Con le Olimpiadi finite, Peacock deve capire cosa c’è dopo

Sono state un paio di settimane rocciose per Peacock. La NBC ha posizionato il suo servizio di streaming come il posto dove andare se si voleva trasmettere in streaming le Olimpiadi senza un abbonamento via cavo, qualcosa che avrebbe dovuto essere una vittoria facile per la piattaforma emergente. Invece, la copertura di Peacock era traballante e confusa, e il servizio non ha dato agli spettatori molti motivi per restare dopo i Giochi. Con la sua più grande attrazione alle spalle e poco in termini di titoli di rottura di Internet diretti alla piattaforma in qualunque momento presto, non è chiaro cosa verrà dopo per la più grande scommessa di streaming di NBCUniversal.

Peacock aveva 54 milioni di iscrizioni e oltre 20 milioni di account attivi alla fine di luglio, poco più di un anno dopo il lancio, ha dichiarato la società madre Comcast durante la sua chiamata agli utili del secondo trimestre. (Un portavoce ha rifiutato di specificare quanti di quegli account attivi sono pagati.) È davvero minuscolo – Netflix ha superato i 200 milioni di abbonamenti, in confronto – ma è un grande salto da 42 milioni di iscrizioni solo un quarto fa, circa un terzo di che la società ha detto che erano conti attivi. La società ha attribuito la sua crescita all’aggiunta di tre contenuti esclusivi sulla piattaforma: “l’originale di maggior successo fino ad oggi” di Peacock. Dottor Morte; il giorno e la data di rilascio di The Boss Baby: Affari di famiglia; e le Olimpiadi di Tokyo 2020, terminate domenica.

Ma anche Comcast sa che sarà difficile tenere il passo con la crescita. “È improbabile che replichiamo prestazioni così straordinarie”, ha affermato Brian L. Roberts, presidente e CEO di Comcast, durante la chiamata. (Informativa: NBCUniversal è un investitore in Vox Media, società madre di Il Verge.)

Dottor Morte è stato ben accolto, e io stesso ho pagato un abbonamento premium per finire la serie, che vede protagonisti Christian Slater, Alec Baldwin e Joshua Jackson nell’avvincente ruolo principale di Christopher Duntsch. Ma uno sguardo più attento alla pipeline di contenuti di Peacock mostra che il servizio non è pronto per essere un Disney Plus o un Netflix, principalmente perché Peacock non sembra essere disposto per incanalare insondabili flussi di denaro nello sviluppo di originali di alto livello che corrispondano al valore di produzione di serie come Cose più strane o Il mandaloriano.

Peacock si comporta come una rete di trasmissione che offre agli utenti più contenuti che potrebbero aspettarsi di guardare su NBC. Richard Broughton, direttore della ricerca presso Ampere Analysis, ha affermato che la strategia può funzionare per attirare gli abbonati al livello gratuito e supportato dalla pubblicità del servizio, ma non necessariamente per quelli premium.

“L’offerta di contenuti di Peacock e la sua strategia originale sembrano una rete di trasmissione”, ha detto Broughton Il Verge. “Hanno un sacco di reality show, hanno spettacoli comici e senza copione. Hanno relativamente pochi drammi di fascia alta, che sono stati in genere le cose che hanno messo gruppi come Netflix, Disney Plus e HBO Max oltre alle reti di trasmissione. Quindi Peacock è abbastanza al momento saldamente posizionato come, ‘Ehi, ti piacciono i nostri canali di trasmissione. Ecco altre cose che ami da una nuova prospettiva di streaming.’ E ancora, va bene, potenzialmente. Ma è probabile che spinga le persone verso il livello finanziato dalla pubblicità invece che premium”.

Il prossimo programma di Peacock include una serie basata sul romanzo di Dan Brown Il simbolo perduto, una serie drammatica condotta da Andy Cohen chiamata Ex-Ratede il dramma dell’omicidio adolescenziale Uno di noi sta mentendo. È troppo presto per dire se queste serie hanno abbastanza appeal per guidare una crescita significativa degli abbonati, ma mancano del tipo di fanfara pre-premiere che altri servizi spesso godono prima del debutto di titoli ad alto budget.

Roberts ha dichiarato durante la chiamata sugli utili che la società rimane “ottimista” sulla sua futura programmazione, che include le Olimpiadi invernali di Pechino del 2022, il Monday Night Football, gli originali e i diritti di streaming pay-one per i film Universal dopo il loro debutto nelle sale a partire dal 2022. Ma anche quelle esclusive a pagamento sono divise con Netflix e Amazon Prime Video. Peacock riceverà prima quei film, ma alla fine andranno a due servizi molto più grandi con diverse librerie di contenuti e tasche di produzione più profonde.

Peacock ha anche ripreso molti dei titoli NBC che si sono comportati eccezionalmente bene su servizi come Netflix mentre erano ancora in licenza. Detiene anche i diritti di streaming esclusivi per la programmazione della rete WWE. Ma nessun servizio sopravviverà alle guerre di streaming semplicemente appoggiandosi al pro-wrestling, L’ufficio, e Parchi e Divertimento. Ciò è particolarmente vero se Peacock vuole che qualcuno paghi effettivamente per il suo servizio, e sicuramente lo fa. Gran parte del suo contenuto originale è rinchiuso dietro i suoi livelli a pagamento. Perché investire nella produzione di spettacoli originali per il servizio se nessuno li sta guardando?

Anche la dipendenza del servizio dallo streaming delle Olimpiadi sembra una strana strategia aziendale a lungo termine, poiché i Giochi si svolgono solo ogni due anni. Inoltre, la sua copertura delle Olimpiadi non rimarrà nemmeno sul servizio dopo i Giochi. Il suo hub dedicato alle Olimpiadi scomparirà dal servizio l’11 agosto, ha confermato un portavoce a Il Verge (anche se agli originali piace d’oro e Per la palla e il paese rimarrà a lungo termine).

“Sembra una strategia interessante per attirare spettatori basati sulle Olimpiadi. Questo non è di per sé sostenibile, anche se ci fosse più copertura”, ha detto David Arditi, professore associato di sociologia e antropologia presso l’Università del Texas ad Arlington. Arditi ha scritto il libro Cultura in streaming: piattaforme di abbonamento e consumo infinito di cultura, che esamina da vicino le guerre in streaming.

Broughton ha affermato che Peacock si trova ora di fronte a una decisione se vuole competere con i principali attori in streaming come Netflix, Amazon, HBO Max, Disney Plus e Apple TV che cercano di afferrare i dollari degli abbonati o se vuole competere più come servizi sensibili al prezzo ma supportati da pubblicità come Hulu. Detto questo, Broughton ha affermato che il modello ibrido di Peacock gli consentirà di sperimentare ciò che funziona e “testare alcune strategie diverse senza impegnarsi completamente sin dal primo giorno”.

Il contenuto di Peacock è più orientato verso la programmazione di rete della vecchia guardia piuttosto che verso i film e le serie innovativi prodotti da artisti del calibro di Netflix, Disney e Apple. Potrebbe esserci abbastanza appetito per quel contenuto da mantenere a galla il servizio. Ma in un mondo in cui momenti culturali come Ted Lasso e WandaVision conquistare spettatori, Peacock dovrà capire la sua strategia, e in fretta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.