L’attivista statunitense per i diritti civili Robert Moses è morto all’età di 86 anni | Notizie sui diritti civili


Robert Parris Moses, un attivista per i diritti civili degli Stati Uniti che ha subito percosse e carcere mentre guidava le campagne di registrazione degli elettori neri nel sud americano durante gli anni ’60 e in seguito ha contribuito a migliorare l’istruzione delle minoranze in matematica, è morto all’età di 86 anni.

Moses ha lavorato per smantellare la segregazione come direttore sul campo del Mississippi del Comitato di coordinamento non violento degli studenti durante il movimento per i diritti civili ed è stato al centro della “Freedom Summer” del 1964 in cui centinaia di studenti sono andati nel sud per registrare gli elettori.

Moses ha iniziato il suo “secondo capitolo nel lavoro sui diritti civili” fondando nel 1982 il Progetto Algebra, che includeva un curriculum sviluppato da Moses per aiutare gli studenti poveri ad avere successo in matematica.

Ben Moynihan, il direttore delle operazioni per il Progetto Algebra, ha detto di aver parlato con la moglie di Moses, la dottoressa Janet Moses, e ha detto che suo marito è morto domenica mattina a Hollywood, in Florida. Non sono state fornite informazioni sulla causa della morte.

Moses è nato ad Harlem, New York, il 23 gennaio 1935, due mesi dopo che una rivolta razziale ha provocato tre morti e 60 feriti nel quartiere. Suo nonno, William Henry Moses, è stato un importante predicatore battista del sud e un sostenitore di Marcus Garvey, un leader nazionalista nero all’inizio del secolo.

Ma come molte famiglie nere, la famiglia Moses si trasferì a nord da sud durante la Grande Migrazione. Una volta ad Harlem, la sua famiglia ha venduto il latte da una cooperativa di proprietà dei neri per aiutare a integrare il reddito familiare, secondo “Robert Parris Moses: A Life in Civil Rights and Leadership at the Grassroots”, di Laura Visser-Maessen.

Mentre frequentava l’Hamilton College di Clinton, New York, è diventato un Rhodes Scholar ed è stato profondamente influenzato dal lavoro del filosofo francese Albert Camus e dalle sue idee di razionalità e purezza morale per il cambiamento sociale.

Moses ha poi preso parte a un viaggio in Europa sponsorizzato da Quaker e ha consolidato la sua convinzione che il cambiamento provenisse dal basso verso l’alto prima di conseguire un master in filosofia all’Università di Harvard.

Moses non trascorse molto tempo nel profondo sud fino a quando non partì per un viaggio di reclutamento nel 1960 per “vedere di persona il movimento”. Cercò la Southern Christian Leadership Conference del reverendo Martin Luther King Jr ad Atlanta, ma trovò poca attività nell’ufficio e presto rivolse la sua attenzione alla SNCC.

“Mi è stato insegnato sulla negazione del diritto di voto dietro la cortina di ferro in Europa”, ha detto in seguito Moses. “Non ho mai saputo che ci fosse (la) negazione del diritto di voto dietro una cortina di cotone qui negli Stati Uniti”.

Il giovane difensore dei diritti civili ha cercato di far votare i neri nella contea rurale di Amite, nel Mississippi, dove è stato picchiato e arrestato. Quando ha cercato di sporgere denuncia contro un aggressore bianco, una giuria tutta bianca ha assolto l’uomo e un giudice ha fornito protezione a Moses al confine della contea in modo che potesse andarsene.

In seguito aiutò a organizzare il Mississippi Freedom Democratic Party, che cercò di sfidare la delegazione democratica tutta bianca del Mississippi.

Ma il presidente Lyndon Johnson ha impedito al gruppo di democratici ribelli di votare alla convenzione e ha invece lasciato che i meridionali di Jim Crown rimanessero, attirando l’attenzione nazionale.

Deluso dalla reazione liberale bianca al movimento per i diritti civili, Moses iniziò presto a prendere parte a manifestazioni contro la guerra del Vietnam, quindi interruppe tutti i rapporti con i bianchi, anche con gli ex membri della SNCC.

Moses ha lavorato come insegnante in Tanzania, in Africa, è tornato ad Harvard per conseguire un dottorato in filosofia e ha insegnato matematica al liceo a Cambridge, nel Massachusetts. Più tardi nella vita, il timido Moses fondò il Progetto Algebra.

Lo storico Taylor Branch, il cui “Parting the Waters” ha vinto il Premio Pulitzer, ha affermato che la leadership di Moses incarnava un paradosso.

“Oltre ad aver attratto lo stesso tipo di adorazione tra i giovani del movimento che Martin Luther King ha fatto negli adulti”, ha detto Branch, “Mosè rappresentava una concezione separata della leadership” come derivante e portata avanti da “persone comuni”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.