Apple mette in congedo amministrativo la responsabile del programma di ingegneria femminile dopo aver twittato sul sessismo in ufficio

Apple ha messo Ashley Gjøvik, senior manager del programma di ingegneria, in congedo amministrativo a tempo indeterminato dopo aver twittato sul sessismo in ufficio. La società sta attualmente indagando sulle affermazioni fatte da Gjøvik su un ambiente di lavoro ostile.

“Per mesi ho sollevato preoccupazioni con le relazioni con i dipendenti Apple su anni di esperienze con il sessismo, un ambiente di lavoro ostile, molestie sessuali, condizioni di lavoro non sicure e ritorsioni”, dice Gjøvik in un’intervista con Il Verge. “Ho chiesto loro di mitigare l’ambiente di lavoro ostile mentre indagano, e inizialmente mi hanno offerto la terapia EAP e un congedo medico. Ho detto loro che non aveva senso, e ho detto che avrebbero dovuto parlare con la mia leadership e stabilire una supervisione e dei limiti. Ho aggiunto che se non ci fosse stata altra opzione avrebbero potuto darmi un congedo amministrativo retribuito. Apparentemente non hanno fatto alcuno sforzo per stabilire dei limiti e invece hanno detto che mi stavano mettendo in congedo amministrativo e hanno implicito che non mi volevano su Slack dove ero stato esplicito sulle mie preoccupazioni con alcune politiche dell’azienda. Hanno anche insinuato che non volevano che incontrassi faccia a faccia con altre donne dell’azienda riguardo alle loro preoccupazioni con le politiche di Apple, cosa che stavo facendo”.

Questo pomeriggio, Gjøvik ha inviato un messaggio fuori sede per informare i colleghi che il team di relazioni con i dipendenti l’ha messa in congedo retribuito a tempo indeterminato.

Questa è la seconda volta che Apple ha indagato sulle affermazioni di Gjøvik sulla discriminazione sessuale all’interno dell’azienda. Il team di relazioni con i dipendenti ha chiuso un’indagine precedente, scoprendo che non c’era nulla di sbagliato, spingendo Gjøvik a twittare screenshot con quello che dice è solo una piccola parte di ciò che ha vissuto:

Apple sta attualmente combattendo con un’ondata di attivismo dei dipendenti, tra cui più donne che twittano sulla loro insoddisfazione per la cultura aziendale. A maggio, i dipendenti hanno scritto una lettera chiedendo un’indagine sull’assunzione di Antonio García Martínez, che aveva scritto un libro sulla Silicon Valley con descrizioni di donne che molte persone trovavano offensive. Ore dopo, García Martínez è stato licenziato.

Apple non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento da Il Verge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *