L’ultima partnership di servizi di consegna di Uber ha attirato l’attenzione della FTC

La Federal Trade Commission (FTC) degli Stati Uniti sta esaminando una recente partnership tra Uber e il servizio di consegna di generi alimentari Gopuff, secondo un nuovo rapporto da L’informazione. Gopuff ha accettato di elencare la sua collezione di articoli di negozi di alimentari e liquori su Uber Eats a maggio, ampliando ulteriormente le capacità di consegna di Uber in quanto compete con altre società come DoorDash e Instacart.

La FTC è preoccupata che l’accordo “potrebbe ostacolare la concorrenza nella vendita online e nella consegna di alcolici e articoli di minimarket”, secondo L’informazione. Gopuff è cresciuto da solo di recente, acquisizione della catena di negozi di liquori BevMo da utilizzare come negozi e centri di consegna, quasi come i magazzini di Amazon per gli alcolici. Secondo quanto riferito, anche la FTC sta esaminando La recente acquisizione di Drizly da parte di Uber, un servizio di consegna di alcolici che Uber intende integrare nella sua app Uber Eats.

Da diversi anni Uber sta tentando di orientarsi verso la consegna con l’acquisizione di Postmates e Cornershop rispettivamente nel 2020 e nel 2019. Poiché l’attività di trasporto passeggeri originale dell’azienda ha faticato durante la pandemia, trovare un’alternativa è stata fondamentale, ma la FTC potrebbe ostacolarlo ora. Uber non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento sull’indagine.

Non c’è niente di intrinsecamente normale nel fatto che la FTC esamini un’acquisizione o una partnership, ma Uber ha una storia con l’organizzazione, pagando multe per aver gestito male l’accesso dei suoi dipendenti ai dati di utenti e conducenti privati ​​e per essere fuorviante su quanto i conducenti potrebbero effettivamente guadagnare con il società.

La posizione più attiva del nuovo commissario della FTC Lina Khan verso la riduzione dei monopoli potrebbe anche significare che la rapida espansione di Uber per garantire la propria attività per qualunque cosa accada dopo il ride-hailing potrebbe essere considerata troppo anticoncorrenziale per volare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *