I leader degli Stati Uniti, i funzionari sanitari sollecitano i colpi COVID in mezzo all’aumento dei casi | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Con le infezioni da COVID-19, i ricoveri e i decessi in aumento negli Stati Uniti nell’ultima settimana, spinti in gran parte dalla diffusione della variante altamente contagiosa del Delta, i leader di diversi stati stanno rinnovando i loro sforzi per incoraggiare i residenti a ricevere le vaccinazioni.

A New York, lunedì il governatore Andrew Cuomo ha esortato le aziende a respingere i clienti non vaccinati. “Se non sei vaccinato, la variante Delta dovrebbe essere una delle principali preoccupazioni per te e dovresti preoccupartene”, ha detto Cuomo durante un briefing.

Gli operatori dei trasporti di New York e gli impiegati degli ospedali, delle case di cura e delle carceri del New Jersey dovranno vaccinarsi o sottoporsi a test regolari, hanno annunciato anche i governatori di quegli stati.

Nel frattempo, il sindaco di Denver, in Colorado, ha affermato che le vaccinazioni saranno obbligatorie per gli 11.000 dipendenti della città, mentre la Louisiana richiederà mascherine al chiuso in tutto lo stato a partire dal 4 agosto.

Un recente aumento delle infezioni da coronavirus negli Stati Uniti, in particolare negli stati con bassi tassi di vaccinazione, ha suscitato avvertimenti da parte di esperti di salute pubblica e chiede a più americani di ottenere i vaccini, che sono ampiamente disponibili nel paese.

Il direttore dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), la dott.ssa Rochelle Walensky, ha dichiarato ai giornalisti che al 31 luglio c’erano 72.000 nuovi casi di COVID-19 al giorno negli Stati Uniti. Questo è in aumento rispetto a una media di 57.000 infezioni giornaliere della settimana precedente.

Il dottor Anthony Fauci, il principale consigliere medico della Casa Bianca, ha avvertito domenica che il paese stava guardando “al dolore e alla sofferenza in futuro perché stiamo vedendo aumentare i casi”, aggiungendo che “la soluzione a questo è farsi vaccinare” .

Il senatore repubblicano degli Stati Uniti Lindsey Graham ha annunciato lunedì di essere risultato positivo al test per COVID-19 nonostante sia stato vaccinato, ha sintomi simil-influenzali e sarà in auto-quarantena per 10 giorni.

“Sono molto contento di essere stato vaccinato perché senza la vaccinazione sono certo che non mi sentirei bene come ora. I miei sintomi sarebbero molto peggiori”, ha scritto Graham, 66 anni, su Twitter.

Il repubblicano, una delle principali voci conservatrici al Senato degli Stati Uniti, ha affermato di aver iniziato a manifestare sintomi simil-influenzali il 31 luglio e ha cercato assistenza medica lunedì mattina.

Nel frattempo, mentre la Florida è alle prese con un afflusso di pazienti ospedalieri con la variante Delta, la scorsa settimana il governatore Ron DeSantis ha emesso un ordine esecutivo che vieta alle scuole di richiedere rivestimenti per il viso.

Questo è qualcosa che il CDC aveva raccomandato la scorsa settimana insieme all’uso di maschere negli spazi pubblici interni anche per gli americani vaccinati.

La Florida ha uno dei peggiori focolai della nazione e circa un quarto dei pazienti COVID-19 ricoverati in ospedale, secondo i dati del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti.

Mary Mayhew, capo dell’associazione ospedaliera della Florida, ha affermato che l’attuale aumento ha portato i ricoveri COVID alle stelle da 2.000 a 10.000 in meno di 30 giorni, sebbene i decessi siano rimasti ben al di sotto del picco precedente.

“Abbiamo 25 anni in ospedale in terapia intensiva con ventilatori”, ha detto Mayhew al notiziario statunitense MSNBC lunedì, aggiungendo che in un ospedale di Jacksonville l’età media è di 42 anni.

Un caso su tre di COVID-19 negli Stati Uniti è stato segnalato in Florida e in Texas la scorsa settimana, ha detto ai giornalisti il ​​coordinatore della risposta COVID-19 della Casa Bianca Jeff Zients.

Ha notato, come molti altri funzionari della sanità pubblica degli Stati Uniti hanno fatto durante la recente ondata di infezioni, che i casi erano concentrati in comunità con bassi tassi di vaccinazione.

Tuttavia, più persone stanno ricevendo i loro colpi. Zients ha affermato che nelle ultime settimane c’è stato un aumento di quasi il 70% nel numero medio di nuove persone vaccinate ogni giorno.

Tre milioni di americani hanno ricevuto la loro prima vaccinazione negli ultimi sette giorni e lunedì il Paese ha raggiunto il traguardo del 70% degli adulti che hanno ricevuto almeno una vaccinazione.

“Ci sono ancora circa 90 milioni di americani idonei che non sono vaccinati e abbiamo bisogno che facciano la loro parte”, ha detto Zients.

La Casa Bianca sta lavorando con gli stati per incoraggiare le vaccinazioni utilizzando incentivi, in seguito all’appello del presidente Joe Biden la scorsa settimana affinché gli stati utilizzino fondi federali per pagare $ 100 a chiunque venga vaccinato, ha affermato Zients.

Ha affermato che la politica della Casa Bianca di sollecitare tutti i dipendenti federali a vaccinarsi o ad affrontare i test COVID-19 settimanali stava aiutando a stimolare più luoghi di lavoro ad attuare politiche simili per i propri dipendenti, aggiungendo che i requisiti di vaccinazione per tornare al lavoro o a scuola erano una tendenza in crescita.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *