Gli adolescenti della Generazione Z seguono un corso accelerato sulle insidie ​​del mercato del lavoro statunitense | Notizie di affari ed economia


Ogni estate negli Stati Uniti, adolescenti in tutto il paese battono il marciapiede in cerca di un lavoro retribuito. Ma quest’anno, gli adolescenti appartenenti alla Generazione Z, la coorte nata tra il 1997 e il 2012, stanno trovando un carico di opportunità di lavoro tra cui scegliere.

Tra questi c’è la sedicenne Hailey Hamilton di Flower Mound, in Texas. Recentemente ha lasciato il suo lavoro in una pizzeria, sicura di poterne trovare rapidamente uno nuovo nel suo centro commerciale locale.

“Tutti stanno cercando di assumere in questo momento”, ha detto ad Al Jazeera. “Sono tutti a corto di personale”.

Il sedicenne Wren Carter di Minneapolis ha facilmente ottenuto un lavoro in un ristorante di insalate casual ad aprile dopo aver mandato un messaggio al direttore generale, aver ottenuto un colloquio telefonico e essere stato assunto sul posto.

“Mia madre ha minacciato di mandarmi al campo se non avessi trovato un lavoro per ottenere responsabilità ed esperienza invece di non fare nulla per tutta l’estate”, ha detto Carter ad Al Jazeera. “Volevo guadagnare soldi extra”.

Nel Tennessee, il diciannovenne Addison Howard ha testato quanto prezioso sia diventato il suo lavoro adolescenziale quando ha deciso di tornare a lavorare in un fast food che lo impiegava tre anni fa.

“Quando ho iniziato nel 2018, ricevevo $ 7,50 all’ora, ma l’hanno aumentato a $ 12 quest’estate quando sono tornato”, ha detto ad Al Jazeera, aggiungendo che non era disposto ad accettare nulla sotto i $ 10 l’ora.

Nel Maryland, Olivia Gyapong ha trovato lavoro come cassiera in un negozio di alimentari Safeway. “Stavo solo cercando di trovare un lavoro estivo casuale; Non sapevo cosa avrei fatto, ma un sacco di posti stavano assumendo – avevo molto da scegliere “, ha detto il diciottenne ad Al Jazeera.

Tutti stanno cercando di assumere in questo momento.

Hailey Hamilton, 16 anni

L’economia statunitense ha registrato un record di 9,2 milioni di aperture di lavoro a maggio, il mese più recente per il quale sono disponibili dati.

Molti dei lavori che stanno diventando mendicanti sono nei settori dei servizi rivolti ai clienti: ristoranti, bar e negozi al dettaglio che stanno preparando le operazioni mentre i consumatori scatenano la domanda repressa.

Incapaci di essere pignoli, molte aziende scelgono di assumere adolescenti mentre gli adulti disoccupati – circa 8,7 milioni di loro a luglio, secondo il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti – rimangono in disparte.

Meno di un terzo degli adolescenti della nazione è stato impiegato durante l’estate del 2020. Quest’anno, tuttavia, sono tornati ruggiti nel mercato del lavoro con una vendetta.

A maggio, il 33,2 percento degli adolescenti statunitensi di età compresa tra 16 e 19 anni aveva un lavoro, il più alto dal 2008. La quota di adolescenti occupati è scesa al 31,9 percento a giugno, ma è salita di nuovo al 32,7 percento a luglio, riportando la quota al di sopra del pre -livelli pandemici.

Mentre molti lavori di primo livello vengono con le solite trappole che gli adolescenti cercano – soddisfare le richieste dei loro genitori o mettere da parte denaro extra per gli acquisti o il college – i Gen Z’ers stanno anche imparando lezioni uniche sulle insidie ​​del mercato del lavoro statunitense grazie a il contesto “post”-pandemia del loro impiego.

Sono per lo più liceali e li vedo lavorare 40 o 50 ore alla settimana.

Addison Howard, 19 anni

Entrare nella violazione dei posti di lavoro

La discrepanza tra il numero di offerte di lavoro e gli adulti senza lavoro negli Stati Uniti è diventata oggetto di accesi dibattiti.

Alcuni osservatori affermano che una miriade di fattori impedisce ai lavoratori disoccupati di trovare nuove posizioni, come il pensionamento anticipato, troppe aziende che inseguono lo stesso insieme di competenze contemporaneamente, una continua mancanza di opzioni di assistenza all’infanzia, timori di contrarre il COVID-19 e il desiderio di evitare il crescente numero di mandati di vaccinazione da parte dei datori di lavoro.

Molti repubblicani stanno incolpando la ricarica settimanale federale di $ 300 a settimana ai sussidi statali di disoccupazione per consentire ai lavoratori adulti di essere più esigenti riguardo al prossimo lavoro che accetteranno. Di conseguenza, dozzine di stati, la maggior parte dei quali guidati da governatori repubblicani, hanno deciso di ritirarsi dai programmi federali di indennità di disoccupazione prima che scadano all’inizio di settembre.

Indipendentemente da ciò che impedisce agli adulti di trarre vantaggio da un mercato del lavoro pieno di opportunità, non sta dissuadendo gli adolescenti dall’entrare nella breccia.

Howard e Gyapong stanno svolgendo il doppio compito quest’estate, bilanciando i lavori nel settore dei servizi che svolgono per contanti con altri impegni che si sono assunti per far avanzare la loro carriera e gli obiettivi del servizio pubblico. Gyapong sta facendo il tirocinio per un membro del Congresso a Washington, DC, e Howard gestisce la telecamera per una squadra di baseball locale e gestisce livestream e musica per una chiesa vicina.

Penso che a volte sia triste che questi adolescenti lavorino 30, 40, 50 ore alla settimana.

Addison Howard, 19 anni

Mentre Howard sceglie di bruciare la candela ad entrambe le estremità in lavori separati, dice che molti dei suoi compagni adolescenti al suo lavoro di servizio sono oberati di lavoro, a causa della carenza cronica di personale.

“Sono per lo più liceali e li vedo lavorare 40 o 50 ore alla settimana, facendo un lavoro part-time con ore a tempo pieno”, ha detto. “Forse i loro genitori stanno facendo pagare loro l’università o stanno comprando un’auto, ma penso che a volte sia triste che questi adolescenti lavorino 30, 40, 50 ore a settimana”.

Hamilton ha affermato che lei e molti dei suoi colleghi dipendenti part-time presso la pizzeria in cui ha lavorato fino a giugno hanno lavorato costantemente più di 40 ore a settimana, grazie in gran parte alla mancanza di personale.

“Tutti sono a corto di personale a causa del COVID e della disoccupazione. Molte persone hanno detto ‘onestamente, non ho bisogno di questo lavoro’ e se ne sono andati”, ha detto Hamilton. “Ci mettiamo così tanto addosso: gestiamo un intero negozio e siamo responsabili di tutto”.

Anche la mancanza di formazione è stata problematica per alcuni di questi adolescenti.

“È un po’ come se tutti noi non sapessimo cosa fare a volte. Siamo tutti molto poco addestrati”, ha detto Carter, l’impiegato del ristorante di insalate. “Sono stato coinvolto nel mio primo giorno. Non so ancora come prepararne la metà [the ingredients], quindi mi attengo solo alle cose che so fare.”

E i clienti non sempre comprendono le sfide che i lavoratori estivi della Generazione Z stanno affrontando.

“Gli adulti sarebbero entrati e ci avrebbero urlato contro perché le cose non andavano bene o richiedevano troppo tempo”, ha detto Hamilton. “Sono solo un gruppo di ragazzi che lavorano qui.”

“Vorrei che le persone trattassero gli altri con più gentilezza, specialmente quelli che entrano al lavoro – non conosci la loro storia o quello che stanno attraversando”, ha detto Howard.

I clienti maleducati, le lunghe ore e la mancanza di formazione hanno reso alcuni di questi giovani dipendenti molto più compassionevoli nei confronti degli adulti che scelgono di non rientrare nel mercato del lavoro per ora.

Hamilton ha affermato di essere molto più frustrata dai clienti adulti del ristorante pizzeria che sembravano ignari dell’attuale situazione occupazionale rispetto ai lavoratori che scelgono di rimanere a casa e raccogliere la disoccupazione.

Gyapong lo vede come “un riflesso di quanto le persone siano pagate male in questo paese, che guadagnano di più non lavorando”.

Howard spera anche che il panorama mutevole del mercato del lavoro statunitense convinca i politici ad aumentare il salario minimo federale, osservando che “ci sono famiglie che lavorano oltre 40 ore solo per ottenere frammenti di denaro”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *