Andrew Velazquez degli Yankees sta vivendo qualcosa di più selvaggio dei suoi sogni


Andrew Velazquez ha partecipato a innumerevoli partite degli Yankee da bambino, ma non ricordava di aver partecipato a un match contro i rivali più acerrimi della squadra.

“Quei biglietti erano probabilmente troppo costosi per me”, ha detto Velazquez, originario del Bronx, quando gli è stato chiesto se avesse mai visto i Red Sox visitare lo Yankee Stadium.

Velazquez, 27 anni, ha parlato indossando un berretto aderente degli Yankees al contrario e una felpa grigia degli Yankees. Scelte di abbigliamento difficilmente uniche nel quartiere natale di Velazquez, se non per la cintura da campionato in stile wrestling drappeggiata sulla sua spalla sinistra.

Velazquez ha avuto uno dei migliori posti in casa per le tre vittorie di Boston degli Yankees questa settimana. Meglio ancora, ha svolto un ruolo fondamentale nella serie che ha cambiato la classifica. Con i membri della famiglia nella folla dello Yankee Stadium, Velazquez è andato 3 su 7 al piatto, guidando in quattro punti e rubando una base. Il suo totale RBI di due giorni ha superato il numero che aveva accumulato in tutta la sua carriera prima di questa settimana.

Sebbene avesse abbandonato da tempo l’emulazione del suo eroe d’infanzia con lanci di salto simili a Derek Jeter, Velazquez ha anche mostrato una difesa abbagliante all’interbase. Ciò ha incluso un gioco scorrevole, di rovescio e finale mercoledì (ha ottenuto l’aiuto di Anthony Rizzo su un tiro leggermente errante).

Pochi minuti dopo la vittoria di mercoledì, Velazquez si è ritrovato a fare un discorso ai suoi compagni di squadra degli Yankees, un rituale che accompagna la cintura di wrestling per il giocatore della partita. Ha paragonato la sequenza a “Ai confini della realtà”.

“Vorrei che lo scrissi”, ha detto Velazquez del suo discorso. “Sembrava abbastanza buono uscire dalla mia bocca. È venuto solo dal cuore. Sono onorato di essere qui in quello spogliatoio con quei ragazzi. Ho sognato di fare quello che abbiamo appena fatto. Nella vita reale, era molto meglio”.

L’esplosione di produttività di Velazquez contro Boston è stata una sorpresa e la serie positiva è continuata giovedì quando è andato 2 su 3 con una tripla e una base rubata in un 7-5 conquistare i Minnesota Twins.

Velazquez, che ha avuto brevi periodi nelle major per altre squadre nelle ultime tre stagioni, è stato convocato dagli Yankees prima di un viaggio su strada iniziato il 9 agosto. Giardino dietro la casa.

La sua performance contro Boston ha attirato l’attenzione di tutti, dal comico nato nel Bronx Desus Nice a Il commissario di polizia Dermot Shea. Il padre di Velazquez, Kenny, era un detective nel 42° distretto vicino allo Yankee Stadium; Velazquez indossa una replica dello scudo d’oro di suo padre su una collana durante i giochi.

Nonostante sia il brindisi della città, Velazquez si è tenuto con i piedi per terra rimanendo con i suoi genitori.

“È molto più vicino che stare a Manhattan”, ha detto del suo tragitto di meno di 30 minuti per andare al lavoro. “È anche più economico.”

Velazquez ha vissuto momenti su cui poteva solo fantasticare da bambino. Ma non è arrivato qui senza “un sacco di momenti difficili nel baseball”, ha detto.

Un prodotto Fordham Prep, Velazquez è stato scelto nel settimo round dai Diamondbacks nel 2012. Seguì un’operazione con l’organizzazione Rays nel 2014. È stato chiamato da Tampa Bay nel 2018, ma un’altra operazione lo ha mandato a Cleveland nel luglio 2019. Come un uomo di utilità, ha totalizzato due successi in 23 at-bats tra i due club quell’anno.

Baltimora ha chiesto a Velazquez di rinunciare alle deroghe nel febbraio 2020. Gli Orioles oppressi e ricostruiti gli hanno offerto il suo più grande campione di azioni della major league fino ad oggi. Velazquez ha collezionato 40 presenze durante la stagione di 60 partite, ma ha lottato, raggiungendo 0,159 in 63 at-bat. È stato rilasciato nel novembre 2020.

A quel punto, Velazquez aveva solo tre RBI a suo nome, ma gli Yankees videro argilla che poteva essere modellata. Velazquez ha colto al volo l’opportunità di giocare per la squadra della sua città natale, un’organizzazione che ha aiutato battitori con curriculum simili negli anni passati.

“Abbiamo un sacco di informazioni quando acquisiamo questi ragazzi, e tali informazioni vengono comunicate a tutti i livelli”, ha affermato Casey Dykes, l’allenatore degli Yankees alla Classe AAA Scranton/Wilkes-Barre. “Quindi abbiamo un’idea del perché un ragazzo come Andrew è estremamente interessante e ricercato in questa organizzazione, e poi abbiamo un piano d’azione che va avanti su ciò che affronteremo per cercare di aiutarlo a diventare la migliore versione di se stesso come giocatore».

L’attaccante Velazquez ha apportato alcune modifiche meccaniche al suo swing dopo essersi unito agli Yankees, ma Dykes ha affermato che il progetto dell’organizzazione ruotava attorno al perfezionamento del suo approccio. Dykes voleva che Velazquez fosse più un “tattico nella scatola”, qualcuno che capisse come i lanciatori lo avrebbero attaccato e potesse controllare la zona. Quelle abilità porterebbero a un contatto migliore, che porterebbe Velazquez in base. Questo gli darebbe la possibilità di “creare scompiglio” con la sua velocità.

Era un buon piano.

Velazquez si è immediatamente “affezionato” allo staff tecnico degli Yankees durante l’allenamento primaverile, secondo Aaron Boone, e ha messo a segno ottimi numeri a Scranton/Wilkes-Barre sotto la guida di Dykes. Dopo aver battuto .283 con una percentuale di .838 in base più slugging, sette fuoricampo, 43 RBI e 26 basi rubate in Classe AAA, Velazquez fu chiamato dagli Yankees quando Gleyber Torres cadde per un infortunio al pollice.

“Era ovvio quando è arrivato per la prima volta che questo ragazzo avrebbe avuto l’opportunità di avere davvero un impatto su questo elenco quest’anno”, ha detto Dykes. “Nessuno sapeva davvero quando sarebbe successo, ma ora ha avuto questa opportunità e sta facendo un ottimo lavoro”.

I giorni di Velazquez nelle major potrebbero essere contati. Potrebbe avere molto a che fare con il imminente ritorna di Torres e Gio Urshela di quanto Velazquez abbia o non abbia fatto.

Ma Velazquez non ci sta pensando. Come potrebbe quando sta vivendo i suoi sogni più selvaggi?

“Siamo qui ora”, ha detto Velazquez martedì. “È una cosa bellissima.”



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *