“Può essere un’immagine”: com’è navigare su Instagram da non vedenti

Usare uno screen reader per navigare su Instagram, come fanno alcune persone ipovedenti, è uno strano mosaico di suoni. Può essere travolgente, soprattutto se sei abituato a scansionare rapidamente le informazioni con gli occhi, sentire una voce sintetica che snocciola goffamente nomi utente, timestamp e simili come se fossero tutti ugualmente importanti quanto il contenuto effettivo del post. Tra tutta quella stimolazione uditiva, se qualcuno aggiungesse del testo alternativo alla propria foto, potresti sentire qualcosa come “John e io in piedi con le caviglie nell’acqua in spiaggia. John fa una smorfia angosciata mentre io pongo minacciosamente in mano un granchio morto e rido”.

Le descrizioni delle immagini utilizzate dagli screen reader devono essere aggiunte dagli utenti e, come molte funzionalità di accessibilità nei social media, questi campi vengono regolarmente trascurati. In questi casi, la voce a volte reciterà un testo alternativo generato automaticamente da Instagram o dal dispositivo dell’utente. Il risultato, mi dice Danielle McCann, la coordinatrice dei social media per la Federazione nazionale dei ciechi, può essere piuttosto divertente. Le descrizioni che si sono evolute da anni di apprendimento automatico ancora spesso identificano erroneamente ciò che sta accadendo nelle foto.

Di recente, stava scorrendo Instagram quando il suo lettore di schermo ha detto che c’era una foto di “due gatti marroni sdraiati su una superficie ruvida”. Suo marito l’ha informata che in realtà si trattava di un annuncio di un negozio di abiti da sposa con una donna in abito da sposa. “Grazie a Dio non lo ero [commenting] tipo, ‘Oh, quei gatti sono carini’, lo sai?”

Questi tipi di interpretazioni errate algoritmiche sono piuttosto comuni. Ecco un esempio di descrizioni che ho sentito mentre navigavo su Instagram con VoiceOver sul mio telefono: “polo rossa, mela, unicorno” (foto di una maglietta con il disegno di un divano sopra), “potrebbe essere un’immagine di interni “(una foto di un gatto accanto a una pianta da appartamento), “potrebbe essere un’immagine di cibo” (una foto di conchiglie di mare), “potrebbe essere un cartone animato” (quasi ogni illustrazione o vignetta) e un sacco di “può essere l’immagine di una persona” (una varietà di foto con una o più persone).

Poiché i dispositivi hanno acquisito impostazioni di accessibilità come ingrandimento, contrasto elevato e lettori di schermo integrati, i social media sono diventati lentamente più accessibili anche per le persone non vedenti o ipovedenti: molti siti e app rispondono alle impostazioni del dispositivo degli utenti, hanno opzioni per alternare le modalità chiaro e scuro e consentire agli utenti di comporre descrizioni di immagini. Ma l’esistenza di queste funzionalità non garantisce che le persone con disabilità non vengano escluse online. L’accessibilità ai social media è uno sforzo di gruppo. Le persone devono conoscere le funzionalità, capire cosa sono e ricordarsi effettivamente di usarle. Una piattaforma può avere un centinaio di opzioni di accessibilità, ma senza il consenso di ogni utente, le persone vengono comunque escluse.

Anche quando le persone usano il testo alternativo, spesso non pensano completamente a ciò che è importante trasmettere a qualcuno che non può vedere le foto. Alcune persone scriveranno descrizioni eccessivamente semplicistiche come “fiore rosso” o “ragazza bionda che guarda il cielo”, senza effettivamente descrivere ciò che rende le immagini degne di essere condivise. Dall’altra parte, più paragrafi di testo per descrivere un’immagine possono essere fastidiosi da navigare con uno screen reader. McCann dice agli amici di pensare al testo alternativo come a un esercizio di scrittura: “Come fornisci quante più informazioni con il minor numero di parole possibile?”

“La regola generale è essere informativi, non poetici”, afferma l’American Foundation for the Blind (AFB). “Ma sui social media, sentiti libero di aggiungere un po’ di personalità: probabilmente stai condividendo quella foto del tuo cane perché ha un’espressione esilarante e interrogativa, ad esempio, non perché è un mix di pitbull in bianco e nero”.

Sebbene le descrizioni automatizzate delle immagini possano eventualmente migliorare oltre il livello di scambiare una donna in abito da sposa per alcuni gatti, non possono sostituire l’elemento umano. Facebook ha avuto un’interruzione dell’immagine nel 2019 che ha mostrato a tutti i suoi utenti i tag delle foto che di solito sono nascosti, mostrando descrittori assegnati dalla macchina come “L’immagine può contenere: persone in piedi”. Le persone contenute in quell’immagine si abbracciano e fanno facce buffe? Sono davanti a un panorama mozzafiato? I social media possono sembrare molto meno social se il tuo accesso ai contenuti condivisi al loro interno si basa su interpretazioni conservatrici dei computer.

I sostenitori sottolineano che l’accessibilità dovrebbe sempre essere una considerazione sin dall’inizio, “non come un’aggiunta a una piattaforma già esistente ben dopo il fatto”, afferma AFB. Ma le piattaforme più popolari, tra cui Twitter, Instagram e TikTok, non hanno seguito questa strada durante lo sviluppo iniziale e stanno invece costantemente recuperando per migliorare la loro accessibilità. Quando questi miglioramenti vengono implementati, non è mai garantito che le persone li utilizzino in modo coerente.

Una delle barriere più grandi è il presupposto che le persone cieche non saranno interessate ai media visivi. “Solo perché sono visivi non significa che non siano immediatamente attraenti per le persone non vedenti o ipovedenti”, afferma McCann. “Penso che sia un grande equivoco: ‘Oh, beh, a loro non interessano le immagini.’ Ma noi sì”. Quando la cultura si plasma sui social network, fa schifo perdere un linguaggio social condiviso perché non si vedono le immagini di cui tutti parlano.

Christy Smith Berman, editor per ipovedenti di Can I Play That, ha risposto a un tweet di TT Games che ha annunciato il ritardo di Lego di Star Wars con testo su un’immagine. Quando lei ha risposto con a richiesta di testo alternativo, Smith Berman ha ricevuto risposte da persone che esprimevano incredulità sul fatto che i non vedenti sarebbero stati anche su Twitter per cominciare, per non parlare dei videogiochi.

Questi falsi presupposti spesso significano che le persone sono escluse dai momenti culturali divertenti sui social media. I meme di solito comportano iterazioni in rapida evoluzione di immagini non descritte con minuscole parole in caratteri strani. I video virali vengono ripubblicati e condivisi senza alcun tipo di descrizione, tramite audio o testo, di ciò che sta accadendo sullo schermo. “Oh, deve essere qualcuno che balla”, pensa McCann quando incontra un TikTok senza audio oltre alla musica. “Beh, no, in realtà è qualcuno che fa un cheesesteak. Ma non lo sapevo perché non c’è alcuna indicazione audio”.

“Molti dei meme che le persone condividono, non aggiungono testo alternativo”, afferma Steven Aquino, un giornalista legalmente cieco. Aquino non usa uno screen reader, ma si affida all’ingrandimento, ma a volte si chiede ancora cosa stia succedendo nei meme. “È davvero difficile perché non riesco a vedere così bene, e mi sento come, ‘Ok, dovrebbe essere divertente, ma non posso dirlo”.

Al di là di una semplice trascuratezza delle funzionalità di accessibilità, trasmettere umorismo visivo attraverso il testo non è qualcosa per cui tutti hanno un talento. Le immagini più divertenti si basano sul tempismo comico attraverso un’attenta composizione visiva, la conoscenza preliminare di un meme specifico o la familiarità con diversi riferimenti culturali. Scrivere una descrizione dell’immagine per un meme esoterico può sembrare come spiegare la cultura di Internet ai tuoi nonni: improvvisamente non sai come descrivere esattamente cosa ti ha fatto ridere. La natura complicata dell’alfabetizzazione dei meme non è qualcosa che possiamo incolpare sulle piattaforme – non è solo qualcosa che la persona media è abituata a esprimere a parole.

Ma ci sono altri fattori meno complicati che possono avere un impatto sulle esperienze online delle persone non vedenti o ipovedenti. Aquino sottolinea che le persone utilizzeranno caratteri Unicode speciali nei nomi visualizzati di Twitter che sono più difficili da leggere e non vengono interpretati come lettere dal software di lettura dello schermo. Uno screen reader non è tecnicamente scorretto se legge un carattere come “maiuscolo matematico in grassetto”, ma le persone più vedenti lo leggeranno semplicemente come una lettera con una formattazione diversa.

“Per le persone che utilizzano lettori di schermo, questo software è davvero intelligente”, afferma Aquino. “Quindi, se hai un nome intelligente, la tua voce fuori campo o qualsiasi altra cosa tu usi fallirà.” I tweet che includono righe di emoji o molti caratteri speciali per creare un’immagine o trasmettere uno script corsivo, possono essere infernale da ascoltare quando vengono letti da uno screen reader. Pubblicare uno screenshot del tweet con il testo alternativo è un’alternativa praticabile, ma raramente le persone sanno di farlo.

McCann è contenta che molti siti abbiano migliorato le loro opzioni di accessibilità nel corso degli anni, ma vorrebbe che fossero più ampiamente utilizzati e si chiede perché non siano promossi meglio. TikTok ha da testo a voce e avverte le persone quando gli effetti lampeggianti nei loro video potrebbero innescare crisi epilettiche, quindi perché tutti i siti social non possono avere suggerimenti migliori per incoraggiare gli utenti ad aggiungere didascalie, descrizioni visive e testo alternativo?

“L’onere di educare spetta alla comunità dei disabili”, afferma. “Perché non c’è più istruzione da queste aziende tradizionali?”

McCann vorrebbe che fosse più facile per lei unirsi alla festa quando cose come i video di TikTok diventano virali. “A meno che qualcuno non si sieda con me e mi spieghi cosa sta succedendo, mi sento decisamente come se non potessi parlarne con qualcuno”, dice. “È un esclusione fino a un certo punto, perché mi piacciono le battute. Mi piacciono le ricette di pasta. Voglio sapere quella roba! Faccio ancora parte del tessuto sociale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.