Naomi Osaka fuori dalle Olimpiadi dopo la sconfitta contro Marketa Vondrousova


Naomi Osaka, la superstar giapponese che ha acceso il calderone durante la cerimonia di apertura olimpica, è stata eliminata nel terzo turno del torneo di tennis di singolare femminile martedì in due set.

L’Osaka ha perso, 6-1, 6-4, contro Marketa Vondrousova della Repubblica Ceca in poco più di un’ora in uno straordinario sconvolgimento della più grande celebrità sportiva del paese ospitante. La sconfitta pose fine alla corsa di Osaka ai Giochi di Tokyo.

Osaka ha superato le sue prime due partite, la prima competizione che ha affrontato da quando ha abbandonato gli Open di Francia a giugno per affrontare problemi di salute mentale.

Martedì, invece, Osaka ha faticato fin dall’inizio. Per lunghi tratti del primo set, Osaka ha lottato per mantenere la palla in gioco. Ha commesso 20 errori nel set, 14 dei quali non forzati, e anche se non ha commesso un doppio fallo, non ha potuto fare affidamento sul suo servizio per prendere il controllo della partita come fa di solito.

La perdita ha sbalordito la manciata di persone presenti all’Ariake Tennis Park, dove una falange di fotografi giapponesi ha fiancheggiato il campo. Osaka, il giocatore n. 2 al mondo, era uno dei favoriti per vincere il torneo in casa, soprattutto dopo che Ashleigh Barty, il n. 1 al mondo, è stato eliminato al primo turno e altri migliori giocatori hanno perso nel round 2.

Osaka, che ha abbandonato l’Open di Francia a causa di una disputa con i funzionari del torneo sull’opportunità di partecipare a conferenze stampa obbligatorie dopo le partite, ha fatto una breve visita alla sala dei giocatori dopo la partita, quindi ha lasciato il campo prima di tornare più tardi per parlare con la stampa.

Poiché Osaka ha acceso il calderone olimpico venerdì sera tardi nel culmine della cerimonia di apertura dei Giochi di Tokyo, la sua partita di apertura è stata spostata da sabato mattina a domenica. Di conseguenza, Osaka stava giocando per il terzo giorno consecutivo.

Osaka ha affermato che la pressione di essere il volto dell’evento probabilmente ha avuto un ruolo nella perdita, ma non ha voluto usarla come scusa.

“Dovrei esserci abituata ormai, ma la scala di tutto è un po’ difficile a causa della pausa che mi sono presa”, ha detto. “Sono contento di non aver perso al primo turno, almeno.”

Osaka ha lottato per trovare il suo ritmo nel secondo set, molto più serrato del primo. Ha quasi eguagliato la Vondrousova ai punti ed è persino riuscita a rompere il servizio di Vondrousova, ma la giovane ceca ha giocato con una freddezza oltre i suoi 22 anni, data la grandezza del momento. Ha neutralizzato il potere di Osaka con una serie di giri e fette che non hanno mai permesso a Osaka di mettersi a proprio agio.

“Questa è una delle più grandi partite della mia carriera”, ha detto Vondrousova. “Naomi è la più grande ora. Era anche il volto delle Olimpiadi, quindi è stata dura anche per lei giocare così”.

Vondrousova ha detto di aver beneficiato del momento e del luogo della partita. Lei e Osaka hanno giocato per seconde sul campo centrale e, con un tetto in posizione martedì, non hanno dovuto preoccuparsi dei ritardi meteorologici.

Quando è finito, lei e Osaka hanno avuto un breve scambio in rete, con Osaka che le ha detto “buona partita” e Vondrousova che l’ha ringraziata per il complimento.

“Mi dispiace davvero ma sono così felice del mio gioco di oggi”, ha detto Vondrousova. “Ha molta pressione giocando in Giappone e alle Olimpiadi. Sapevo che avrebbe lottato fino alla fine. La fine è stata molto serrata. Poteva andare in entrambe le direzioni. È così tanta pressione che non riesco a immaginare”.

Il tennis olimpico è stato un osso duro anche per alcuni dei più grandi giocatori del gioco, richiedendo sei vittorie in soli otto giorni. Roger Federer non ha mai vinto la medaglia d’oro.

Osaka è arrivata dopo aver causato sconvolgimenti nel mondo del tennis e ha intensificato la discussione sugli atleti e sulla salute mentale, quando si è ritirata dagli Open di Francia e ha saltato anche Wimbledon dopo il suo rifiuto di sopportare quello che ha chiamato lo stress delle conferenze stampa obbligatorie agli eventi di tennis, soprattutto ai tornei del Grande Slam.

Ha rivelato di aver lottato con la depressione dal 2018 e ha affermato di sentirsi a disagio nell’ambiente pubblico a volte contraddittorio delle conferenze stampa. Ha lasciato l’Open di Francia dopo che gli organizzatori hanno minacciato di squalificarla se non avesse rispettato i suoi obblighi di stampa.

Per il pubblico, non era chiaro per un po’ quando Osaka avrebbe giocato di nuovo, anche con l’arrivo delle Olimpiadi. Pochi sapevano che a marzo le era stato chiesto di accendere la fiamma olimpica e che saltare il torneo era estremamente improbabile data la grandezza di quell’onore.

Quindi, a metà giugno, ha annunciato che avrebbe saltato Wimbledon, che si disputa sull’erba, ma sarebbe tornata a competere ai Giochi di Tokyo.

Nata in Giappone, ha scelto di rappresentare il paese nella competizione internazionale nel 2019. La madre di Osaka è giapponese e suo padre è haitiano. È cresciuta in gran parte negli Stati Uniti. Il torneo olimpico si gioca anche sul cemento, la superficie su cui Osaka ha avuto i maggiori successi.

Venerdì sera, si è unita a una breve lista di illustri accendini a fiamma olimpica, tra cui Muhammad Ali e Wayne Gretzky. Due giorni dopo stava ancora assorbendo l’esperienza e adattandosi alla vita come volto della celebrità olimpica.

“Mi sento un po’ fuori di testa in questo momento”, ha detto Osaka domenica, pochi minuti dopo aver vinto la sua partita del primo turno.

Osaka si dirigerà probabilmente in Nord America per lo swing sul cemento del tour di tennis professionistico che raggiunge il culmine con gli United States Open a fine estate. È la campionessa in carica degli US Open e cercherà il suo quinto titolo del Grande Slam.

Nonostante la sua perdita martedì, Osaka ha dichiarato: “Tutto sommato, davvero felice della mia prima esperienza olimpica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.