Secondo quanto riferito, WhatsApp e altre app sono state bloccate in Zambia durante la sua elezione

Secondo quanto riferito, WhatsApp e altre app sono state bloccate in Zambia durante le elezioni generali in corso che si terranno nel paese giovedì, secondo organizzazione per i diritti digitali Accedi ora e monitor Internet NetBlocks. Il blocco, che colpisce i provider Internet statali e altre reti private, potrebbe tagliare gli elettori da una forma di comunicazione vitale durante un’elezione controversa.

Lusaka Times, un’organizzazione di notizie locale dello Zambia, scrive che i funzionari del Ministero dell’informazione e dei servizi di trasmissione dello Zambia hanno preso in considerazione la possibilità di chiudere l’accesso a Internet prima del giorno delle elezioni, citando il desiderio di fermare la diffusione della disinformazione elettorale. Una drastica diminuzione del traffico Internet del giorno delle elezioni da WhatsApp, Twitter, Instagram e Facebook individuato da NetBlocks sembra confermare che il governo sia andato avanti con quel piano.

L’elezione presidenziale dello Zambia, che vede il presidente in carica Edgar Lungu contro il leader dell’opposizione Hakainde Hichilema, è già stata segnata dalla violenza, secondo i rapporti di Reuters, provocando una repressione militare da parte dell’attuale governo. Sondaggi chiusi alle 12:00 ET, ma è ancora consentito votare per chiunque sia ancora in fila.

In genere le informazioni che promuovono la sicurezza degli elettori verrebbero diffuse sui social media e sulle app di messaggistica, dai tempi di attesa per il voto a casi di potenziali frodi elettorali, ma ora gli elettori delle reti interessate in Zambia devono rivolgersi alle VPN per comunicare.

Il Verge ha contattato Twitter, WhatsApp e Facebook, la società madre di Instagram, per commentare i blocchi in Zambia. Aggiorneremo questo articolo se avremo notizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *