Twitch risponde al movimento “Twitch Do Better” con filtri chat migliorati

In data odierna, Twitch ha rilasciato una dichiarazione annunciando le misure che sta adottando per proteggere i suoi streamer emarginati.

“Abbiamo assistito a molte conversazioni su botting, incursioni di odio e altre forme di molestie nei confronti di creatori emarginati”, scrive Twitch. “Ci stai chiedendo di fare meglio e sappiamo che dobbiamo fare di più per affrontare questi problemi”.

Twitch afferma di aver identificato “una vulnerabilità nei nostri filtri proattivi e di aver lanciato un aggiornamento per colmare questa lacuna e rilevare meglio l’incitamento all’odio nella chat”. Dice anche che implementerà più funzionalità di sicurezza nelle prossime settimane, inclusi miglioramenti al processo di verifica dell’account e vietare gli strumenti di rilevamento dell’evasione.

Questa affermazione è in risposta all’hashtag #twitchdobetter, che è stato uno sforzo iniziato da Creatore di Twitch RekItRaven al fine di sensibilizzare sui problemi di molestie che i creatori neri stavano riscontrando sulla piattaforma di streaming.

“Sono stato perseguitato dall’odio per la seconda volta in una settimana e ho condiviso sia la prima che la seconda occorrenza [on Twitter] perché erano molto appuntiti piuttosto che il normale, ‘Sei grasso, nero, roba gay'”, racconta Raven Il Verge tramite messaggistica diretta.

(Avviso di contenuto: razzismo)

Il raid è una popolare funzionalità di Twitch che consente a uno streamer di inviare spettatori a un altro streamer alla fine della trasmissione. È uno strumento utilizzato per aumentare le visualizzazioni, far crescere le comunità e favorire le connessioni tra gli streamer e il loro pubblico. I raid di odio sono l’opposto polare e tossico. Nelle incursioni di odio, uno streamer indirizza i propri spettatori a un altro creatore – che è spesso nero, queer, donna o ha un’intersezione di identità emarginate – per bombardare quello streamer con incitamento all’odio e molestie.

Raven crede che siano diventati un bersaglio per i raid di odio perché trasmettono in streaming utilizzando il tag Black, una nuova funzionalità di Twitch che consente agli utenti di classificare i propri flussi con diversi marcatori. I tag sono apparentemente usati dai creatori per classificare i loro flussi in modo che gli utenti interessati possano trovare meglio il contenuto che stanno cercando, ma creano anche un faro che i troll usano per concentrarsi sugli streamer vulnerabili ed emarginati. Dopo la loro esperienza con i raid di odio, Raven ha notato che altri streamer emarginati nella loro comunità stavano vivendo le stesse esperienze. E senza alcuna parola da parte di Twitch su ciò che veniva fatto per proteggere i suoi utenti da quel tipo di molestie mirate e violente, Raven ha deciso di ricominciare la conversazione.

“Ho iniziato #TwitchDoBetter perché sono stanco di dover lottare per esistere su una piattaforma che dice di essere diversificata e inclusiva, ma è rimasta in silenzio alle suppliche dei creatori emarginati che chiedono maggiori protezioni dai raid di odio”, dice Raven.

Twitch fatica a mantenere la tossicità fuori dalla sua piattaforma. L’anno scorso, lo streamer CriticalBard è stato oggetto di un’ondata di troll razzisti quando è diventato il volto temporaneo dell’emote “pogchamp”. Twitch ha anche rimosso la sua emote TwitchCop per il timore che potesse essere utilizzata per molestare i creatori che parlavano della violenza della polizia dopo l’omicidio di George Floyd. In queste situazioni e ora, Twitch è stata reattiva alle esigenze dei suoi utenti piuttosto che proattiva, con conseguente frustrazione dei creatori. Strumenti di moderazione migliori e più proattivi sono stati una richiesta perenne dai creatori emarginati di Twitch.

Gli strumenti che Twitch sta implementando nell’implementazione della sicurezza di oggi si rivolgeranno solo apparentemente troll che usano caratteri non latini per aggirare i filtri della chat. Gli streamer chiedono di più.

“Mi piacerebbe vedere i creatori avere più strumenti per controllare la loro esperienza come consentire ai creatori di bloccare [recently created] account dalle chat, [and] consentendo ai mod di approvare o rifiutare i raid”, afferma Raven.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *