Il giudice ha stabilito che la legge sui dipendenti della California Prop 22 è incostituzionale

La legge sui lavoratori in concerto della California, che consente ad aziende come Uber e Lyft di trattare i lavoratori come appaltatori indipendenti, non come dipendenti, è stata dichiarata incostituzionale e inapplicabile da un giudice. Gli elettori hanno approvato la legge come iniziativa elettorale Proposition 22 a novembre, con aziende come Uber, Lyft e DoorDash che hanno speso più di $ 200 milioni per fare campagna per la misura. Le organizzazioni sindacali, inclusa l’Unione internazionale dei dipendenti dei servizi, si sono opposte.

Il giudice della Corte Superiore della California Frank Roesch ha stabilito venerdì che la legge “limita illegalmente il potere di una futura legislatura di definire i conducenti basati su app come lavoratori soggetti alla legge sulla compensazione dei lavoratori”, aggiungendo che “l’intera Proposition 22 è inapplicabile”. Ha anche stabilito che era incostituzionale che la legge richiedesse a qualsiasi emendamento futuro di avere un voto di approvazione di sette ottavi per passare la legislatura.

A gennaio, un gruppo di conducenti di Uber e Lyft, insieme alla SEIU, ha intentato una causa per chiedere l’annullamento della misura. La legge esonera i datori di lavoro gig dal fornire benefici e protezioni ai lavoratori, ma richiede che offrano sussidi sanitari e guadagni orari minimi.

Roesch ha contestato la parte della legge che richiede a qualsiasi futura legge statale della California relativa alla contrattazione collettiva per i lavoratori del concerto di conformarsi alla legge Prop 22. “Sembra solo proteggere l’interesse economico delle società di rete ad avere una forza lavoro divisa e non sindacalizzata, che non è un obiettivo dichiarato della legislazione”, ha scritto.

Geoff Vetter, un portavoce per i driver e i servizi basati sull’app Protect Coalizione (PADS), che include Uber, Lyft, DoorDash e Instacart, ha dichiarato in una dichiarazione inviata via email a Il Verge che intendono ricorrere in appello. Il giudice “ha commesso un grave errore ignorando un secolo di giurisprudenza che richiedeva ai tribunali di tutelare il diritto di iniziativa degli elettori”, ha scritto Vetter, osservando che la maggioranza degli elettori della California aveva approvato la misura. “Tutte le disposizioni della Prop 22 rimarranno in vigore fino al completamento del processo di appello”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.