Microsoft sta affrontando un mandato di comparizione per milioni di documenti nel caso antitrust di Google

L’ampio caso dell’antitrust federale contro Google ha dato origine a una significativa battaglia sui dati detenuti da Microsoft e la società sta ora affrontando un mandato di comparizione per milioni di documenti che potrebbero far luce sui suoi tentativi di competere con il motore di ricerca di Google. Avendo inizialmente collaborato con i pubblici ministeri nella costruzione di un caso antitrust contro Google, Microsoft potrebbe essere obbligata a produrre milioni di documenti in più su richiesta del team di difesa di Google.

Venerdì mattina, durante un’udienza di stato, il giudice Amit Mehta ha ascoltato le argomentazioni di Google e Microsoft sulla questione, ma alla fine ha scoperto che erano necessarie ulteriori informazioni prima che il tribunale potesse fornire indicazioni su quanti dati interni Microsoft sarebbe tenuta a produrre.

“Questi sono problemi difficili da risolvere per qualsiasi giudice in modo obiettivo e significativo”, ha detto Mehta agli avvocati, “ed è particolarmente vero dato che, per quanto riguarda i custodi aggiuntivi, non ho alcun senso del volume che sarebbe produrre … o cosa significherebbe quel volume per i tempi di produzione”.

Depositato a ottobre 2020, il caso antitrust del Dipartimento di Giustizia contro Google si concentra sul comportamento anticoncorrenziale nella ricerca e nella pubblicità di ricerca, sostenendo tra le altre affermazioni che gli accordi di esclusività dell’azienda su Android e iOS hanno escluso i motori di ricerca concorrenti. Sono stati inoltre archiviati casi antitrust separati contro Google incentrati sulle impostazioni sulla privacy del browser dell’azienda e sulla presunta manipolazione dei risultati di ricerca.

Prima della presentazione delle accuse da parte del Dipartimento di Giustizia, Microsoft ha fornito più di 400.000 documenti alle richieste investigative civili dei pubblici ministeri. In un deposito prima dell’udienza di oggi, Google discusso tale partecipazione dà diritto alla società a una serie simile di documenti che potrebbero essere utili alla sua difesa.

“Nessuna terza parte è più centrale in questo contenzioso di Microsoft. I reclami DOJ e Colorado fanno riferimento a esso o ai suoi prodotti dozzine di volte”, si legge nel documento di Google. “Avendo così ovviamente sollecitato e collaborato alla preparazione dei presenti reclami da presentare contro Google, Microsoft non può evitare in modo credibile una scoperta significativa in questi casi”.

Google ha emesso per la prima volta un mandato di comparizione a Microsoft ad aprile, alla ricerca di “documenti più vecchi che facciano luce sul fatto che Microsoft sia stata effettivamente trattenuta dal competere con Google o se semplicemente non sia riuscita a competere con successo nel merito”. Ma Microsoft ha accettato di perquisire solo otto dei 27 dirigenti e ha drasticamente limitato le stringhe di ricerca a cui sarebbero stati soggetti. Google ora chiede un ordine del tribunale più potente per obbligare la produzione di documenti da Microsoft.

In un’appendice al suo deposito, Google ha elencato 19 dirigenti Microsoft attuali ed ex che potrebbero detenere comunicazioni rilevanti per il caso, tra cui l’ex capo di Windows Phone Andrew Lees e l’ex capo di Windows Terry Myerson.

“Questi dirigenti si occupano di questioni al centro del caso: lo sviluppo e la distribuzione dei vari motori di ricerca di Microsoft, l’attività di pubblicità di ricerca di Microsoft e lo sforzo di Microsoft di commercializzare dispositivi che darebbero ancora più punti di accesso alla ricerca oltre l’onnipresente desktop di Windows, “si legge nel fascicolo. “Google cerca semplicemente una scoperta commisurata alle accuse dei querelanti, che risalgono a due decenni fa”.

Nel suo stesso deposito, Microsoft ha respinto questa logica, sostenendo che Google sta presentando richieste inutilmente ampie nel tentativo di ritardare ulteriormente il caso. “Negli ultimi nove giorni, infatti, Google ne ha proposte diciassette custodi aggiuntivi”, afferma il deposito di Microsoft, “di cui nove il 19 luglio, cinque il 26 luglio e tre oggi, 27 luglio. Google non ha spiegato perché ritiene che sia necessaria la ricerca di questi ventotto custodi aggiuntivi …”.

Soppesando i due argomenti, la corte sembrava favorire leggermente la versione di Google del caso, ma alla fine ha chiesto maggiori dati sull’onere necessario per produrre i documenti. “La descrizione delle persone [Google has] identificati come custodi aggiuntivi sicuramente mi ha colpito per non aver raggiunto”, ha detto il giudice Mehta, “e non ho sentito Microsoft affermare oggi che ci sono possibilità minime che possano avere record reattivi e pertinenti”.

Tuttavia, alla fine il tribunale ha ritenuto che non vi fossero informazioni sufficienti sull’onere posto dalla produzione e la controversia dovrebbe continuare almeno fino al 20 agosto, termine fissato per ulteriori depositi in materia.

“Il meglio che posso fare per voi oggi è darvi una scadenza entro la quale rispondermi con informazioni concrete”, ha detto il giudice Mehta alle parti.

La scoperta è un’altra svolta in quello che probabilmente sarà un lungo e controverso periodo di scoperta per il caso antitrust. Microsoft afferma di ritenere che la prima fase della propria produzione di documenti durerà almeno fino a ottobre di quest’anno. Procedimenti processuali per Stati Uniti contro Google l’inizio è previsto per il 12 settembre 2023.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.