Colonna: Quella volta che ho incontrato il Gran Mago del KKK David Duke | Problemi di gara


Satan ha recentemente fatto un cameo nel telegiornale serale più seguito in Francia. È apparso per sputare entusiasmo sul tentato colpo di stato di gennaio in America e stimolare la grande menzogna secondo cui i risultati delle elezioni presidenziali statunitensi del 2020 erano illegali.

Il nome legale del demone sullo schermo era David Ernest Duke, un 71enne autodefinitosi nazionalista bianco, antisemita, teorico della cospirazione anti-musulmana, criminale condannato e ierofante dell’ex presidente Donald J. Trump due volte messo sotto accusa.

L’America meglio conosce Duke come l’ex grande mago dei Cavalieri del Ku Klux Klan, il più antico gruppo di odio terroristico suprematista bianco d’America e protagonista del film muto del 1915 del regista DW Griffith “Birth of a Nation”.

Alcuni americani venerano Duke come il loro campione. La scorsa settimana, ad esempio, il Senato del Texas ha votato per eliminare l’obbligo che le scuole pubbliche del secondo stato più grande d’America insegnino che il Ku Klux Klan e le sue campagne di terrore per la supremazia bianca sono “moralmente sbagliate”. Altri lo disprezzano come un anziano statista del razzismo per lo più dimenticato. Facebook lo ha bandito nel 2018. Twitter nel 2020 ha tagliato il suo feed a 53.000 follower per “condotta odiosa”.

Duke rimane un filo macabro nel tessuto della nazione, una prova persistente che non c’è più niente in America troppo mostruoso per la credibilità umana.

Posso garantire che Duke rispetta quella definizione spietata perché il New York Daily News, dove ho coperto i crimini di New York City e le guerre civili in America Latina, nel 1978 mi ha mandato a incontrarlo a Jefferson Parish, in Louisiana, e tornare con una storia dettagliata su come questo figlio della pace, dell’amore e del riso integrale degli anni ’60 in qualche modo abbia mancato Woodstock ed è stato trasformato in un razzista professionista. La saggezza convenzionale dell’epoca ci assicurava che la generazione americana dei Baby Boomer – quelli, come Duke, nati tra il 1946 e il 1964 – di superstar politiche conservatrici e liberali fosse più illuminata. Duke era una mutazione esotica che non poteva resistere.

O così siamo stati portati a credere. Sono stato invece risucchiato in circa tre ore di macabre inadatte per un giornale di famiglia e non ho mai archiviato la storia, l’unica volta che il mio editore mi ha permesso di allontanarmi da una scadenza.

Era impossibile isolare cosa avesse attivato la metamorfosi di Duke. Oggi, più di quattro decenni dopo aver incontrato il Wiz, e dopo aver coperto per anni alcune delle peggiori atrocità globali conosciute dall’umanità, il mio incontro con Duke continua a innescare sogni di terrore forgiati di fatto.

Una selezione di abiti e cappucci del Ku Klux Klan in vari colori è appesa a un appendiabiti.

L’ufficio al piano terra del grande mago David Duke si trova dall’altra parte della strada rispetto a una scuola elementare integrata. Duke prende un fucile scarico e lo infila fuori da una finestra aperta.

“Bang-Bang”, grida, puntando l’arma verso un gruppo di bambini neri fuori per la ricreazione.

“Non farlo”, dico, ma lui continua a sbattere finché i bambini non scappano.

“Perchè lo hai fatto?”

Duke si gira. I suoi occhi azzurri sono cupi, terrificanti e, usando il lungo fucile come la bacchetta di un direttore d’orchestra, sventola l’arma verso una serie di una dozzina di disegni incorniciati inchiodati in cima alle pareti dell’ufficio.

“Questi sono i dodici tipi ebrei”, dice Duke. “Studiateli”, aggiunge, facendo una pausa. “Il tuo nome non è ebreo”, continua con un tono spaventosamente più interrogativo che dichiarativo.

“Sono greco”, dico.

“Fantastico”, dice Duke. “I greci capiscono la purezza”, aggiunge. “Andiamo a mangiare un po’ di gamberi per pranzo.”

Duke raccoglie le chiavi della macchina e si dirige verso una station wagon.

“Guarda questo”, dice, premendo un interruttore. Una grande croce adornata da numerose lampadine accese emerge automaticamente dalla parte posteriore del veicolo.

Le chiacchiere del tempo di guida di Duke sono costellate di “n*****s” e “k***s”. La sua capacità di impiegare violenti insulti razziali come nomi, verbi, aggettivi e avverbi, spesso nella stessa frase, è malevolamente notevole.

“Che tipo di donna preferisci?” chiede il duca.

“Beh, la mia ragazza è bionda.”

“E’ fantastico”, si entusiasma. “Anche a me piacciono le bionde”, aggiunge, afferrandomi improvvisamente la spalla mentre entriamo nel parcheggio.

“Devi stare attento”, avverte Duke. “Molte di quelle bionde sono ebree con i capelli tinti”.

All’interno del ristorante, dozzine di persone si sono messe in fila per schiaffeggiare Duke. Ho deciso che la decifrazione della follia comunitaria era meglio lasciare ai professionisti del settore medico, o forse agli statistici della Quinnipiac University, il cui recente sondaggio nazionale ha mostrato che l’85 percento dei repubblicani preferirebbe vedere candidati in corsa per la carica elettiva nel 2022 che sono per lo più d’accordo con Trump e il 66 percento vorrebbe vederlo candidarsi alla presidenza nel 2024.

Il diavolo è davvero nei dettagli.

Le opinioni espresse in questo articolo sono proprie dell’autore e non riflettono necessariamente la posizione editoriale di Al Jazeera.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.