Stati Uniti: il video mostra un poliziotto bianco della Louisiana che prende a pugni un uomo di colore | Notizia


Il video grafico della telecamera del corpo tenuto segreto per più di due anni mostra un poliziotto della polizia di stato dello stato americano della Louisiana che prende a pugni un automobilista nero 18 volte con una torcia – un attacco che il poliziotto ha difeso come “osservanza del dolore”.

“Non sto resistendo! Non sto resistendo!” Aaron Larry Bowman può essere sentito urlare tra un colpo e l’altro sul filmato ottenuto dall’Associated Press.

Il pestaggio del maggio 2019 a seguito di un arresto del traffico lo ha lasciato con una mascella rotta, tre costole rotte, un polso rotto e uno squarcio alla testa che ha richiesto sei graffette per chiudersi.

L’incontro di Bowman vicino alla sua casa di Monroe è avvenuto meno di tre settimane dopo che i soldati della stessa agenzia sotto assedio hanno preso a pugni, stordito e trascinato un altro automobilista nero, Ronald Greene, prima che morisse in custodia della polizia su una strada rurale nel nord-est della Louisiana.

Allo stesso modo, il video della morte di Greene è rimasto nascosto prima che AP lo ottenesse e lo pubblicasse all’inizio di quest’anno.

I pubblici ministeri federali stanno esaminando entrambi i casi in un’indagine più ampia sulla brutalità della polizia e potenziali insabbiamenti che coinvolgono sia i soldati che i pezzi grossi della polizia di stato.

La polizia di stato non ha indagato sull’attacco a Bowman fino a 536 giorni dopo che si è verificato, anche se è stato catturato dalla telecamera del corpo, e lo ha fatto solo settimane dopo che Bowman ha intentato una causa civile.

L’agenzia non ha risposto immediatamente ai messaggi in cerca di commenti sul video.

Il pestaggio di Bowman è stato effettuato da Jacob Brown, un soldato bianco che, prima di dimettersi a marzo, ha registrato 23 casi di uso della forza risalenti al 2015 – 19 dei quali contro persone di colore, secondo i registri della polizia di stato.

A parte l’indagine federale, Brown deve affrontare le accuse statali di batteria di secondo grado e malaffare nel pestaggio di Bowman.

Affronta anche accuse statali in altri due arresti violenti di automobilisti neri, incluso uno di cui si è vantato l’anno scorso in una chat di gruppo con altri soldati, dicendo che il sospetto “sarà dolorante” e “mi scalda il cuore sapere che potremmo educare quel giovane uomo”.

La notte in cui Bowman è stato fermato per un’infrazione stradale, Brown è arrivato sulla scena dopo che gli agenti avevano rimosso con la forza Bowman dal suo veicolo e lo avevano portato a terra. Il poliziotto ha poi detto agli investigatori che “era nella zona e stava cercando di essere coinvolto”.

Brandendo una torcia in alluminio da 8 pollici rinforzata con un’estremità appuntita per frantumare il vetro dell’auto, Brown è saltato fuori dal suo veicolo della polizia di stato e ha iniziato a colpire Bowman sulla testa e sul corpo entro due secondi dal “contatto iniziale” – scatenando 18 colpi in 24 secondi, hanno scritto gli investigatori in un rapporto investigativo.

“Dammi le tue fottute mani!” gridò il soldato. “Non ti sto prendendo in giro.”

Bowman ha cercato di spiegare più volte che era un paziente in dialisi, non aveva fatto nulla di male e non stava resistendo, dicendo: “Non sto combattendo contro di te, stai combattendo contro di me”.

Brown ha risposto con: “Chiudi il becco!” e “Non stai ascoltando”.

Più tardi si può sentire Bowman gemere, ancora a terra. “Sto sanguinando!” Egli ha detto. “Mi hanno colpito alla testa con una torcia!”

Brown, 31 anni, in seguito disse che Bowman aveva colpito un vice e che i colpi erano “compliance al dolore” destinati a mettere Bowman in manette.

Gli investigatori che hanno esaminato il video di Brown mesi dopo il fatto hanno stabilito che il suo uso della forza non era ragionevole o necessario.

Brown non ha risposto a diversi messaggi in cerca di commenti.

Bowman, 46 anni, ha negato di aver colpito qualcuno e non è stato violento con gli agenti nel video. Ma deve ancora affrontare un elenco di accuse, tra cui la batteria di un agente di polizia, resistenza a un agente e violazione del codice stradale per la quale è stato inizialmente fermato, uso improprio della corsia.

Brown non solo non ha segnalato il suo uso della forza, ma ha etichettato erroneamente il suo filmato come un “incontro con cittadini” in quello che gli investigatori hanno definito “un tentativo intenzionale di nascondere il video da qualsiasi revisione amministrativa”.

L’avvocato difensore di Bowman, Keith Whiddon, ha detto che inizialmente gli era stato detto che non c’era il video della telecamera del corpo.

Robert Tew, procuratore distrettuale di Monroe, ha rifiutato di discutere il caso di Brown o qualsiasi cosa abbia a che fare con la polizia di stato. “Vedremo cosa deve fare il DOJ”, ha detto durante una breve intervista fuori casa sua.

Lo stesso Bowman non aveva visto il filmato fino a poco tempo fa, quando i pubblici ministeri del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti lo mostrarono a lui e al suo avvocato.

“Continuavo a pensare che sarei morto quella notte”, ha detto Bowman all’AP tra le lacrime in una recente intervista. “È stato come rivivere tutto da capo. Guardandolo, sono crollato di nuovo”.

“Non voglio che nessuno passi attraverso questo.”



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *