Google e Microsoft promettono miliardi per aiutare a rafforzare la sicurezza informatica negli Stati Uniti

Aziende tecnologiche come Apple, Google e Microsoft hanno promesso di aiutare a rafforzare la sicurezza informatica degli Stati Uniti dopo un incontro con il presidente Joe Biden alla Casa Bianca mercoledì. Gli impegni variano a seconda dell’azienda, ma vanno dalla spesa di miliardi in infrastrutture informatiche all’offerta di aiuti e istruzione per la catena di approvvigionamento.

L’incontro di alto profilo di mercoledì con i CEO della tecnologia arriva sulla scia dei principali attacchi informatici contro le agenzie governative statunitensi e le infrastrutture energetiche come la Colonial Pipeline.

“La realtà è che la maggior parte della nostra infrastruttura critica è di proprietà e gestita dal settore privato e il governo federale non può affrontare questa sfida da solo”, ha detto Biden durante la riunione di mercoledì.

Apple ha annunciato che collaborerà con i suoi fornitori per “guidare l’adozione di massa dell’autenticazione a più fattori”, oltre a fornire nuovi corsi di formazione sulla sicurezza, risposta agli incidenti e correzione delle vulnerabilità. Amazon prevede di offrire gratuitamente un dispositivo di autenticazione a più fattori a tutti i titolari di account Amazon Web Services e di rendere disponibile gratuitamente al pubblico tutta la formazione sulla consapevolezza della sicurezza dei dipendenti dell’azienda.

Google ha affermato che spenderà più di 10 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni per rafforzare la sicurezza informatica degli Stati Uniti e la catena di fornitura del software. Google ha anche promesso di formare più di 100.000 americani nell’analisi dei dati e nel supporto IT attraverso il programma Career Certificate dell’azienda. Microsoft ha detto che avrebbe investito 20 miliardi di dollari in cinque anni, facendo promesse simili a quelle di Google.

All’incontro di mercoledì hanno partecipato il CEO di Alphabet Sundar Pichai, il CEO di Amazon Andy Jassy, ​​il CEO di Apple TIm Cook, il presidente e CEO di IBM Arvind Krishna e il CEO di Microsoft Satya Nadella, insieme a rappresentanti di altri settori come l’energia e l’istruzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *