Due attivisti di Hong Kong condannati con l’accusa di legge sulla sicurezza | Notizie di politica


I due sono stati accusati di “collusione con una potenza straniera” per le richieste di sanzioni in un caso legato al magnate dei media incarcerato Jimmy Lai.

Due attivisti di Hong Kong, accusati di far parte di un gruppo che ha condotto una campagna per le sanzioni internazionali contro la Cina, si sono dichiarati colpevoli ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale del territorio in un caso legato al magnate dei media pro-democrazia incarcerato Jimmy Lai.

L’attivista democratico Andy Li, 31 anni, e il paralegale Chan Tsz-wah, 29 anni, hanno ammesso giovedì l’accusa di “collusione con forze straniere per mettere in pericolo la sicurezza nazionale cinese”.

I pubblici ministeri hanno affermato di far parte di un gruppo che ha organizzato la pubblicazione di annunci pubblicitari e articoli sui giornali esteri che chiedevano sanzioni.

Entrambi erano stati tenuti in custodia prima della loro richiesta. Li era stato precedentemente incarcerato in Cina come uno di un gruppo di 12 persone intercettate dalle autorità della Cina continentale nell’agosto 2020 su una barca che si credeva fosse in rotta verso Taiwan.

La Cina ha imposto la legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong lo scorso anno dopo mesi di proteste di massa nel 2019 contro una proposta di legge sull’estradizione e successivamente annullata e si è evoluta in appelli per la salvaguardia della democrazia.

Più di 130 persone, tra cui molti dei più noti sostenitori della democrazia della città, sono state arrestate secondo la legge.

La corte ha sentito che Li è stato incaricato da Lai, un importante critico cinese che è in prigione per accuse di assemblea illegale e deve affrontare il proprio processo per la sicurezza nazionale, per aiutare a fare pressione per le sanzioni contro Hong Kong e la Cina.

Il giudice dell’Alta Corte Alex Lee ha aggiornato la corte fino al 3 gennaio 2022.

“Sono d’accordo sui fatti e vorrei chiedere scusa”, ha detto Li alla corte dopo che il pubblico ministero ha letto un lungo elenco dei fatti del caso. I pubblici ministeri hanno fatto cadere altre due accuse contro di lui dopo la sua dichiarazione di colpevolezza.

Anche Chan è stato condannato giovedì e dovrebbe tornare in tribunale a gennaio. Entrambi gli uomini affrontano potenziali condizioni di vita.

Le autorità hanno accusato il 73enne Lai e una rete di sostenitori di aver infranto la legge sulla sicurezza sostenendo le sanzioni internazionali contro la Cina per la sua repressione a Hong Kong.

Il popolare quotidiano di Lai, l’Apple Daily, è stato chiuso a giugno dopo che le autorità hanno utilizzato la legge sulla sicurezza per congelare i suoi beni e hanno arrestato membri anziani del personale.

I pubblici ministeri si sono rifiutati di dire se Li e Chan diventeranno testimoni dell’accusa nel processo a Lai.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *