Con 18 sconfitte consecutive, i Baltimore Orioles sfiorano il record di sconfitte consecutive


Dylan Bundy ha fatto del suo meglio per dare una visione promettente del futuro. Era lo spring training del 2019, quando i Baltimore Orioles avevano terminato la stagione precedente come la peggiore squadra dei major league. Sono stati cattivi e lo sapevano, ma squadre così possono sempre aggrapparsi alla speranza.

“Penso che guarderemo indietro forse tra un anno o due e vedremo cosa abbiamo avuto quest’anno”, ha detto Bundy, “e sarà un momento speciale per vedere cosa siamo diventati”.

Bundy ora gioca per i Los Angeles Angels e martedì affronterà gli Orioles al Camden Yards di Baltimora. Vedrà in prima persona cosa sono diventati i suoi vecchi amici: la franchigia che proprio non può vincere.

Gli Orioles hanno perso 18 partite consecutive, la più lunga serie di sconfitte nelle major da quando i Kansas City Royals hanno perso 19 partite consecutive nel 2005. Gli Orioles sono stati superati di 102 punti durante la loro derapata e non hanno perso nemmeno un punto fino a quando Sabato contro Atlanta.

Potrebbe anche peggiorare. Dopo tre partite contro gli Angels – la cui brillante stella a due vie, Shohei Ohtani, inizia mercoledì – gli Orioles ospiteranno i Tampa Bay Rays, che hanno il miglior record nell’American League.

Se perdessero tutte quelle partite, gli Orioles batterebbero il record dell’era moderna dei Philadelphia Phillies del 1961 di 23 sconfitte consecutive. I colonnelli di Louisville del 1889 – gestiti principalmente da William Van Winkle Wolf, che si chiamava Chicken – detengono il punteggio complessivo, con 26.

“Non ci piace il fatto che siamo qui”, ha detto al telefono il direttore generale Mike Elias lunedì. “Vogliamo uscirne. Ma non crediamo che sia un riflesso dei progressi verso la ricostruzione di questa organizzazione in modo che torni a combattere”.

Se il baseball fosse boxe, questo incontro sarebbe stato chiamato molto tempo fa, forse quando gli Orioles hanno concluso maggio con una serie di 14 sconfitte. O forse gli Orioles non sarebbero nemmeno saliti sul ring: non avevano sogni di disputare questa stagione, comunque, e potrebbero diventare la prima squadra dopo l’espansione Mets negli anni ’60 a perdere almeno 108 partite in tre stagioni consecutive non abbreviate .

Per Elias, ex lanciatore di Yale, c’è un parallelo più recente: gli Houston Astros degli anni 2010. Elias è stato vicedirettore generale di Jeff Luhnow, che ha ereditato la squadra più debole dei major prima della stagione 2012 e l’ha tenuta così per altri due anni, sfruttando un sistema che consente alle squadre peggiori di spendere più soldi per i talenti amatoriali.

Il progetto ha funzionato sia per gli Astros che per i Chicago Cubs, che hanno vinto entrambi i campionati negli anni 2010, e mentre il sindacato dei giocatori negozia un nuovo accordo di contrattazione collettiva con la Major League Baseball, spera in regole che scoraggino il cosiddetto tanking. Ma quando Baltimora ha assunto Elias nel novembre 2018, una ricostruzione lunga e protratta sembrava l’opzione sensata.

Sotto il predecessore di Elias, Dan Duquette, gli Orioles hanno guidato l’American League nelle vittorie della stagione regolare dal 2012 al 2016. Ma il sistema agricolo era scarso, la squadra aveva sostanzialmente abbandonato lo scouting internazionale e i rivali avevano doppiato gli Orioles nell’uso dei dati. Anche la partecipazione era crollata.

“Cosa fai?” disse Elia. “Per noi, la risposta era indiscutibile: iniziamo a costruire da zero, rinnoviamo l’organizzazione, mettiamo tutta quell’infrastruttura riparata e aggiornata e iniziamo a pompare giovani talenti nel sistema da ogni livello che possiamo Potere. Dedichiamo tutte le nostre risorse ed energie a questi obiettivi, prima di tutto, prima di andare avanti e fare qualsiasi altra cosa”.

E così eccoli qui, con un record di 38-85 nella major league che riflette il libro paga logoro. Il lanciatore più pagato degli Orioles, Matt Harvey, guadagna $ 1 milione, e nessuno oltre a Chris Davis, che è in pensione, guadagna più di $ 4,75 milioni. Il libro paga del giorno di apertura – $ 57 milioni, secondo Baseball Prospectus – si è classificato 27 ° nelle major, davanti solo a Miami, Cleveland e Pittsburgh.

Nessuna di queste squadre è contendente, ma Tampa Bay ha un libro paga basso (circa $ 67 milioni il giorno di apertura) e trova un modo per vincere. I Raggi cercano costantemente aggiornamenti marginali, spesso con affari vantaggiosi per i veterani che possono prosperare nel loro ambiente – e il loro lancio è l’antitesi dello staff degli Oriole.

I titolari di Baltimora hanno una media di punti guadagnati di 6,22; nessuna squadra è stata peggio in un’intera stagione dai Texas Rangers del 2003, a 6.24. Dean Kremer e Keegan Akin, che si sono mostrati promettenti la scorsa estate, si sono uniti per andare 0-15 con un’ERA di 7,62 Tra i lanciatori con almeno 100 inning, Harvey (6,27) e Jorge Lopez (6,30) hanno i due più alti ERA nelle major.

Gli Orioles hanno due prospetti da top 10 nella classifica di mezza stagione di Baseball America, ed entrambi aiuteranno lo staff in tempo: il catcher Adley Rutschman (n. 1 assoluto) e il destro Greyson Rodriguez (n. 9). Ma lanciare a Camden Yards, specialmente ora, potrebbe essere una vendita dura per i free agent con altre opzioni.

“È un grande campo da baseball, ma è un campo da baseball accogliente, e sei in una divisione in cui affronti grandi formazioni per la maggior parte del tempo, e le persone ne sono consapevoli”, ha detto Elias. “Guardi storicamente ad alcune delle squadre di Oriole di maggior successo da quando il parco è stato aperto, e sono riuscite ad avere successo con rotazioni buone ma non eccezionali e bullpen molto forti.

“Quindi siamo consapevoli del fatto che pensiamo che la nostra capacità di attrarre lanciatori free agent probabilmente dipenderà dal fatto che avremo una buona squadra, prima di tutto, e che dovremo importare i nostri lanciatori tramite scambi o acquisizioni mentre sono leghe minori o dilettanti”.

La presenza di Bundy martedì ci ricorderà di quanto possa essere impegnativo questo compito. Gli Orioles sono stati selezionati tra i primi cinque ogni anno dal 2007 al 2012, scegliendo quattro lanciatori: Bundy, Kevin Gausman, Matt Hobgood e Brian Matusz. Solo Gausman è diventato un All-Star e ha dovuto lasciare Baltimora per farlo.

Un Oriole nostrano, il mancino John Means, è diventato un appuntamento fisso per la rotazione. Altri tre – Trey Mancini, Ryan Mountcastle e Cedric Mullins – potrebbero far parte della formazione per la prossima squadra vincente di Orioles.

Per ora, ovviamente, un record vincente sembra una fantasia. Questi Oriole si sarebbero accontentati di una vittoria il prima possibile e sarebbero stati felici di lasciare che i colonnelli di Louisville restassero da soli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.