I cordoli statunitensi lavorano con il Guatemala dopo la rimozione del leader anticorruzione | Notizie sulla corruzione


Juan Francisco Sandoval è stato licenziato la scorsa settimana come capo di un’unità dell’accusa incaricata di contrastare la corruzione.

Gli Stati Uniti hanno affermato che interromperanno la collaborazione con il procuratore penale del Guatemala dopo che il capo di un’unità incaricata di combattere la corruzione nella nazione centroamericana è stato licenziato alla fine della scorsa settimana.

La portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti Jalina Porter ha detto ai giornalisti martedì che gli Stati Uniti stanno interrompendo la cooperazione programmatica con il ministero pubblico del Guatemala, responsabile del perseguimento dei casi penali.

La mossa arriva dopo che il procuratore generale del Guatemala Maria Porras venerdì ha rimosso il leader anticorruzione Juan Francisco Sandoval dal suo incarico di capo dell’Ufficio del procuratore speciale contro l’impunità (FECI). Ore dopo, Sandoval lasciò il paese.

La FECI è stata originariamente creata per affrontare le indagini guidate dalla Commissione internazionale contro l’impunità in Guatemala (CICIG), sostenuta dalle Nazioni Unite, ma è stata rimossa dal paese nel 2019.

Juan Francisco Sandoval è stato rimosso dalla carica di capo dell’Ufficio del procuratore speciale contro l’impunità (FECI) la scorsa settimana [Luis Echeverria/Reuters]

La decisione di rimuovere Sandoval “si adatta a un modello di comportamento che indica una mancanza di impegno per lo stato di diritto e processi giudiziari e giudiziari indipendenti”, ha affermato Porter martedì.

“Di conseguenza, abbiamo perso la fiducia nel procuratore generale e nella sua intenzione di cooperare con il governo degli Stati Uniti e combattere la corruzione in buona fede”, ha affermato Porter.

Gli Stati Uniti sono stati un sostenitore vocale del lavoro di Sandoval, che includeva indagini e controversie contro ex funzionari, presidenti e dirigenti d’azienda in Guatemala. Il Dipartimento di Stato lo ha dichiarato un “campione anti-corruzione” in un premio di febbraio.

Washington si è impegnata ad aiutare i paesi dell’America centrale a combattere l’impunità per i trasgressori di alto livello, con il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris che ha promesso maggiore sostegno agli sforzi contro la corruzione durante una visita a giugno.

Negli ultimi mesi, l’amministrazione del presidente Joe Biden ha anche revocato i visti statunitensi a due alti giudici in Guatemala su sospetti di corruzione e ha criticato il rifiuto dei legislatori di giurare in un giudice che combatte la corruzione.

“Stiamo osservando attentamente eventuali azioni aggiuntive che potrebbero minare lo stato di diritto o l’indipendenza giudiziaria in Guatemala”, ha affermato Porter.

Persone che prendono parte a una protesta a sostegno di Juan Francisco Sandoval a Città del Guatemala, Guatemala [Sandra Sebastian/Reuters]

Nel frattempo, il licenziamento di Sandoval ha incontrato opposizione e proteste in Guatemala.

Lunedì, le organizzazioni rurali hanno bloccato tre autostrade per protestare contro il suo licenziamento, mentre altri gruppi stanno valutando il modo di fare pressione sul governo. Alcuni legislatori hanno già sporto denuncia formale contro Porras, accusandola tra l’altro di intralcio alla giustizia.

“Il licenziamento conferma la paura di diversi mesi fa che, nonostante abbia espresso interesse a collaborare a un’agenda anticorruzione, in ultima analisi, il governo guatemalteco ha un’agenda diversa”, ha affermato Tiziano Breda, analista centroamericano per l’International Crisis Group.

Ivan Velasquez, che ha guidato la missione delle Nazioni Unite e ha lavorato a stretto contatto con Sandoval, ha avvertito che “la lotta alla corruzione sta peggiorando” in Guatemala.

“Si invertirà solo se la comunità internazionale sospende tutti gli aiuti all’ufficio del procuratore generale e isola il procuratore generale, che è alleato con tutto il potere politico corrotto del paese”, ha detto Velasquez.

“Dipenderà dai guatemaltechi e dal loro sforzo per difendere la democrazia e trovare una via d’uscita”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.