Lo stato indiano del Kerala ordina il blocco mentre aumentano i casi di COVID | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Lo stato meridionale ha un carico di lavoro attivo di circa 154.000 infezioni, il 37 percento dei casi totali dell’India.

Lo stato meridionale del Kerala, in India, ha annunciato un blocco di due giorni in quanto le autorità federali intendono inviare esperti per combattere la diffusione delle infezioni nel principale hotspot COVID-19 del paese.

I casi quotidiani in India sono diminuiti dopo una devastante seconda ondata che ha travolto il sistema sanitario e gli sforzi di vaccinazione stanno prendendo piede.

Ma gli esperti hanno avvertito le autorità di non riaprire le città troppo rapidamente.

Il Kerala, con un numero di casi attivi di circa 154.000, rappresenta il 37,1% dei casi attivi totali dell’India. Il suo tasso di casi positivi, che indica il ritmo di diffusione delle infezioni, è ora il più alto del Paese.

“Sono state implementate restrizioni rigorose speciali intensificate nelle aree in cui il tasso di positività al test è alto”, ha affermato il dipartimento statale per la gestione dei disastri in una dichiarazione che annunciava un “blocco completo” da domenica.

Durante le ultime quattro settimane, sette dei 14 distretti del Kerala hanno riportato una tendenza in aumento nelle nuove infezioni quotidiane, secondo i dati del governo pubblicati all’inizio di questa settimana.

Giovedì, il governo federale ha dichiarato di aver inviato una mezza dozzina di esperti per monitorare le aree più colpite del Kerala e lavorare con le autorità statali sulle strategie per contenere l’epidemia.

Il governo centrale indiano ha lasciato le decisioni su blocchi e riaperture alle autorità statali locali, portando a una risposta non uniforme che secondo gli esperti ha permesso lo sviluppo di nuovi hotspot anche se le infezioni diminuiscono negli epicentri precedenti.

L’India giovedì ha riportato 43.509 nuovi casi di coronavirus nelle 24 ore precedenti, portando il conteggio complessivo a 31,53 milioni, anche se gli esperti ritengono che la cifra effettiva potrebbe essere molto più alta.

È secondo solo agli Stati Uniti per numero cumulativo di contagi.

Lo stato occidentale del Maharashtra, il polo industriale dell’India e lo stato più colpito da una seconda ondata devastante, è stato il secondo più colpito del paese, rappresentando oltre il 20% dei casi complessivi, secondo i dati ufficiali.

Il mese scorso il Maharashtra ha iniziato a revocare le restrizioni di blocco per rilanciare l’economia.

Il tasso di riproduzione, o valore R, di COVID-19 in India ha raggiunto l’1 il 24 luglio per la prima volta da maggio, quando le infezioni giornaliere erano vicine a un picco di 400.000, aumentando il rischio di una diffusione ancora più rapida delle infezioni.

“L’aumento (del valore R) è previsto mentre stiamo aprendo il paese”, ha twittato Bhramar Mukherjee, professore di epidemiologia presso l’Università del Michigan.

“Dove andrà da qui dipende dal pubblico e dai politici”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.