a pedalare nel traffico cittadino.

“Più esci e più vedi persone, più impari”, ha detto.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *