I vigili del fuoco combattono gli incendi che infuriano nel sud-ovest della Sardegna | Italia


I vigili del fuoco stanno lavorando per spegnere gli incendi che si sono rapidamente diffusi in parti della Sardegna sud-occidentale, distruggendo 20.000 ettari (50.000 acri) di foresta e costringendo l’evacuazione di 1.500 persone dalle loro case.

Molte aziende agricole e proprietà private sono state danneggiate dagli incendi, scoppiati sabato in provincia di Oristano.

L’UE ha inviato domenica quattro aerei antincendio, tra cui due Canadair forniti dalla Francia, per supportare 11 aerei che lavorano per spegnere gli incendi che infuriano vicino a 13 città. Gli sforzi sono stati ostacolati da venti forti e caldi.

I giornali in Sardegna hanno descritto gli incendi come “apocalittici”, con danni pari o potenzialmente eclissati a quelli causati dagli incendi boschivi nel 1983 e nel 1994.

Un'auto distrutta dall'incendio in provincia di Oristano
Un’auto abbandonata distrutta dall’incendio in provincia di Oristano. Fotografia: Emanuele Perrone/Getty Images

Circa 400 persone sono state evacuate dalle loro abitazioni nel piccolo comune di Scano di Montiferro nel fine settimana, con altre centinaia evacuate da città e villaggi tra cui Santu Lussurgiu, Cuglieri, Sennariolo, Tresnuraghes, Magomadas, Flussio e Tinnura.

“Ho messo la mia famiglia in macchina e siamo scappati”, racconta Carlo Inzis, titolare di un’azienda di ricambi auto a Cuglieri La Nuova Sardegna giornale quotidiano. “Prima siamo andati a Sennariolo, poi a Macomer e poi a Bosa… In sostanza abbiamo passato tutta la notte in fuga”.

Livio e Anna Sias hanno raccontato una storia simile: “Eravamo in sette in macchina… C’erano fiamme davanti a casa nostra, erano più alte degli alberi”.

Si teme che gli incendi possano estendersi a Nuoro, provincia della Sardegna occidentale. Più di 7.000 vigili del fuoco e volontari stavano lavorando per spegnere gli incendi.

“Gli incendi continuano ad essere attivi su diversi fronti. Ci sono tutte le squadre disponibili”, ha detto domenica in un comunicato i vigili del fuoco di Oristano.

Le autorità regionali hanno dichiarato lo “stato di calamità” mentre cercavano fondi dal governo centrale per riparare i danni e sostenere economicamente le persone colpite. “Serve un piano di sostegno immediato”, ha affermato Christian Solinas, presidente della Sardegna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.