Twitter nomina un “reclamo ufficiale” per conformarsi alle nuove regole dell’India

Twitter ha nominato due nuovi dirigenti in India nel tentativo di conformarsi alle nuove leggi sulla tecnologia dell’informazione del paese, ha detto un avvocato dell’azienda all’Alta corte di Delhi durante un’udienza di venerdì. Segnalato per la prima volta da Bloomberg, uno dei nuovi dirigenti è un chief compliance officer che servirà anche come addetto ai reclami, e l’altro è un funzionario nodale, entrambi richiesti dalle Linee guida per gli intermediari e dal Codice etico dei media digitali del paese, entrati in vigore a maggio.

Twitter ha preso gli appuntamenti una settimana dopo che il governo indiano ha scoperto che gli sforzi della piattaforma di social media per conformarsi alle nuove regole erano insufficienti. Secondo le regole, le società di social media sono tenute a rimuovere i contenuti entro 36 ore dalla ricezione di un ordine legale. Il paese richiede inoltre a tali società di avere un addetto ai reclami che riconosca i reclami degli utenti entro 24 ore, un responsabile della conformità e una persona di contatto che sarebbe disponibile a rispondere alle forze dell’ordine 24 ore al giorno.

Ma il 28 luglio un giudice ha scoperto che l’appuntamento di Twitter di un dipendente tramite un appaltatore di terze parti per essere il responsabile del reclamo e della conformità era “inaccettabile”. Le regole richiedono che l’ufficiale sia un membro anziano dello staff.

Il mese scorso il governo aveva sostenuto in un deposito legale che Twitter aveva perso la sua immunità legale per non aver aderito alle nuove regole, rendendolo legalmente responsabile per i contenuti pubblicati dai suoi utenti in India. A maggio, la polizia ha fatto irruzione negli uffici di Twitter in India dopo che la piattaforma ha etichettato i tweet di un funzionario del governo come “media manipolati”. E a giugno, un ministro del governo ha avvertito la piattaforma che potrebbero esserci “conseguenze indesiderate” se non rispettasse le nuove regole.

“Abbiamo compiuto passi significativi verso la conformità alle regole sulla tecnologia dell’informazione (linee guida intermedie e codice etico dei media digitali) del 2021 e abbiamo tenuto il governo indiano strettamente informato dei nostri progressi”, ha scritto un portavoce di Twitter in India in un’e-mail a Il Verge di sabato. “Rimaniamo impegnati a salvaguardare le voci e la privacy di coloro che utilizzano il nostro servizio”.

Secondo Bloomberg, il governo indiano esaminerà ora se le nuove nomine rispettano le regole e ascolterà di nuovo il caso il 10 agosto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *