La Cina corre per frenare l’epidemia di COVID alimentata da Delta, la peggiore da mesi | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Le province di tutta la Cina hanno imposto restrizioni più severe nel tentativo di contenere il peggior focolaio di coronavirus del paese da mesi, con funzionari sanitari che attribuiscono l’aumento delle infezioni da COVID-19 alla variante altamente contagiosa del Delta.

Le autorità hanno segnalato 328 infezioni sintomatiche a luglio, quasi pari al numero totale di casi locali da febbraio a giugno.

“Il ceppo principale attualmente in circolazione è la variante Delta… che rappresenta una sfida ancora più grande per il lavoro di prevenzione e controllo dei virus”, ha detto Mi Feng, portavoce della National Health Commission (NHC), in una conferenza stampa sabato.

È arrivato un giorno dopo che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha esortato i governi di tutto il mondo a contenere il Delta prima che si trasformi in qualcosa di più mortale e porti fuori la pandemia.

L’OMS ha affermato che nelle ultime quattro settimane è stato registrato un aumento medio dell’80% dei casi di COVID-19 in cinque delle sei regioni dell’agenzia sanitaria, un salto in gran parte alimentato dalla variante Delta in rapida diffusione.

Rilevato per la prima volta in India, il ceppo ha ora raggiunto 132 paesi e territori.

“Delta è un avvertimento: è un avvertimento che il virus si sta evolvendo, ma è anche un invito all’azione che dobbiamo muovere ora prima che emergano varianti più pericolose”, ha detto il direttore delle emergenze dell’OMS Michael Ryan in una conferenza stampa.

Secondo un documento trapelato dai Centers for Disease Control and Prevention negli Stati Uniti, una revisione dei risultati di altri paesi ha mostrato che mentre il SARS-CoV-2 originale era contagioso come il comune raffreddore, ogni persona con Delta infetta in media altri otto, rendendolo trasmissibile come la varicella ma ancora meno del morbillo.

ammasso di Nanchino

In Cina, l’epidemia attuale è geograficamente la più grande a colpire il paese in diversi mesi, sfidando il suo successo iniziale nel frenare la pandemia all’interno dei suoi confini.

Più di 260 infezioni a livello nazionale sono state collegate a un cluster nella città di Nanchino, nella provincia orientale di Jiangsu, dove nove addetti alle pulizie di un aeroporto internazionale sono risultati positivi il 20 luglio.

Centinaia di migliaia sono già stati chiusi nella provincia, mentre Nanchino ha testato due volte tutti i 9,2 milioni di residenti.

La contagiosità della variante Delta, combinata con l’alta stagione turistica e l’elevata circolazione di passeggeri nell’aeroporto, ha portato alla rapida diffusione di questo focolaio, ha detto ai giornalisti il ​​funzionario NHC He Qinghua durante il briefing.

I nuovi casi segnalati sabato in altre due regioni – la provincia del Fujian e la tentacolare megalopoli di Chongqing – includevano un paziente che ha visitato la città turistica di Xi’an, nella provincia dello Shaanxi, e un membro dell’equipaggio di carico internazionale che ha recentemente viaggiato dall’estero, hanno detto le autorità .

I funzionari di un distretto di Chongqing hanno ordinato venerdì in ritardo di test di massa di emergenza per le persone che avevano visitato luoghi collegati a casi confermati.

Dopo che un caso asintomatico è stato scoperto a Zhengzhou – l’epicentro delle recenti inondazioni mortali nella provincia centrale di Henan – sabato i funzionari della città hanno ordinato test di massa su tutti i 10 milioni di residenti. Anche il capo della commissione sanitaria cittadina è stato licenziato.

La città turistica di Zhangjiajie nella provincia di Hunan, dove il paesaggio ha ispirato il blockbuster “Avatar”, ha bloccato tutti e 1,5 milioni i residenti e chiuso tutte le attrazioni turistiche venerdì, secondo un avviso ufficiale.

I funzionari sanitari hanno affermato che il virus è stato probabilmente portato lì tramite il cluster di Nanchino, secondo le indagini preliminari.

I funzionari stanno ora cercando di rintracciare le persone a livello nazionale che hanno viaggiato di recente da Nanchino o Zhangjiajie e hanno esortato i turisti a non recarsi nelle aree in cui sono stati trovati casi.

Dopo le segnalazioni secondo cui alcune persone malate nell’ultimo cluster sono state vaccinate, i funzionari sanitari hanno affermato che questo era “normale” e ha sottolineato l’importanza della vaccinazione insieme a misure rigorose.

“La protezione del vaccino COVID contro la variante Delta potrebbe essere in qualche modo diminuita, ma l’attuale vaccino ha ancora un buon effetto preventivo e protettivo contro la variante Delta”, ha affermato Feng Zijian, virologo presso il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Finora sono state somministrate più di 1,6 miliardi di dosi di vaccino a livello nazionale a partire da venerdì, ha affermato il NHC. Non fornisce cifre su quante persone sono state completamente vaccinate.

I funzionari sanitari hanno affermato che mirano a vaccinare completamente l’80% della popolazione entro la fine dell’anno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.