Gli Stati Uniti esortano alla cautela per gli investitori in mezzo alla repressione aziendale della Cina | Notizie sui mercati finanziari


Il Nasdaq Golden Dragon China Index, che tiene traccia di 98 delle più grandi aziende cinesi quotate negli Stati Uniti, è precipitato martedì dopo che i regolatori cinesi hanno emesso una serie di bozze di regole volte a prevenire la concorrenza sleale online.

Le azioni cinesi quotate negli Stati Uniti stanno affrontando un’altra ondata di pressioni di vendita mentre le autorità di Pechino intensificano la loro repressione su alcune delle più grandi società della nazione.

Il Nasdaq Golden Dragon China Index – che tiene traccia di 98 delle più grandi aziende cinesi quotate negli Stati Uniti – è precipitato fino al 4,5% martedì dopo che l’amministrazione statale cinese per la regolamentazione del mercato ha emesso una serie di bozze di regole volte a prevenire la concorrenza sleale online.

L’annuncio è arrivato poche ore dopo che il quotidiano People’s Daily, sostenuto dallo stato, ha pubblicato un commento in cui affermava che la Cina avrebbe aumentato il controllo sul settore dell’intrattenimento e su quella che chiamava “cultura idol”.

Le mosse sono l’ultima di una serie di annunci che hanno scosso la fiducia degli investitori mentre i regolatori cinesi tentano di tenere a freno i titani tecnologici del paese.

“Sicuramente crea un ambiente di investimento stimolante per il futuro”, ha affermato Michael O’Rourke, chief market strategist di JonesTrading. “Gli investitori devono davvero essere cauti”, ha aggiunto.

Il presidente della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, Gary Gensler, ha emesso lunedì il suo avvertimento più diretto sui rischi di investire in società cinesi. Ha chiesto al personale della SEC di prendersi “una pausa per ora” nell’approvazione delle IPO di società di comodo che le aziende cinesi utilizzano per quotare azioni negli Stati Uniti

Il crollo di martedì è guidato da giganti della tecnologia tra cui Alibaba Group Holding Ltd., JD.com Inc. e Baidu Inc., tutti inferiori di almeno il 3%.

Il selloff si aggiunge a quelli che sono stati sei mesi brutali per le azioni cinesi negli Stati Uniti con il Nasdaq Golden Dragon China Index che è sceso di oltre il 50% da quando ha raggiunto un record a febbraio. Lungo la strada alcuni degli investitori più prolifici del mondo hanno iniziato ad abbandonare la nave.

Il fiore all’occhiello di Cathie Wood, Ark Innovation ETF, ha ridotto a zero la sua esposizione alle azioni di società della seconda economia mondiale dopo aver raggiunto l’8% delle sue attività a febbraio.

Nel frattempo, Paul Marshall, co-fondatore dell’hedge fund Marshall Wace da 59 miliardi di dollari, ha affermato in una lettera ai clienti la scorsa settimana che le persone potrebbero sostenere che le azioni cinesi quotate negli Stati Uniti sono diventate “non investibili”.

Altri importanti fondi si sono uniti all’esodo, con documenti depositati dalla SEC che mostrano che Soros Fund Management, D1 Capital Partners e Soroban Capital Partners sono usciti ciascuno da alcune o tutte le loro partecipazioni di certificati di deposito americani di società cinesi durante il secondo trimestre.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.