Riuscirai a battere il tempo di esecuzione di 5K di questo robot bipede?

I ricercatori dell’Oregon State University hanno convinto un robot bipede a scendere dal divano per completare con successo il prima corsa robotica di 5 chilometri all’aperto. Il robot, Cassie, ha completato il percorso in 53 minuti, senza cavi e con una singola carica della batteria. Quindi la prossima volta che vai a fare jogging, ricorda: questo è il momento di battere se vuoi battere il ritmo dei robot assassini.

(Per adesso.)

Cassie è la creazione dello spin-off dell’OSU Agility Robotics, che da un po’ di tempo promuove il caso commerciale dei robot bipedi. La stessa Cassie è stata il primo prodotto dell’azienda, fabbricato tra il 2017 e il 2019, e ora adottato dai laboratori di ricerca. Agility ora crea un robot bipede aggiornato, Digit, che ha le braccia per gestire i pacchi ed è stato utilizzato da Ford come parte di un progetto di ricerca sui robot di consegna autonomi.

Tuttavia, le macchine bipedi sono una vendita difficile. Il loro grande vantaggio è che possono facilmente navigare negli spazi creati per l’uomo, come scale e corridoi stretti. Ma il loro bipedismo significa che sono intrinsecamente meno stabili, soprattutto rispetto ai robot quadrupedi come quelli realizzati da Boston Dynamics. È solo più difficile far cadere qualcosa quando è in piedi su quattro zampe.

Cassie il robot è stato controllato e accompagnato nella sua corsa di 5 km.
Immagine: OSU

Il team dietro Cassie afferma che questo potrebbe cambiare poiché le nuove tecniche di apprendimento profondo consentono ai robot bipedi di sviluppare nuovi modi per stabilizzarsi durante la locomozione. Questi metodi non sono impeccabili, però. Cassie è caduta due volte durante la sua corsa di 5K, ad esempio, una volta perché il suo cervello del computer si è surriscaldato e l’altra perché il suo controller umano gli ha ordinato di prendere un angolo troppo velocemente. (Sì, Cassie non ha corso sotto la sua direzione.)

Jonathan Hurst, professore di robotica dell’OSU e co-fondatore di Agility Robotics, è ancora fiducioso che i robot bipedi diventeranno la norma, fondendosi con gli umani. “In un futuro non molto lontano, tutti vedranno e interagiranno con i robot in molti luoghi della loro vita quotidiana, robot che lavorano al nostro fianco e migliorano la nostra qualità della vita”, ha affermato Hurst in un OSU post sul blog.

Chissà, forse li vedrai anche durante la tua corsa mattutina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.