Nemmeno Snoop può salvare le Olimpiadi

Il monitor è un colonna settimanale dedicato a tutto ciò che accade nel CABLATA mondo della cultura, dai film ai meme, dalla TV a Twitter.

Snoop Dogg fa arrabbiare le persone. È il motivo per cui è famoso da quasi due decenni ed è stato in grado di passare da a pecorina al reality alla vendita di Corona. La scorsa settimana lo ha fatto di nuovo per un pubblico che aveva un disperato bisogno di una risata. Durante un segmento per il suo spettacolo Highlights delle Olimpiadi con Kevin Hart e Snoop Dogg, che è una cosa reale che esiste sul servizio di streaming della NBC Peacock, i due conduttori hanno guardato un momento saliente di una competizione equestre ai Giochi di Tokyo. Mentre un cavallo trottava lungo il percorso, Snoop esclamò con stupore: “Oh il cavallo Crip Walking, perchè Lo vedi? Sul set! … devo inserire questo figlio di puttana in un video!” Anche Hart non riusciva a smettere di ridere.

Durante i Giochi Olimpici afflitti da differenze di orario da 13 a 16 ore con il Nord America, enormi sconvolgimenti per i favoriti come la star del tennis Naomi Osaka e una serie di opzioni di visualizzazione che sono nella migliore delle ipotesi sparse, la leggerezza di Snoop è sembrata una grazia salvifica. È stato breve, inaspettato e quasi magico: il tipo di cosa che i fan desiderano dai grandi momenti delle Olimpiadi e che hanno ottenuto solo raramente durante i Giochi del 2020.

Nei miei feed, almeno, potrebbe anche essere stata la cosa più vicina a un momento virale uscito da Tokyo. Molte conversazioni online sono andate giustamente, ad esempio, alla sconfitta al terzo round di Osaka o al ritiro di Simone Biles dalla competizione di ginnastica a squadre per concentrarsi sulla sua salute mentale, ma quando si tratta di grandi “Hai visto??” momenti, i Giochi di quest’anno sono mancati. Parte di ciò, senza dubbio, è dovuto alla differenza di fuso orario, alla mancanza di immediatezza; un altro fattore è il disagio che le persone provano per le Olimpiadi del 2020 e il fatto che i cittadini giapponesi non volevo nemmeno che i Giochi avvenissero. C’è anche una pandemia in corso e le persone hanno cose più importanti di cui preoccuparsi. Ma c’è anche qualcos’altro: il pubblico semplicemente non guarda le Olimpiadi come prima.

Parte di ciò deriva dal fatto che la NBC, che detiene i diritti per mandare in onda le Olimpiadi negli Stati Uniti dal 2000, ora le distribuisce su nove canali di proprietà di Comcast e Peacock. C’è anche copertura su YouTube, Hulu, il sito Web delle Olimpiadi e l’app NBC Sports. Certo, ciò fornisce centinaia di ore di copertura da parete a parete, ma rende anche quasi impossibile trovare qualcosa. A parte alcuni eventi di ginnastica, nuoto e atletica leggera, poche competizioni sono state in grado di superare la mischia. Inoltre, a causa del copyright, è quasi impossibile pubblicare video, GIF o immagini dei Giochi sui social media. Non c’è stato un #PhelpsFace o un McKayla Maroney non impressionato da trovare, a meno che non si conti Maroney’s Geico commerciale.

Il che mi riporta a Snoop. Il primo posto in cui ho visto un video della sua hot take equestre è stato Instagram. Poi su Twitter, dove ora c’è solo un messaggio che afferma: “Questo supporto è stato disabilitato in risposta a una segnalazione del proprietario del copyright”. Comcast paga circa un miliardo di dollari mandare in onda ogni Giochi Olimpici, e comprensibilmente vuole ottenere il valore dei suoi soldi. Ma quando l’azienda ei suoi partner sono in gran parte gli unici fornitori di tutti i contenuti che escono da Tokyo, c’è poco spazio per la creatività, per il fandom. Eventi come le Olimpiadi sono perfetti per le reazioni di Twitter, i duetti di TikTok e le storie di Instagram. Alcuni scivolano attraverso le crepe, ma per la maggior parte, i momenti d’oro come quelli di Snoop scompaiono prima di avere la possibilità di diventare super virali. È un peccato; tutti dovrebbero vedere quel figlio di puttana in un video.


Altre grandi storie WIRED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *