Gli Stati Uniti dicono che sperano di vedere più resistenza da parte delle forze afgane | Notizie talebane


Il portavoce del Pentagono afferma che le forze afghane hanno il vantaggio militare, ma nota la “mancanza di resistenza” all’avanzata dei talebani.

Gli Stati Uniti sperano di vedere una maggiore resistenza da parte dell’esercito afghano contro i talebani, afferma il Pentagono, sottolineando che le forze governative in Afghanistan hanno il sopravvento sulla carta nonostante le loro recenti perdite.

Il portavoce del Dipartimento della Difesa John Kirby ha detto ai giornalisti venerdì che le forze afghane hanno gli strumenti per spingere contro la feroce offensiva talebana in corso.

“Vogliamo vedere la volontà e la leadership politica, la leadership militare che è richiesta sul campo. Vogliamo ancora vederlo e speriamo di vederlo”, ha detto Kirby ai giornalisti.

“Ma che accada o meno, che funzioni o meno, spetta agli afghani decidere”.

Incoraggiati dal ritiro delle truppe statunitensi, i talebani hanno conquistato le capitali di 18 province in una settimana, tra cui Herat e Kandahar, la terza e la seconda città dell’Afghanistan. Il gruppo sembra anche avvicinarsi alla capitale Kabul.

Ma l’amministrazione americana, che sta pianificando di rimuovere tutte le sue truppe da combattimento dal paese entro la fine del mese, sostiene che il governo afghano è ben attrezzato per combattere l’assalto dei talebani senza soldati americani dalla sua parte.

“Hanno numeri maggiori. Hanno un’aeronautica, un’aeronautica capace… Hanno attrezzature moderne. Hanno una struttura organizzativa. Hanno il vantaggio dell’addestramento che abbiamo fornito loro in 20 anni”, ha detto Kirby delle forze afghane.

“Hanno il materiale, il fisico, i vantaggi tangibili. È ora di sfruttare questi vantaggi”.

Kirby ha notato quella che ha definito “la mancanza di resistenza” che i talebani hanno dovuto affrontare e la velocità con cui il gruppo ha catturato le città, quando gli è stato chiesto se l’amministrazione statunitense fosse sorpresa dai recenti sviluppi.

Ha rifiutato di commentare la prospettiva che i talebani si impadroniscano di Kabul nel prossimo futuro.

Schieramento delle truppe

Il Pentagono ha annunciato giovedì che invierà 3.000 soldati per evacuare il personale dell’ambasciata e i richiedenti un visto speciale di immigrazione degli Stati Uniti afghani (SIV) a Kabul.

Il Dipartimento di Stato aveva detto che stava ritirando il suo personale in Afghanistan, ma ha sottolineato che l’ambasciata a Kabul sarebbe rimasta aperta.

Venerdì, Kirby ha detto che le truppe aggiuntive sono già in viaggio per l’Afghanistan e che il grosso delle forze dovrebbe essere lì entro la fine di domenica.

“Quello che vogliamo essere in grado di fare è arrivare lì velocemente e in modo capace ed essere in grado di fornire quanta più capacità possibile al Dipartimento di Stato”, ha detto. “La nostra intenzione è quella di essere in grado di spostarne migliaia al giorno”.

L’esercito non sta evacuando tutti gli americani. Washington aveva esortato i cittadini statunitensi che non lavorano per l’ambasciata a lasciare l’Afghanistan il prima possibile tramite voli commerciali.

Venerdì scorso, la Casa Bianca ha dichiarato che il presidente Joe Biden, che sta trascorrendo il fine settimana nel ritiro presidenziale di Camp David, “è stato informato dai membri della sua squadra di sicurezza nazionale sugli sforzi in corso per ridurre in sicurezza l’impronta civile in Afghanistan”.

Il segretario di Stato Antony Blinken e il capo del Pentagono Lloyd Austin hanno tenuto una telefonata con il presidente afghano Ashraf Ghani giovedì.

“Gli Stati Uniti rimangono investiti nella sicurezza e nella stabilità dell’Afghanistan di fronte alla violenza dei talebani”, ha affermato il Dipartimento di Stato in una nota.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *