I Baltimore Orioles terminano la serie di sconfitte con l’aiuto di un saggio


Seduto nel suo ufficio a Camden Yards prima della partita di mercoledì, Brandon Hyde, il manager dei Baltimore Orioles, ha annusato qualcosa di insolito. Nelle ultime tre settimane Hyde era stato consumato dal mettere fine all’ignominiosa serie di sconfitte della sua squadra, che aveva raggiunto 19 partite.

Così Hyde saltò su ed entrò nel corridoio che collegava il suo ufficio alla club house dei giocatori. Lì si è imbattuto in prima base Trey Mancini, 29 anni, il più lungo Oriole di ruolo.

“Stiamo fumando un tipo diverso di sigaretta?” ha detto Hyde. “Cosa sta succedendo nella nostra clubhouse?”

I suoi giocatori non fumavano sigarette o qualcosa di più forte di quello. Stavano bruciando la salvia e la stavano sfilando attraverso la club house, la panchina e il campo nella speranza, come ha detto Mancini, di cambiare il mojo.

“C’era un odore strano”, ha detto l’esterno centrale Cedric Mullins, l’unico All-Star degli Orioles quest’anno, in una videoconferenza post-partita con i giornalisti. “Ma il saggio è intervenuto.”

Certamente lo ha fatto, poiché gli Orioles, la peggior squadra del baseball (39-86 entrati nell’azione di giovedì), hanno finalmente posto fine alla loro sfortuna. Non solo hanno battuto tre fuoricampo contro la superstar dei Los Angeles Angels Shohei Ohtani, il favorito per l’American League Most Valuable Player Award, ma hanno anche ottenuto un emozionante ritorno. A un certo punto, in svantaggio di 6-2, gli Orioles hanno segnato cinque punti nell’ottavo inning sulla strada per un 10-6 vittoria che sembrava molto di più.

“È elettrico lì dentro”, ha detto Mullins, 26 anni, della scena nella clubhouse dopo la vittoria. “So che sembrava il grande 2-0 di oggi”, ha aggiunto in seguito, riferendosi alla possibilità di una 20esima sconfitta consecutiva, “ma abbiamo reagito”.

Gli Orioles non hanno avuto molto da festeggiare in questa stagione, o davvero negli ultimi anni. La loro ultima stagione vincente è stata nel 2016. Hanno un ritmo per perdere 111 partite e potrebbero diventare la prima squadra dall’espansione Mets negli anni ’60 a perdere almeno 108 partite in tre stagioni consecutive non abbreviate. Sono immersi in una ricostruzione totale che sembra ancora lontana anni dal pareggiare un contendente.

I giocatori e gli allenatori della squadra lo sanno, ma questo non rende le 19 sconfitte consecutive, molte delle quali asimmetriche, più facili da digerire.

“Siamo stanchi di sentirlo e stanchi di vederlo in TV”, ha detto Hyde. “Tutti ne sono stanchi”.

Quindi, pochi giorni fa, Mancini ha detto che lui e i suoi compagni di squadra hanno promesso di trovare qualcosa, qualsiasi cosa, che possa aiutare a cambiare la loro energia. Barbuto per tutta la stagione, Mullins si era recentemente rasato. Mancini ha provato una variante di quella tattica: si è sbarazzato di tutto tranne i baffi, che alla sua ragazza non piacciono e che lui odia.

“Era una sorta di autopunizione, ma anche cercando di mantenere le cose un po’ più leggere”, ha detto Mancini. “Ho detto a tutti i ragazzi che l’avrei rasato ogni volta che avremmo vinto”.

È stato il cacciatore Austin Wynns, 30 anni, che ha avuto l’idea di bruciare la salvia, che viene usata come rituale di purificazione in alcune culture. Quindi, secondo Mancini, Wynns ne ha acquistati alcuni online e li ha spediti durante la notte. L’hanno accesa mercoledì pomeriggio.

“Ho pensato che fosse come una mossa di Pedro Cerrano fuori dalla ‘Major League'”, ha detto il lanciatore Chris Ellis, riferendosi a il picchiatore superstizioso nel film commedia del 1989. “È stato piuttosto divertente. Ero seduto al mio armadietto e stavo ripassando la scaletta per la giornata e ho visto Trey Mancini che camminava lì con un gruppo di salvia e tutti ne sentivano l’odore.

Mancini ha detto che lui e Wynns “hanno camminato intorno al campo da baseball e hanno semplicemente saziato tutto ciò che potevamo”. Ha aggiunto: “Ci siamo presi 15 minuti buoni per camminare e ci siamo assicurati di prenderci il nostro tempo e di farlo nel modo giusto. E sì, ha funzionato”.

In un primo momento, non sembrava come se l’avesse fatto. L’esterno destro Anthony Santander e Mullins hanno frantumato fuoricampo in solitaria su Ohtani nel primo inning, ma il poroso staff di lancio di Baltimora è passato in vantaggio e gli Orioles sono stati in svantaggio, 6-2, nel quarto.

Gli Orioles, invece, si sono fatti strada con due run in fondo al quarto e un altro nel settimo. Lungo la strada, gli Orioles sono diventati l’unica squadra a colpire più fuoricampo contro Ohtani in una partita in questa stagione.

Sotto di 6-5 all’ottavo inning, gli Orioles hanno segnato cinque volte contro il bullpen degli Angels. Ramon Urias ha camminato con le basi cariche per pareggiare il punteggio, 6-6, e Kelvin Gutierrez ha fatto lo stesso per dare il via libera. Austin Hays ha consegnato un doppio di due punti che ha portato gli Orioles comodamente in vantaggio.

“Sembrava una pressione post-stagione. Non ho mai sperimentato una partita di metà agosto con un paio di squadre che non sono nella caccia alla postseason con così tanto”, ha detto Hyde, la sua voce che si spense mentre cercava di trovare le parole giuste. “C’era tensione nella nostra panchina”.

Un buon numero delle 15.867 persone presenti è rimasto e ha applaudito, felice di vedere la sconfitta della loro squadra umile terminare per almeno una notte. “NESSUNO BATTE GLI ORIOLES 20 VOLTE DI FILA!!! NESSUNO!!!” un fan a Camden Yards ha scritto su Twitter. (Naturalmente, in realtà, gli Orioles ha perso un record di franchigia 21 partite consecutive nel 1988.)

Dopo l’eliminazione finale, gli Orioles hanno festeggiato per la prima volta dal 2 agosto. Nella clubhouse, Mancini ha mantenuto la parola data e si è tolto i baffi. Hyde ha detto che il rumoroso spogliatoio post-partita era pieno di persone eccitate e sollevate. “E’ bello sentire che i nostri ragazzi si sentono bene per una partita che hanno appena giocato”, ha detto.

Per quanto riguarda la pianta in fiamme che ha posto le basi per la vittoria, Hyde ha ammesso che gli piaceva davvero il suo profumo. Ha aggiunto: “Saggio domani?”



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *