Blizzard sta rimuovendo i riferimenti inappropriati non specificati da World of Warcraft

Il World of Warcraft squadra ha promesso di rimuovere “riferimenti che non sono appropriati per il nostro mondo” nei “prossimi giorni” a seguito della principale causa in California per molestie sessuali e discriminazione sul posto di lavoro intentata contro World of Warcraft sviluppatore Activision Blizzard la scorsa settimana.

Il World of Warcraft la dichiarazione del team di martedì non ha specificato quali “riferimenti” avrebbero rimosso. Ma sembra possibile che gli NPC e gli oggetti nominati per l’ex World of Warcraft Il senior creative director Alex Afrasiabi potrebbe essere eliminato dal gioco – sebbene Afrasiabi abbia apparentemente lasciato Blizzard nel giugno 2020, il suo marchio sul gioco rimane, come Kotaku segnalato giovedì.

Afrasiabi è stato individuato nella causa per il suo comportamento orribile, che secondo il Department of Fair Employment and Housing (DFEH) includeva “palese molestie sessuali con poche o nessuna ripercussione”. La denuncia fornisce maggiori dettagli, che sto premettendo a avviso di contenuto per le descrizioni di molestie sessuali:

In un palese esempio del rifiuto degli imputati di trattare con un molestatore a causa della sua anzianità/posizione, ad Alex Afrasiabi, l’ex direttore creativo senior di World of Warcraft presso Blizzard Entertainment, è stato permesso di impegnarsi in palesi molestie sessuali con poche o nessuna ripercussione. Durante un evento aziendale (una convention annuale chiamata Blizz Con) Afrasiabi ci provava con le dipendenti di sesso femminile, dicendogli che voleva sposarle, cercando di baciarle e abbracciandole. Questo era in piena vista di altri dipendenti di sesso maschile, compresi i supervisori, che dovevano intervenire e tirarlo fuori dalle dipendenti di sesso femminile. Afrasiabi era così noto per molestare le donne che la sua suite fu soprannominata “Crosby Suite” dopo il presunto stupratore Bill Crosby. Afrasiabi chiamava anche le donne con nomi dispregiativi in ​​occasione di eventi aziendali. La condotta di Afrasiabi era nota ai dirigenti di Blizzard Entertainment, che non hanno adottato misure correttive efficaci. J. Allen Brack, presidente di Blizzard Entertainment, avrebbe avuto più conversazioni con Afrasiabi sul suo bere e che era stato “troppo amichevole” con le dipendenti durante gli eventi aziendali, ma ha dato ad Afrasiabi uno schiaffo sul polso (cioè consulenza verbale) in risposta a questi incidenti. Successivamente, Afrasiabi ha continuato a fare avances indesiderate nei confronti delle dipendenti donne, compreso afferrare la mano di una dipendente e invitarla nella sua stanza d’albergo e palpeggiare un’altra donna.

La causa sostiene anche che il World of Warcraft ha permesso e incoraggiato comportamenti estremamente preoccupanti nei confronti delle donne. “Dipendenti donne che lavorano per il World of Warcraft Il team ha notato che dipendenti e supervisori di sesso maschile ci avrebbero provato con loro, avrebbero fatto commenti sprezzanti sullo stupro e si sarebbero comunque impegnati in comportamenti umilianti”, secondo la denuncia.

Ecco il comunicato completo pubblicato dal World of Warcraft squadra, che era postato anche su Twitter:

Era chiaro dalle conversazioni del nostro team che volevamo presentare una dichiarazione che fosse rappresentativa dei sentimenti del team di World of Warcraft. Abbiamo chiesto a tutti i membri del nostro team di inviarci i loro suggerimenti e feedback su come affrontare al meglio la comunità e questo è il risultato.

Gli ultimi giorni sono stati un momento di riflessione per il team di World of Warcraft, trascorsi in conversazioni e contemplazioni, pieni di tristezza, dolore e rabbia, ma anche speranza e determinazione. Mentre diamo ascolto alle donne coraggiose che si sono fatte avanti per condividere le loro esperienze, ci impegniamo a intraprendere le azioni necessarie per garantire un ambiente inclusivo, accogliente e sicuro sia per la nostra squadra che per i nostri giocatori di Azeroth. Quelli di noi nella leadership capiscono che non è nostro compito giudicare quando abbiamo raggiunto i nostri obiettivi, ma piuttosto che il nostro team e la nostra comunità ci facciano sapere quando abbiamo ancora molto da fare.

Mentre ci rivolgiamo al nostro team per una guida nel nostro lavoro interno per proteggere i gruppi emarginati e ritenere responsabili coloro che li minacciano, vogliamo anche agire immediatamente su Azeroth per rimuovere i riferimenti che non sono appropriati per il nostro mondo. Questo lavoro è in corso e nei prossimi giorni vedrai molti di questi cambiamenti sia a Shadowlands che a WoW Classic.

Sappiamo che per ricostruire la fiducia, dobbiamo guadagnarcela con le nostre azioni nelle settimane e nei mesi a venire. Ma andiamo avanti sapendo che condividiamo la stessa visione della nostra comunità sulla creazione di un luogo in cui persone di ogni genere, etnia, orientamento sessuale e provenienza possano prosperare e chiamare con orgoglio casa.

—La squadra di World of Warcraft

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.