I casi quotidiani di COVID di Tokyo hanno raggiunto livelli record durante le Olimpiadi | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Le nuove infezioni a Tokyo hanno raggiunto il record di 4.058, un giorno dopo che il Giappone ha deciso di estendere lo stato di emergenza.

I nuovi casi di COVID-19 segnalati nella città ospitante delle Olimpiadi di Tokyo sono saliti sabato a un record di 4.058, superando per la prima volta la soglia dei 4.000 e mettendo in ombra i Giochi estivi.

I casi a livello nazionale sono stati pari a 12.341 alle 18:30 (09:30 GMT), ha affermato l’emittente pubblica NHK, il più alto per il Giappone e un aumento del 15% nella giornata, sottolineando un rapido aumento delle infezioni in tutto il paese.

I nuovi record arrivano un giorno dopo che il Giappone ha deciso di estendere lo stato di emergenza a tre prefetture vicino alla sede olimpica di Tokyo e alla prefettura occidentale di Osaka fino alla fine di agosto alla luce del recente picco di infezioni.

Le misure di emergenza rimarranno fino a dopo le Olimpiadi e fino ai Giochi Paralimpici che inizieranno il 24 agosto.

Tra le crescenti preoccupazioni, gli organizzatori delle Olimpiadi di Tokyo hanno dichiarato sabato di aver revocato l’accreditamento delle persone legate ai giochi per aver lasciato il villaggio degli atleti per visitare la città, una violazione delle misure imposte per tenere le Olimpiadi in sicurezza durante la pandemia.

Gli organizzatori non hanno rivelato a quante persone è stato revocato l’accreditamento, se fossero atleti o quando si è verificata la violazione.

Questa è la prima volta che l’accreditamento viene revocato dall’inizio delle Olimpiadi di Tokyo il 23 luglio. Senza di esso, una persona non può accedere a nessuna struttura olimpica.

Ai residenti del villaggio degli atleti non è consentito uscire per scopi non legati al gioco, come ad esempio visite turistiche.

Nel frattempo, i funzionari hanno avvertito che le infezioni giornaliere di Tokyo potrebbero raggiungere 4.500 entro due settimane.

Il principale consigliere del governo sul coronavirus ha anche messo in guardia dal sovraccaricare il sistema sanitario alla luce del rapido aumento del numero di infezioni e della diffusione della variante Delta.

Il governo giapponese fa affidamento sulla cooperazione della popolazione. Dall’inizio della pandemia in Giappone non è mai stato imposto il coprifuoco.

Il governo ha ripetutamente esortato i cittadini a rimanere a casa e guardare i Giochi Olimpici in TV. Inoltre, è stato rivolto un appello ai giovani affinché si vaccinano contro il virus, poiché la maggior parte dei giapponesi di età superiore ai 65 anni è già stata vaccinata.

Il paese ha mantenuto i suoi casi e i suoi decessi inferiori rispetto a molti altri paesi, ma la sua media mobile di sette giorni è in crescita e ora si attesta a 28 per 100.000 persone a livello nazionale e 88 su 100.000 a Tokyo, secondo il ministero della salute.

Questo a fronte di 18,5 negli Stati Uniti, 48 in Gran Bretagna e 2,8 in India, secondo i dati della Johns Hopkins University.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.