Doppio colpo: il Bangladesh combatte l’epidemia di dengue in mezzo alla crisi COVID | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Dacca, Bangladesh – Un forte aumento dei casi di dengue sta mettendo a dura prova il fragile sistema sanitario del Bangladesh, già colpito dall’aggravarsi della crisi del coronavirus nel paese.

Proprio questo mese, a 1.920 persone è stata diagnosticata la malattia trasmessa dalle zanzare fino a venerdì, segnando un aumento di oltre il 600 percento nei casi da giugno, quando sono stati segnalati 272 casi.

Secondo la Direzione Generale del Servizio Sanitario (DGHS), quest’anno è stata diagnosticata la dengue a un totale di 2.292 pazienti, inclusi almeno tre decessi.

Un ospedale pediatrico a Dhaka ha registrato un aumento del numero di casi di dengue nelle ultime settimane [Mahmud Hossain Opu/Al Jazeera]

Quasi tutti i casi di dengue, tranne circa 70, sono stati trovati a Dhaka, la tentacolare capitale del Bangladesh, che ospita circa 17 milioni di persone.

L’epidemia di dengue ha messo ulteriormente sotto pressione l’assistenza sanitaria del Bangladesh, che è già sull’orlo del collasso a causa di una feroce terza ondata di coronavirus.

Giovedì sera, nelle ultime 24 ore sono stati segnalati in tutto il Paese 239 decessi correlati al COVID-19, portando il bilancio delle vittime a 20.255.

Nello stesso periodo, sono stati segnalati 15.271 nuovi casi di coronavirus, portando il numero totale di casi a 1.226.253, secondo il DGHS.

Pazienti infetti da dengue vengono ricoverati al Sir Salimullah Medical College Hospital di Dhaka [Mohammad Ponir Hossain/Reuters]

sintomi simili

Il Bangladesh ha assistito alla sua peggiore epidemia di dengue nel 2019, quando ha registrato più di 100.000 casi e 179 morti.

C’è stata una pausa l’anno scorso quando sono stati diagnosticati 1.405 pazienti in tutto il paese, con sette uccisi secondo i dati DGHS.

Quest’anno, però, la situazione è complicata dal fatto che COVID-19 e dengue presentano sintomi simili, rendendo le loro malattie più difficili da diagnosticare.

E la maggior parte dei letti ospedalieri e delle unità di terapia intensiva (ICU) sono stati occupati da pazienti affetti da coronavirus, rendendo difficile l’ammissione in una struttura per i pazienti con un caso grave di dengue.

I senzatetto dormono sotto la zanzariera per proteggersi dalla dengue a Dhaka [Mohammad Ponir Hossain/Reuters]

La scorsa settimana, quando Afsarul Haque ha scoperto che la sua febbre aveva raggiunto i 102 gradi Celsius, pensava di essere stato infettato dal nuovo coronavirus.

Il banchiere 38enne ha immediatamente chiamato un laboratorio privato per fare il test per il COVID-19. Il giorno dopo, il risultato è stato negativo.

La sua febbre, tuttavia, continuava a peggiorare così come il suo mal di testa.

“Il pensiero di prendere la dengue non mi è affatto balenato in mente”, ha detto Haque ad Al Jazeera.

“Ma uno dei miei parenti mi ha chiesto di fare un test per la dengue. L’ho fatto e il risultato del test è stato positivo”.

Haque è rimasto a casa come suggerito dal suo medico e ha preso delle medicine.

L’epidemia di dengue ha messo ulteriormente sotto pressione l’assistenza sanitaria del Bangladesh [Mahmud Hossain Opu/Al Jazeera]

“Ora sono sulla buona strada per il recupero. Ma il trauma mentale che avevo attraversato era estenuante”.

Mentre Haque è stato fortunato, Sayeeda Nasrin Bably non lo è stato. Il 35enne professore universitario è morto di dengue il 7 luglio, il primo dengue registrato quest’anno.

Il fratello di Bably, Golam Hafiz, ha detto ad Al Jazeera che è stata portata in un ospedale privato dove i medici sospettavano che fosse COVID-19.

“In seguito le è stato fatto un test della dengue e il risultato è risultato positivo”, ha detto Hafiz.

Quando le condizioni di Bably si sono deteriorate, è stata ricoverata in terapia intensiva dell’ospedale. “Il 7 luglio ha avuto un ictus ed è morta”, ha detto suo fratello.

Variante mortale di dengue

L’OMS afferma che la dengue è causata da un virus con quattro filamenti distinti. Il recupero dall’infezione da parte di uno fornisce un’immunità permanente contro quel particolare filamento, ma la successiva infezione da parte di altri filamenti aumenta il rischio di sviluppare una grave dengue.

In Bangladesh, quest’anno un gran numero di malati di dengue è stato infettato dal DEN-3, una variante del virus della dengue che può aumentare il rischio di mortalità, secondo la dott.ssa Tahmina Shirin, direttrice dell’Istituto nazionale di epidemiologia, controllo e ricerca delle malattie ( IEDCR).

Negli anni precedenti, il Bangladesh ha assistito a epidemie di filamenti DEN-1 e DEN-2, ma quest’anno DEN-3 è più diffuso, ha affermato Shirin, aggiungendo che i filamenti DEN-3 e DEN-4 sono considerati mortali e causano perdite di plasma, difficoltà respiratorie e compromissione d’organo nei pazienti.

Il dottor Robed Amin, direttore dell’unità di controllo delle malattie non trasmissibili (NCDC) del DGHS, ha detto ad Al Jazeera che quest’anno i casi di dengue sono alti a causa di quello che ha definito un “modello d’onda”.

“I casi di dengue aumentano ad anni alterni. Abbiamo visto casi massicci di dengue nel 2019, quindi c’era una probabilità di aumentare i casi di dengue nel 2021″, ha affermato.

Amin ha detto che gli entomologi all’inizio di quest’anno avevano avvertito della crescita dei casi di dengue nel paese.

“Noi (DGHS) abbiamo fornito copie di questo rapporto agli enti civici per intraprendere le azioni appropriate, come il controllo della popolazione di zanzare conducendo iniziative e conducendo campagne di sensibilizzazione”, ha aggiunto.

Secondo la proiezione dell’entomologo Kabirul Bashar, la situazione della dengue in Bangladesh peggiorerà ad agosto, ma ha apprezzato gli sforzi compiuti dall’amministrazione di Dhaka per controllare il picco.

“Ho visto le due società cittadine di Dhaka attivarsi nel controllo della popolazione di zanzare. Se le loro attività continuano a pieno ritmo, i casi di dengue potrebbero diminuire”, ha affermato.

Il generale di brigata Jobaidur Rahman, capo della sanità della Dhaka North City Corporation, ha dichiarato ad Al Jazeera di aver già avviato una speciale campagna di pulizia nella capitale.

“Stiamo prendendo molto sul serio gli aumenti dei casi di dengue. Stiamo lavorando a pieno regime per contrastare qualsiasi ulteriore aumento dei casi ad agosto”, ha affermato.

Segnalazioni aggiuntive di Mubtasim Fuad in Bangladesh



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.