Il viaggio d’oro verso la maternità di Breanna Stewart


Per tutto il tempo, la Stewart ha dovuto concentrarsi sul basket, che si è rivelato particolarmente impegnativo a Tokyo. Fintanto che il bambino non fosse nato in anticipo, il parto sarebbe stato indotto subito dopo i Giochi.

Stewart ha detto che doveva dividersi in compartimenti come mai prima d’ora. “Quando era il momento della partita alle Olimpiadi, mi sono concentrata completamente sul gioco”, ha detto. “Quando ero fuori dal campo, pensavo a Marta e al bambino”.

In linea con la sua natura privata, la Stewart è stata tranquilla su Ruby con i suoi compagni della squadra nazionale degli Stati Uniti. Mi ha detto che solo i suoi compagni di squadra di Storm e amici intimi, Jewell Loyd e Sue Bird, sapevano cosa stava succedendo dietro le quinte. Bird è uno dei fondatori di TOGETHXR, la società di media per la quale Stewart girato un documentario sul suo viaggio di maternità surrogata.

“Sono passato da un’emozione all’altra”, ha detto Stewart. “Dalla vittoria di una medaglia d’oro alla realizzazione, OK, sto andando a casa, e mia figlia nascerà in meno di 24 ore.”

Che settimana avrebbe vissuto. Compiuta la missione della medaglia d’oro, Stewart è volato a casa con la squadra, arrivando a Los Angeles l’8 agosto, una domenica. Da lì si è imbarcata su un aereo privato per Boise, dove Xargay e il surrogato hanno aspettato. Lo scorso lunedì pomeriggio, al Birkeland Maternity Center, a Nampa, Idaho, Stewart e Xargay hanno visto Ruby scivolare facilmente nel mondo.

Le urla lamentose della ragazza dai capelli castani riempirono la stanza. Pesava 9 libbre e 4 once. “Ero scioccato, vedendo nascere un bambino di fronte a me”, ha detto Stewart, che ha un angolo di 6 piedi e 4 pollici con le spalle larghe. “Mi veniva da piangere. Ho anche sentito l’amore che c’era nell’aria”.

Stewart ha tagliato il cordone ombelicale. Presto, lei e Xargay tengono in braccio Rubino per la prima volta. Hanno messo il loro bambino su un letto. Hanno messo la medaglia d’oro appena vinta al fianco di Ruby.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *