Procuratore anticorruzione guatemalteca fugge dal Paese dopo il licenziamento | Notizie sulla corruzione


Il procuratore anticorruzione guatemalteco Juan Francisco Sandoval è fuggito dal paese sabato, poche ore dopo essere stato licenziato in una mossa che ha suscitato indignazione internazionale.

Sandoval, che fino a venerdì aveva guidato l’Ufficio del procuratore speciale guatemalteco contro l’impunità (FECI), è fuggito al confine salvadoregno nelle prime ore di sabato, ha detto Jordan Rodas, difensore civico dei diritti umani guatemalteco.

“La decisione è stata presa per salvaguardare la sua vita”, ha detto Rodas all’agenzia di stampa Reuters.

Sandoval è arrivato a La Chinamas, una città di confine in El Salvador, a circa 120 km (75 miglia) a sud-est di Città del Guatemala. È stato accompagnato nel suo viaggio fuori dal Guatemala dagli attivisti per i diritti umani, dall’ambasciatore svedese Hans Magnusson e dai giornalisti dell’Associated Press.

“Purtroppo, questa è diventata una situazione che molti dipendenti pubblici in Guatemala hanno dovuto affrontare semplicemente perché non siamo utili per il regime”, ha detto Sandoval, come riportato da AP.

“Ovunque io sia, continuerò a lavorare per il bene del popolo del Guatemala, ma per la mia sicurezza, non sarò usato da persone che hanno fatto dello sfruttamento dei fondi governativi uno stile di vita”, ha detto. .

I sostenitori guatemaltechi di Sandoval si radunano nelle strade di Città del Guatemala, il 23 luglio [Johan Ordonez/AFP]

Venerdì il procuratore generale del Guatemala Maria Porras ha rimosso il procuratore per corruzione di fama internazionale dal suo incarico.

Una dichiarazione del governo all’inizio di quel giorno affermava che Porras aveva rimosso Sandoval a causa di “costanti abusi e frequenti abusi all’istituzionalità” del ministero. “Data l’imminente mancanza di fiducia nel rapporto, oggi il suo rapporto di lavoro è terminato”, ha detto Porras.

Edgar Ortiz, direttore della ricerca legale presso la Liberty and Development Foundation, ha dichiarato ad Al Jazeera che i guatemaltechi sono profondamente delusi dalla rimozione di Sandoval, che Ortiz ha descritto come “il volto più visibile” nella lotta alla corruzione.

L’unità guidata da Sandoval è stata originariamente creata per affrontare le indagini guidate dalla Commissione internazionale contro l’impunità in Guatemala (CICIG), sostenuta dalle Nazioni Unite, che è stata rimossa dal paese nel 2019.

È un rispettato procuratore anticorruzione con precedenti di dozzine di reti criminali. Insieme all’ex missione anticorruzione delle Nazioni Unite, ha contribuito a far cadere l’ex presidente Otto Perez Molina e alcuni membri del suo gabinetto con l’accusa di corruzione.

“Il procuratore Sandoval è stato… il principale contributore a questa commissione e alla lotta contro la corruzione, quindi il pubblico in generale è piuttosto deluso e arrabbiato (con) il governo”, ha detto Ortiz ad Al Jazeera da Città del Guatemala sabato.

“C’è una relazione tra corruzione, spaccio di droga e criminalità organizzata”, ha aggiunto, spiegando che le indagini sulla corruzione condotte dall’unità di Sandoval “hanno raggiunto persone molto potenti e questo spiega cosa sta succedendo a Sandoval ora”.

La sua rimozione venerdì ha suscitato critiche internazionali, anche da parte dell’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che ha esortato il governo guatemalteco e altri in America Centrale a sradicare la corruzione.

“Il licenziamento da parte del procuratore generale Porras del campione anticorruzione Juan Francisco Sandoval è una mossa oltraggiosa”, ha scritto su Twitter Samantha Power, amministratore dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID). “Il popolo guatemalteco merita di meglio”.

Ivan Velasquez, l’ex capo della commissione anticorruzione delle Nazioni Unite espulso dal Guatemala, ha definito l’allontanamento di Sandoval “un atto illegale, arbitrario e criminale”.

“La comunità internazionale dovrebbe proteggerlo immediatamente”, ha detto Velasquez.

Nel frattempo, centinaia di guatemaltechi hanno protestato sabato davanti al palazzo presidenziale contro la rimozione di Sandoval.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.