Instagram rende gli account per gli utenti sotto i 16 anni privati ​​per impostazione predefinita

Instagram di proprietà di Facebook sta introducendo modifiche progettate per rendere l’app più sicura per i giovani. D’ora in poi, chiunque si iscriva al servizio e abbia meno di 16 anni (o meno di 18 anni in alcuni paesi) avrà il proprio account impostato su privato per impostazione predefinita, anche se l’opzione per passare a pubblico sarà ancora disponibile. Chiunque abbia meno di questa età con un account pubblico ora riceverà una notifica che li incoraggia a passare al privato.

Instagram è da un po’ che tende a rendere gli account privati ​​predefiniti per i giovani. A marzo, ha iniziato a mostrare ai giovani che si iscrivono a Instagram un messaggio che esalta le virtù di avere un account privato. Ora, sta rendendo privato l’impostazione predefinita.

Facebook, la società sta anche introducendo modifiche al modo in cui gli inserzionisti possono rivolgersi agli utenti di età inferiore ai 18 anni. In precedenza, qualsiasi utente poteva essere preso di mira in base ai propri interessi e attività; informazioni che Facebook raccoglie da tutto il web, non solo le proprie proprietà, analizzando la cronologia di navigazione web degli individui, l’utilizzo delle app e simili. Ora, gli inserzionisti potranno scegliere come target solo utenti di età inferiore a 18 anni in base alla loro età, sesso e posizione. Questo vale per gli utenti su Instagram, Messenger e Facebook.

Su Instagram, la società afferma che sta anche facendo di più per limitare il modo in cui gli utenti problematici interagiscono con gli utenti di età inferiore ai 16 anni. La società afferma di essere in grado di identificare “comportamenti potenzialmente sospetti” dagli account. Ciò significa che l’account potrebbe essere stato recentemente bloccato o segnalato da una persona più giovane, ad esempio. Questi utenti sospetti saranno virtualmente separati dagli utenti di età inferiore a 16 anni: non verranno mostrati account di età inferiore a 16 anni nelle pagine Esplora, Reels o Account suggeriti per te, né vedranno commenti di utenti di età inferiore a 16 anni sui post di altri in grado di commentare i contenuti di utenti di età inferiore ai 16 anni.

“Stiamo cercando di capire se un adulto mostra comportamenti sospetti”, il capo delle politiche pubbliche di Instagram, Karina Newton, ha detto a NBC News. “L’adulto potrebbe non aver ancora infranto le regole, ma potrebbe fare cose che ci fanno guardare più profondamente”.

In precedenza Instagram utilizzava la sua capacità di identificare account sospetti per avvisare gli adolescenti quando ricevevano un messaggio diretto da uno di questi utenti. Ha anche impedito agli adulti di inviare messaggi agli adolescenti che non li seguono già.

Mentre Facebook sta cercando di rendere Instagram più sicuro e privato per gli adolescenti, sta ancora lavorando allo sviluppo di un’app per i bambini sotto i 13 anni (l’età minima attuale per iscriversi a Instagram). I piani sono stati segnalati per la prima volta da Notizie BuzzFeed a marzo, e sono stati accolti con critiche e lamentele diffuse.

Newton di Instagram ha dichiarato a NBC News che l’app di Instagram per minori di 13 anni era ancora in fase di elaborazione e che la società era in “profonda consultazione con esperti nello sviluppo dei bambini e sostenitori della privacy” per soddisfare le “esigenze delle famiglie e dei giovani”.

Ha detto Newton: “Stiamo cercando di costruire qualcosa che sia avvincente per le preadolescenti e funzioni per i genitori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.