Tesla accetta di pagare 1,5 milioni di dollari per risolvere la causa sul throttling della batteria

Tesla ha accettato di pagare $ 1,5 milioni per risolvere una causa secondo cui la società ha utilizzato un aggiornamento software per ridurre la tensione massima della batteria per alcune delle sue berline Model S, Reuters rapporti.

L’aggiornamento del software, che è stato rilasciato nel 2019, ha comportato una velocità di ricarica più lenta e un’autonomia ridotta per circa 1.743 veicoli, secondo i querelanti. Come risultato dell’accordo, Tesla ha accettato di pagare $ 625 a ciascuno dei proprietari di veicoli interessati.

“Questo importo è molte volte il valore proporzionale della tensione massima temporaneamente ridotta e rappresenta quindi un risultato eccellente ed efficiente per la Classe Transazione”, si legge nel documento del tribunale. “In cambio, la Classe di liquidazione rilascerà reclami relativi agli aggiornamenti software che hanno imposto e quindi ripristinato la tensione massima delle batterie”.

Gli avvocati dei proprietari hanno affermato di aver condotto un’indagine che ha scoperto che “la limitazione della tensione era temporanea, con una riduzione del 10% della durata di circa 3 mesi e una riduzione del 7% più piccola della durata di altri 7 mesi prima che l’aggiornamento correttivo fosse rilasciato nel marzo 2020. In seguito secondo aggiornamento, la tensione dei veicoli ha mostrato un ripristino costante nel tempo.

Non è immediatamente chiaro come i querelanti riceveranno il pagamento da Tesla. Un giudice della corte distrettuale degli Stati Uniti convocherà un’udienza sulla proposta di transazione il 9 dicembre. Un portavoce non ha risposto a una richiesta di commento; Tesla ha sciolto il suo dipartimento di pubbliche relazioni nel 2019.

Questa non è la prima volta che Tesla è stata costretta a pagare i suoi clienti per la limitazione delle batterie dei loro veicoli. Lo scorso maggio, la società è stata condannata a pagare 136.000 corone (16.000 dollari) ciascuno a migliaia di clienti in Norvegia per aver rallentato la velocità di ricarica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.