Le forze pakistane si scontrano con i manifestanti afgani al valico di frontiera | Notizie talebane


I disordini scoppiano dopo che un afgano di 56 anni muore di infarto mentre aspetta nel caldo polveroso di entrare in Afghanistan.

Le forze pakistane si sono scontrate con centinaia di afgani bloccati sul lato pakistano di un valico di frontiera commercialmente vitale con l’Afghanistan dopo la sua chiusura da parte dei talebani, affermano i funzionari di sicurezza pakistani.

I disordini sono scoppiati giovedì dopo che un viaggiatore afgano di 56 anni è morto per un attacco di cuore mentre aspettava nel caldo polveroso di entrare in Afghanistan attraverso il valico di Chaman-Spin Boldak, ha detto a Reuters Arif Kakar, un funzionario pakistano sulla scena. agenzia di stampa.

I manifestanti hanno portato il suo corpo in un ufficio del governo pakistano locale chiedendo la riapertura del confine. Alcuni hanno iniziato a lanciare pietre contro le forze di sicurezza, che hanno risposto sparando gas lacrimogeni e caricando i manifestanti con manganelli per disperderli. Non sono stati segnalati feriti.

Le persone portano la bara di un uomo morto in Afghanistan, mentre la trasportano in Pakistan, al valico della Porta dell’Amicizia nella città di confine Pakistan-Afghanistan di Chaman [Abdul Khaliq Achakzai/Reuters]

Il valico di Chaman-Spin Boldak è il secondo punto di ingresso senza sbocco sul mare dell’Afghanistan e la principale arteria commerciale verso la costa pakistana.

I talebani, che hanno catturato il valico il mese scorso come parte di un importante avanzamento in Afghanistan mentre le forze straniere guidate dagli Stati Uniti si ritirano, hanno annunciato la sua chiusura il 6 agosto per protestare contro la decisione del Pakistan di porre fine ai viaggi senza visto per gli afghani.

I talebani chiedono al Pakistan di consentire agli afghani di attraversare la frontiera con una carta d’identità afghana o con una carta di registrazione dei rifugiati rilasciata dal Pakistan.

I soldati del Pakistan parlano con le persone che si radunano per attraversare il valico della Porta dell’Amicizia nella città di confine Pakistan-Afghanistan di Chaman [Abdul Khaliq Achakzai/Reuters]

I combattenti talebani hanno rapidamente sottratto territori al governo di Kabul nelle ultime settimane, inclusi importanti valichi di frontiera con l’Iran e i paesi dell’Asia centrale che ora forniscono entrate doganali significative per il gruppo.

Circa 900 camion hanno attraversato giornalmente il valico di Chaman-Spin Boldak prima che i talebani lo sequestrassero.

L’apertura del confine con il Pakistan per l’esenzione dal visto non solo aiuterebbe i talebani a ottenere il favore degli afghani, ma punterebbe anche a una rotta verso le aree del Pakistan che hanno ospitato combattenti talebani e alcuni comandanti.

Il Pakistan ei talebani hanno mantenuto a lungo buoni rapporti anche se Islamabad afferma che questo si è concluso dopo l’invasione dell’Afghanistan guidata dagli Stati Uniti del 2001 che ha rimosso il gruppo dal potere per aver dato rifugio ai combattenti di al-Qaeda che hanno compiuto gli attacchi dell’11 settembre contro gli Stati Uniti.

Le capitali occidentali e il governo di Kabul affermano che il sostegno pachistano ai talebani continua e molti dei suoi leader godono di un rifugio sicuro nel paese, un’accusa che Islamabad nega.

Per gentile concessione: Afghanistan Analysts Network



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *