Lordstown Motors punta sull’affitto di uno spazio nell’ex fabbrica GM

Lordstown Motors sta essenzialmente cercando di prestare un po’ di spazio nella massiccia ex fabbrica General Motors di sua proprietà, poiché la travagliata startup si avvicina alla costruzione dei suoi primi pickup Endurance di qualità di produzione entro la fine dell’anno. L’amministratore delegato ad interim Angela Strand ha condiviso mercoledì che Lordstown è in “seria discussione… con diversi potenziali partner” che potrebbero costruire veicoli o svolgere altri tipi di lavoro nello stabilimento insieme alla startup, il che significa che la startup potrebbe agire come una sorta di WeWork per la produzione .

“Questo è un perno strategico fondamentale per noi, una decisione che riteniamo porterà a nuove significative opportunità di guadagno per Lordstown mentre la produzione dell’Endurance sta aumentando”, ha affermato Strand.

“La nostra attuale impronta utilizza circa il 30 percento dei 6,2 milioni di piedi quadrati dello stabilimento, quindi abbiamo ampio spazio per i potenziali partner per costruire veicoli, per noi per costruire veicoli per altri e per ulteriori [Lordstown Motors] piattaforme per veicoli” da costruire, ha aggiunto il presidente Rich Schmidt.

Strand e Schmidt hanno condiviso il piano in una chiamata con gli investitori in cui la società ha discusso del suo risultati finanziari del secondo trimestre. Lordstown Motors, che ha dichiarato a giugno che finirà la liquidità entro maggio 2022 senza ulteriori finanziamenti, ha perso $ 108 milioni nel trimestre. L’azienda è stata recentemente sostenuto da un contratto di acquisto di azioni con un hedge fund che potrebbe consentirgli di raccogliere fino a 400 milioni di dollari. Ma la startup sta ancora cercando di raccogliere più fondi mentre si dirige verso una data di inizio annunciata di settembre per la produzione dell’Endurance, e non farà soldi su quei veicoli fino a quando non inizieranno a essere spediti all’inizio del 2022 (che è più o meno nello stesso periodo in cui L’F-150 Lightning concorrente di Ford è pronto per la spedizione).

Tali sforzi di finanziamento includono il piano per consentire ad altre società di utilizzare la fabbrica, oltre a trovare partner e investitori strategici e aumentare il finanziamento del debito. Strand – che ha stretto un accordo di cinque mesi da $ 500.000 con Lordstown per comandare la nave mentre cerca un amministratore delegato permanente – ha affermato che la startup è in trattative con un certo numero di aziende e potenziali finanziatori, ma ha rifiutato di nominarne qualcuna. Ha anche affermato che Lordstown Motors sta lavorando per ottenere una valutazione di terze parti del valore della fabbrica, delle attrezzature all’interno e dei miglioramenti apportati dalla startup, il che potrebbe aiutare ad aumentare la quantità di denaro che Lordstown può prendere in prestito dall’impianto.

L’ex fabbrica GM ha svolto un ruolo fuori misura nella breve ma tumultuosa storia di Lordstown Motors. In effetti, l’azienda è stata essenzialmente fondata con l’intento di acquistare la fabbrica all’inizio del 2019.

A quel tempo, GM era stata sottoposta a tremende pressioni dall’allora presidente Donald Trump per la chiusura dello stabilimento (dove una volta produceva la Chevy Cruze). Così il fondatore di Lordstown Motors, Steve Burns, ha stretto un accordo con la sua ex società, un’altra startup di veicoli elettrici chiamata Workhorse, per concedere in licenza la proprietà intellettuale di un pick-up elettrico che non è mai stato messo in produzione. GM ha assistito all’acquisto e ha consegnato alcune attrezzature. Trump ha detto che l’accordo era “GRANDE NOTIZIE PER L’OHIO!”

Lordstown Motors, che è diventata pubblica in una fusione con una società di acquisizione per scopi speciali alla fine dello scorso anno, da allora ha investito circa 240 milioni di dollari nella fabbrica per prepararla a costruire il pick-up elettrico, chiamato Endurance. Il cavallo di battaglia stava anche considerando l’utilizzo di Lordstown Motors come un produttore se avesse vinto il contratto per costruire il camion postale del servizio postale degli Stati Uniti di nuova generazione (prima che il premio andasse all’appaltatore della difesa Oshkosh).

Ma Lordstown Motors è inciampata all’inizio di quest’anno dopo che Hindenburg Research ha pubblicato un rapporto secondo cui Burns aveva ingannato gli investitori su quanti preordini la startup avesse raccolto per il camion.

Da allora Burns si è dimesso, insieme ad altri dirigenti e dipendenti a lui vicini, e la startup è sotto inchiesta da parte della Securities and Exchange Commission e del Dipartimento di Giustizia. Lordstown Motors ha successivamente ristretto i suoi piani per la produzione iniziale e ha interrotto il lavoro su un secondo veicolo, un furgone elettrico, che avrebbe dovuto far parte di una partnership con Camping World. Questa settimana, Workhorse ha venduto il 72% della quota acquisita in Lordstown Motors.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *