CDC emette un nuovo divieto di sfratto della maggior parte degli affittuari statunitensi dopo la protesta | Notizie sugli alloggi


Mossa voluta dal presidente Joe Biden dopo che il Congresso non è riuscito ad agire sul divieto nazionale scaduto di rimozioni forzate.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno emesso una nuova moratoria di 60 giorni sugli sfratti degli affitti, una mossa che secondo l’agenzia di sanità pubblica degli Stati Uniti proteggerebbe circa il 90% degli americani.

L’annuncio di martedì arriva in mezzo a un’ondata di casi COVID-19 legati alla diffusione della variante Delta e segue la scadenza, il 31 luglio, del precedente divieto del CDC sugli spostamenti forzati di milioni di inquilini che non sono stati in grado di pagare l’affitto durante la pandemia .

Il nuovo divieto si applica specificamente alle contee statunitensi con “alti livelli di trasmissione comunitaria” del virus, ha affermato il CDC in una nota.

“L’emergere della variante Delta ha portato a una rapida accelerazione della trasmissione comunitaria negli Stati Uniti, mettendo più a rischio gli americani, soprattutto se non vaccinati”, ha affermato il direttore del CDC Rochelle Walensky.

Il presidente Joe Biden ha detto ai giornalisti alla Casa Bianca che il nuovo divieto di sfratto ha lo scopo di fornire più tempo agli affittuari e ai proprietari per ottenere assistenza finanziaria attraverso un programma di aiuti federale amministrato da stati e località.

L’obiettivo è evitare di buttare “qualcuno fuori dalla strada”, mantenere le famiglie nei loro appartamenti, “i bambini nello stesso distretto scolastico” e fornire un’opportunità alle persone di riguadagnare un lavoro per “pagare l’affitto”, ha detto Biden.

La misura del CDC ha attirato gli applausi dei legislatori democratici che avevano spinto la Casa Bianca a ripristinare la moratoria, affermando che milioni di americani vulnerabili sarebbero stati costretti a lasciare le loro case a partire da questa settimana.

“Oggi è un giorno di straordinario sollievo”, ha dichiarato in una nota la presidente della Camera democratica Nancy Pelosi. “L’imminente paura dello sfratto e dell’essere messi in strada è stata tolta a innumerevoli famiglie in tutta l’America”.

Un piccolo gruppo di legislatori democratici progressisti guidati dal rappresentante Cori Bush si era accampato sui gradini della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti per protestare contro l’inazione ufficiale sul divieto di sfratto dopo che la camera del Congresso aveva lasciato Washington, DC, per una pausa di un mese.

Il rappresentante degli Stati Uniti Cori Bush si è accampato per giorni fuori dal Campidoglio degli Stati Uniti per protestare contro la scadenza della moratoria per lo sfratto della pandemia [Evelyn Hockstein/Reuters]

“L’idea che potessimo andare in ricreazione e potremmo andare in vacanza come Camera dei Rappresentanti, mentre milioni di persone – più di 11 milioni di persone – potrebbero finire per essere cacciate dalle loro case, non c’era modo … assolutamente no modo”, ha detto Bush martedì al notiziario MSNBC.

Il mese scorso, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che il CDC non aveva l’autorità legale per estendere una moratoria di emergenza sull’allontanamento forzato delle persone dalle loro case durante la pandemia senza una specifica autorizzazione del Congresso.

Biden ha affermato che c’è stato un dibattito tra gli studiosi costituzionali sulla portata della decisione della corte, riflettendo una certa incertezza tra i funzionari all’interno dell’amministrazione sulla sua autorità legale.

Ma il rappresentante democratico degli Stati Uniti Maxine Waters si è chiesto se la decisione della Corte Suprema fosse definitiva e ha twittato “ogni minuto sprecato significa che un’altra famiglia potrebbe essere costretta a scendere in strada”.

“Biden, #EstendiLaMoratoria ora!” ha scritto martedì.

Biden e altri legislatori statunitensi sperano che una tale estensione fornisca più tempo per accelerare la distribuzione di 46,5 miliardi di dollari di canoni di locazione per inquilini e proprietari già assegnati dal Congresso agli stati statunitensi.

“Quando verrà avviato un contenzioso, probabilmente ci sarà concesso un po’ di tempo in più mentre stiamo ottenendo 45 miliardi di dollari a persone che in realtà sono indietro nell’affitto e non hanno i soldi”, ha detto Biden.

Ha anche invitato i governi statali e locali a estendere o mettere in atto divieti di sfratto a livello statale e locale per i prossimi due mesi. Tali divieti coprono già circa un terzo degli Stati Uniti.

Nel frattempo, il leader repubblicano del Senato Mitch McConnell ha dichiarato martedì che “non mi sembra che occorra alcuna azione legislativa aggiuntiva per ottenere i soldi che sono già stati messi a disposizione, in modo che possano risolvere il problema”.

Secondo uno studio dell’Aspen Institute e del COVID-19 Eviction Defense Project, più di 6,5 milioni di famiglie statunitensi sono attualmente indietro con 20 miliardi di dollari di canoni di locazione.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *