La carenza di chip Ford significa che la consegna della tua Mustang Mach-E potrebbe essere in ritardo di almeno sei settimane

L’F-150 di Ford è stato colpito dalla carenza globale di semiconduttori e ora anche il suo veicolo elettrico di punta Mustang Mach-E sta subendo un grave ritardo – da un minimo di sei settimane per i potenziali proprietari che avrebbero dovuto ritirare il loro veicolo tra il 5 luglio e il 1 ottobre. Quello è secondo le email Ford ha inviato agli acquirenti oggi (attraverso Electrek).

Non è nemmeno il primo ritardo per la Mustang Mach-E, dopo che Ford ha trattenuto circa 4.500 auto a marzo per controlli di qualità non specificati, e Ford ha gestito questo ritardo più o meno allo stesso modo, offrendo ai proprietari 250 kWh aggiuntivi di ricarica gratuita nelle stazioni di la rete di ricarica FordPass dell’azienda. Questo è in aggiunta ai 250kWh che avrebbero già ricevuto per l’acquisto del veicolo. Poiché il Mach-E ha una capacità della batteria utilizzabile compresa tra 68kWh e 88kWh, stiamo parlando di circa tre ricariche gratuite.

Secondo quanto riferito, anche alcuni dei primissimi veicoli Mach-E hanno visto le loro consegne ritardate di un mese a gennaio e le consegne nel Regno Unito sono state sospese a causa di un rischio per la sicurezza a giugno.

Potete leggere le nostre anteprime del Mach-E ai link sottostanti.

La carenza globale di chip sembra peggiorare prima di migliorare, con il gigante dei semiconduttori TSMC che avverte che continuerà nel prossimo anno. Sono interessati tutti i tipi di gadget, comprese le schede grafiche e le console di gioco, ma le case automobilistiche sono state colpite particolarmente duramente. Alcune case automobilistiche sono diventate creative, abbandonando funzionalità come la ricarica wireless, la radio HD e lo start-stop, o riscrivendo il proprio software per chip più facili da ottenere rispetto agli originali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *