Manifestanti peruviani si radunano contro il nuovo governo di Pedro Castillo | Perù Notizie


I manifestanti denunciano la decisione del nuovo presidente di nominare primo ministro Guido Bellido.

Centinaia di peruviani si sono radunati contro il presidente di sinistra Pedro Castillo giorni dopo aver nominato suo primo ministro un intransigente e un marxista.

Sabato sera i manifestanti hanno marciato attraverso la capitale del Perù, Lima, portando cartelli che denunciavano il neo-premier Guido Bellido come un “terrorista” e un simpatizzante dello Shining Path, un gruppo ribelle maoista che ha ucciso decine di migliaia di peruviani negli anni ’80 e 1990 nel tentativo di prendere il potere.

“Terrorismo, mai più”, cantava la folla. Alcuni tenevano anche cartelli che dicevano: “No al comunismo”.

Molti dei presenti erano alleati del Partito della Forza Popolare di Keiko Fujimori che si è scontrato con Castillo in un aspramente contestato ballottaggio presidenziale a giugno.

“Guido Bellido è una persona discutibile, considerata misogina e omofoba. Ma più di ogni altra cosa, ha parlato bene di Shining Path”, ha detto Mariana Sanchez di Al Jazeera, riferendo da Lima. “La gente qui dice che non vogliamo un terrorista nel governo. È un insulto alla nostra memoria».

Ha aggiunto: Alcune persone che hanno votato per Pedro Castillo stanno anche esprimendo il loro malcontento sui social media, dicendo che non hanno votato per lui in modo che potesse mettere gli estremisti nel governo. Aveva promesso di mettere i moderati nel governo e dicono che il presidente li ha traditi”.

Castillo, un novizio politico che ha promesso di essere un campione dei poveri del paese, ha ufficialmente prestato giuramento come presidente mercoledì, due settimane dopo essere stato dichiarato vincitore del ballottaggio del 6 giugno.

Giovedì ha nominato primo ministro Bellido, un membro del suo Partito Perù libero. Il 42enne originario della regione andina di Cuzco aveva difeso i membri di Shining Path in un’intervista con i media locali ad aprile.

La sua nomina ha martellato i mercati valutari e obbligazionari peruviani, secondo l’agenzia di stampa Reuters, con il sol che è crollato al minimo storico nel suo più grande declino in oltre sette anni e l’indice azionario locale è sceso di quasi il 6% alla sua sessione minima e ha registrato il suo più basso chiuso da novembre.

Questa immagine distribuita dal governo peruviano di Pedro Francke, neo ministro dell’Economia del Perù, che si è insediato il 30 luglio 2021 [Alberto Orbegoso/ Peruvian Government via AFP]

La mossa ha anche portato il più importante consigliere economico di Castillo, Pedro Francke, a rifiutare inizialmente l’incarico al ministero delle Finanze, secondo i quotidiani locali El Comercio e La Republica. Francke è stato visto uscire dalla cerimonia per giurare nei membri del gabinetto appena nominati pochi minuti prima dell’inizio.

Ma alla fine Francke ha assunto il ruolo e ha prestato giuramento come ministro delle finanze venerdì sera.

Francke, un professore di economia, è un moderato di sinistra e aveva lavorato con veemenza per cercare di calmare gli investitori timorosi di una presidenza Castillo.

Venerdì Bellido ha espresso su Twitter il suo “pieno sostegno” per Francke, dicendo che avrebbero “lavorato insieme per il paese”. Venerdì, aveva anche detto ai giornalisti: “Non preoccupatevi. Andrà tutto bene”.

Venerdì Castillo ha anche usato Twitter per difendere il suo nuovo governo.

“Il nostro governo appartiene al popolo. Risponde alle persone”, ha scritto.

“Il nostro impegno è per il Perù e per nessun altro interesse che dedicare ognuno dei nostri sforzi per costruire un Paese più giusto, libero e dignitoso. Non deluderemo la vostra fiducia”.

Il primo ministro e il resto del governo avranno bisogno di conferma da parte del Congresso guidato dall’opposizione, dove la posizione di sinistra di Bellido è destinata ad affrontare una dura resistenza. La maggioranza dei voti del Congresso è detenuta dai partiti di centro e di destra.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *