Biden afferma che le evacuazioni di Kabul stanno accelerando tra minacce “acute” | Notizie talebane


Joe Biden, il presidente degli Stati Uniti, ha promesso il suo “impegno incrollabile” per far uscire i cittadini statunitensi e gli afgani la cui sicurezza non può essere garantita dall’Afghanistan controllato dai talebani, ma ha avvertito degli ostacoli futuri, inclusa la minaccia di un attacco da parte del gruppo dell’ISIS (ISIS).

“Voglio essere chiaro, l’evacuazione di migliaia di persone da Kabul sarà dura e dolorosa” e sarebbe stata “non importa quando è iniziata”, ha detto Biden in un briefing alla Casa Bianca domenica.

“Abbiamo una lunga strada da percorrere e molto potrebbe ancora andare storto”, ha detto il leader americano, citando la minaccia di un attacco da parte dello Stato Islamico affiliato all’ISIL nella provincia di Khorasan (ISKP) in particolare.

Biden ha detto di aver ordinato al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti di contattare gli americani bloccati in Afghanistan per telefono, e-mail e altri mezzi e ha detto che Washington aveva un piano per trasferirli all’aeroporto.

“Stiamo eseguendo un piano per trasferire in sicurezza gruppi di questi americani e per trasferirli in modo sicuro ed efficace nel complesso dell’aeroporto. Per motivi di sicurezza, non entrerò nei dettagli”, ha detto. “Ma dirò ancora oggi quello che ho detto prima: ogni americano che vuole tornare a casa tornerà a casa”.

(Al Jazeera)

Anche gli alleati afgani dell’Occidente e gli afghani vulnerabili come le attiviste e le giornaliste sarebbero stati aiutati, ha affermato.

‘Portaci con te’

Dal 14 agosto, il ponte aereo guidato dagli Stati Uniti ha evacuato 28.000 persone, ha affermato Biden. Ciò includeva 11.000 che erano partiti da Kabul in un periodo di 36 ore questo fine settimana, ha detto, ma non ha fornito dettagli.

Decine di migliaia di persone devono ancora unirsi al ponte aereo, che è stato rallentato da problemi di sicurezza e ostacoli burocratici statunitensi.

Domenica, i combattenti talebani hanno respinto migliaia di persone che cercavano disperatamente di fuggire fuori dall’aeroporto di Kabul, ma i testimoni hanno affermato di non aver visto nessuno riportare ferite significative. Il ministero della Difesa britannico ha detto che sette afgani sono stati uccisi in una ressa ai cancelli domenica, mentre un funzionario della Nato ha detto che almeno 20 persone sono morte negli ultimi sette giorni dentro e intorno all’aeroporto. Testimoni hanno detto che le vittime sono morte per ferite da arma da fuoco o in fuggi fuggi.

Un giornalista, che faceva parte di un gruppo di operatori dei media e accademici abbastanza fortunati da raggiungere l’aeroporto domenica, ha descritto scene disperate di persone che circondavano il loro autobus mentre entravano.

“Ci stavano mostrando i loro passaporti e gridando ‘portaci con te… per favore portaci con te'”, ha detto il giornalista all’agenzia di stampa AFP.

“Il combattente talebano nel camion davanti a noi ha dovuto sparare in aria per farli andare via”.

A causa del disagio causato dall’evacuazione, una donna afgana è entrata in travaglio su un volo dell’aeronautica americana e ha dato alla luce una bambina nella stiva dell’aereo pochi istanti dopo l’atterraggio in una base in Germania, ha twittato l’Air Mobility Command.

Le forze armate statunitensi stanno attualmente controllando il traffico aereo sui lati civile e militare dell’aeroporto e Biden ha affermato, senza una spiegazione completa, che le forze statunitensi sono riuscite a migliorare l’accesso all’aeroporto per gli americani e altri che cercano di salire sui voli. Ha suggerito che il perimetro fosse stato esteso, allargando una “zona sicura”.

Alla domanda di un giornalista se gli Stati Uniti estenderanno la scadenza del 31 agosto per le evacuazioni, Biden ha risposto: “La nostra speranza è che non dovremo estendere, ma sospetto che ci saranno discussioni su quanto siamo avanti nel processo”.

Minaccia ISKP “acuta”

All’inizio di domenica, alti funzionari statunitensi hanno affermato che il Pentagono stava prendendo in considerazione “modi creativi” per portare americani e altri nell’aeroporto di Kabul per un’evacuazione tra le preoccupazioni per le minacce alla sicurezza dei gruppi armati afgani, tra cui l’ISKP, che potrebbero tentare di sfruttare il caos intorno al campo d’aviazione.

“La minaccia è reale, è acuta, è persistente e qualcosa su cui ci concentriamo con ogni strumento nel nostro arsenale”, ha affermato Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale di Biden.

Ha detto all’emittente Stato dell’Unione della CNN che i comandanti statunitensi stavano usando “un’ampia varietà di capacità” per difendersi da un potenziale attacco.

“È qualcosa a cui stiamo dando la massima priorità all’arresto o all’interruzione”, ha detto Sullivan. “E faremo tutto il possibile finché saremo a terra per evitare che ciò accada. Ma lo stiamo prendendo in modo assolutamente mortale sul serio”.

In un avviso di domenica, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha esortato le persone che cercano di lasciare l’Afghanistan come parte di uno sforzo di evacuazione privato organizzato a non venire all’aeroporto di Kabul “fino a quando non si sono ricevute istruzioni specifiche” per farlo dall’organizzatore di volo dell’ambasciata americana. L’avviso diceva che altri, compresi cittadini americani, che hanno ricevuto istruzioni specifiche dall’ambasciata per raggiungere l’aeroporto dovrebbero farlo.

Un problema centrale nell’operazione di evacuazione è l’elaborazione degli sfollati una volta che raggiungono altri paesi della regione e in Europa. Queste stazioni di passaggio temporanee, anche in Qatar, Bahrain e Germania, a volte stanno raggiungendo la piena capacità, sebbene vengano resi disponibili nuovi siti, anche in Spagna.

Nel tentativo di alleviare la situazione e di liberare aerei militari per le missioni da Kabul, domenica il Pentagono ha attivato la flotta aerea della riserva civile.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha dichiarato che 18 aerei di American Airlines, Atlas Air, Delta Air Lines, Omni Air, Hawaiian Airlines e United Airlines saranno diretti a traghettare gli sfollati dalle stazioni intermedie. Le compagnie aeree non voleranno in Afghanistan.

Resistenza ai talebani

La crisi in Afghanistan ha visto crescenti critiche nei confronti degli Stati Uniti e dei suoi alleati occidentali, che quest’anno hanno proseguito con il ritiro delle truppe mentre il governo e le forze di sicurezza lottavano per contenere la crescente violenza dei talebani.

Martedì i leader del G7 discuteranno della situazione in un vertice virtuale.

Il primo ministro britannico Boris Johnson, che ha convocato l’incontro, ha affermato che i leader discuteranno i modi per “garantire evacuazioni sicure, prevenire una crisi umanitaria e sostenere il popolo afghano”.

La Gran Bretagna intende spingere i leader mondiali a prendere in considerazione nuove sanzioni contro i talebani quando si riunirà il G7, hanno riferito fonti all’agenzia di stampa Reuters. Biden ha detto che sosterrà questo sforzo, a seconda della condotta dei talebani.

I leader del gruppo armato, che hanno cercato di mostrare un volto più moderato dopo la cattura di Kabul, hanno avviato i colloqui per formare un governo.

Affrontano l’opposizione delle forze nel nord dell’Afghanistan, che questo fine settimana hanno affermato di aver preso tre distretti vicino alla valle del Panjshir.

Il leader anti-talebano Ahmad Massoud ha detto domenica che sperava di tenere colloqui di pace con il movimento, ma che le sue forze nel Panjshir – resti di unità dell’esercito, forze speciali e miliziani – erano pronte a combattere.

“Vogliamo che i talebani si rendano conto che l’unico modo per andare avanti è attraverso i negoziati”, ha detto. “Non vogliamo che scoppi una guerra”.

I talebani hanno dichiarato domenica sul loro account Twitter arabo che stavano inviando centinaia di combattenti nella valle dopo che “i funzionari statali locali si sono rifiutati di consegnarlo pacificamente”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *