Duterte ripristina l’accordo militare chiave delle Filippine con gli Stati Uniti | Rodrigo Duterte Notizie


Il Visiting Forces Agreement, che il presidente filippino aveva pianificato di cancellare, è una parte fondamentale del rapporto tra le due nazioni.

Il presidente Rodrigo Duterte ha ripristinato un patto che disciplina la presenza delle truppe statunitensi nelle Filippine, hanno annunciato venerdì i segretari alla difesa dei due paesi, ritrattando una decisione che aveva suscitato crescente preoccupazione tra i politici a Washington e Manila.

Il Visiting Forces Agreement (VFA) prevede regole per la rotazione di migliaia di truppe statunitensi dentro e fuori le Filippine per esercitazioni ed esercitazioni di guerra. Ha assunto ulteriore importanza poiché gli Stati Uniti e i suoi alleati si contendono una Cina sempre più assertiva, in particolare nel conteso Mar Cinese Meridionale.

“Lasciatemi ringraziare il presidente Duterte per la sua decisione di ripristinare completamente l’accordo sulle forze in visita”, ha detto venerdì il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin in una conferenza stampa congiunta con la sua controparte filippina, Delfin Lorenza.

La decisione di Duterte fornisce agli Stati Uniti “un certo grado di certezza per il futuro”, ha affermato, rilevando il ruolo degli Stati Uniti negli “sforzi di controinsurrezione” nell’isola meridionale di Mindanao.

“Possiamo pianificare ulteriormente in anticipo e con quella pianificazione a lungo termine, possiamo effettivamente fare esercizi più completi”.

Duterte ha detto l’anno scorso che aveva in programma di cancellare il VFA ma lo ha esteso fino a dicembre.

Lorenzana ha detto che non era sicuro del motivo per cui Duterte avesse cambiato idea, ma ha preso la decisione dopo aver incontrato Austin a Manila giovedì sera.

“I nostri paesi affrontano una serie di sfide, dalla crisi climatica alla pandemia”, ha affermato, aggiungendo che l’alleanza filippino-statunitense “rimarrà vitale per la sicurezza, la stabilità e la prosperità dell’Indo-Pacifico”, ha affermato.

“Un VFA completamente restaurato ci aiuterà a raggiungere questo obiettivo insieme.

In una dichiarazione di venerdì, il portavoce di Duterte, Harry Roque, ha affermato che la decisione del presidente era “basata sul mantenimento degli interessi strategici fondamentali delle Filippine”.

“Le Filippine, tuttavia, continueranno a coinvolgere altri paesi per partnership che funzionino, basate sui nostri principali interessi nazionali”.

alleato del trattato degli Stati Uniti

Una dichiarazione separata dell’ufficio di Duterte ha affermato che il presidente filippino e Austin “hanno avuto una discussione aperta e franca sullo stato e sulla direzione futura” dei legami filippino-statunitensi.

“Hanno convenuto che l’alleanza può essere ulteriormente rafforzata attraverso una maggiore comunicazione e una maggiore cooperazione”, ha aggiunto la nota.

Da quando è diventato presidente nel 2016, Duterte ha ripetutamente espresso il suo disprezzo nei confronti degli Stati Uniti segnalando legami più stretti con la Cina.

Le Filippine sono un alleato del trattato degli Stati Uniti e diversi accordi militari dipendono dal VFA.

Duterte ha promesso di rescindere il patto dopo che gli Stati Uniti hanno negato il visto a un senatore filippino alleato del presidente. Ma aveva ripetutamente posticipato la data di scadenza, l’ultima volta a giugno.

Il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin e il Segretario alla Difesa delle Filippine Delfin Lorenzana salutano prima di tenere un incontro bilaterale presso il campo militare di Camp Aguinaldo a Manila venerdì [Rolex Dela Pena/Pool via Reuters]

Per gli Stati Uniti, avere la possibilità di ruotare le truppe è importante non solo per la difesa delle Filippine, ma anche per contrastare il comportamento assertivo della Cina nella regione.

Ci sono tensioni di lunga data tra le Filippine e la Cina per le acque contese nel Mar Cinese Meridionale, così come il ripetuto sciame di navi della milizia cinese all’interno della zona economica esclusiva filippina.

Gli Stati Uniti questo mese hanno ripetuto un avvertimento alla Cina che un attacco alle forze filippine nel Mar Cinese Meridionale avrebbe innescato un trattato di mutua difesa USA-Filippine del 1951.

Gli Stati Uniti hanno anche inviato alle Filippine almeno tre milioni di dosi di vaccini COVID-19 per aiutare a combattere la pandemia.

L’ufficio di Duterte ha affermato che “il presidente ha espresso il suo apprezzamento” per l’assistenza degli Stati Uniti nella lotta del paese contro la pandemia.

Oltre a Duterte e Lorenzana, Austin dovrebbe incontrare anche il Segretario agli Affari Esteri delle Filippine Teodoro Locsin Jr.

Manila è stata la terza e ultima tappa del viaggio di Austin attraverso l’Asia mentre gli Stati Uniti cercano di rafforzare i legami di sicurezza con le nazioni del sud-est asiatico, molte delle quali rivendicano anche parti del Mar Cinese Meridionale. Ha anche visitato Singapore e Vietnam.

Con ulteriore segnalazione di Ted Regencia



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.