Ford chiede alla corte di archiviare la causa di GM sulla funzione di assistenza alla guida “BlueCruise”

Ford ha presentato una mozione chiedendo alla Corte distrettuale degli Stati Uniti di San Francisco di archiviare una causa della rivale GM sulla funzione di guida autonoma BlueCruise di Ford. Il mese scorso, GM ha intentato una causa per violazione del marchio sostenendo che il nome BlueCruise era troppo vicino a Super Cruise, il nome della tecnologia di guida a mani libere di GM, che ha introdotto nel 2017, così come la sua controllata di veicoli autonomi Cruise.

Ford ha affermato nella sua mozione che il termine “crociera” è stato in “uso onnipresente” negli ultimi 50 anni per riferirsi alle funzioni di assistenza alla guida. “I consumatori intendono “crociera” per riferirsi a una funzione nel loro veicolo che svolge parte del compito di guida o li assiste nella guida e non associano quel termine a nessuna azienda o marchio”, ha affermato Ford nella sua denuncia.

Nella sua causa intentata il 23 luglio, GM ha affermato che le due società erano state coinvolte in “discussioni prolungate” sul nome, ma non erano state in grado di raggiungere un accordo. “Ford sapeva esattamente cosa stava facendo”, ha affermato GM nella sua denuncia, aggiungendo che se Ford “voleva adottare un nuovo marchio unico, avrebbe potuto farlo facilmente senza usare la parola ‘Cruise'”.

Ford ha annunciato BlueCruise come nome per la sua funzione di assistenza alla guida a mani libere ad aprile e ha affermato che quest’anno avrebbe iniziato a spingere la funzione tramite un aggiornamento software via etere per selezionare i veicoli.

Oltre a chiedere l’annullamento del caso di GM, Ford ha presentato una petizione all’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti per revocare il marchio “Cruise” e “Super Cruise” di GM. Mike Levine ha detto su Twitter venerdì. Ha citato diversi usi del termine “crociera” da parte delle case automobilistiche, tra cui Hyundai, BMW e altre.

Sabato scorso GM non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *